partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


CineDams
Film da non perdere
Patti in Florence
Di Edoardo Zucchetti
Stanley Kubrick
The Exhibition
Oscar 2014: il trionfo di Sorrentino
Per l'Academy La grande bellezza è il miglior film straniero
Oscar 2012 in salsa retro
Vince The Artist
Breaking Dawn Part 1... The Marriage
Regia di Bill Condon
Cinema & Cibo
Un connubio che piace
Oscar 2011 senza sorprese
Brilla secondo copione Il discorso del re
Oscar 2010 al femminile
Il trionfo di Kathryn Bigelow
Nomination Oscar 2010
Cameron vs Bigelow

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  28/06/2022 - 07:53

 

  home>cinema > eventi

Scanner - cinema
 


Oscar 2003: le nominations
Brilla la stella di Chicago
13 candidature per il musical di Rob Marshall, 10 per Gangs of New York, 9 per The Hours
Fuori dal giro il Pinocchio di Benigni

 




                     di Paolo Boschi


The Hours
Bowling a Columbine
Chicago
Il pianista
Parla con lei
8 Mile
Gangs of New York
Il signore degli anelli: le due torri
Era mio padre
Lontano dal paradiso
Il mio grosso grasso matrimonio greco
L'amore infedele
Prova a prendermi
L'uomo senza passato
Spider-Man
Star Wars Episodio II - L'attacco dei cloni
L'era glaciale
Lilo & Stitch
Il pianeta del tesoro
Spirit
Nominations 2001
Oscar 2001
Nominations 2002
Oscar 2002
Nominations 2003
Oscar 2003


In vista della notte delle stelle, in programma il prossimo 23 marzo, la stella di Chicago brilla più che mai, in perfetto accordo con l'andamento dei Golden Globes. Il musical di Rob Marshall ha rastrellato ben tredici nominations complessive, molte relativamente alle categorie più prestigiose. A ruota seguono Gangs of New York con dieci nominations, The hours con nove e Il pianista con sette, mentre Il signore degli anelli: le due torri, Frida e Era mio padre sono appaiati a quota sei. Chicago si è fermato ad un passo dal record assoluto di nominations (detenuto da Titanic e Eva contro Eva, che ne ottennero 14), raggiungendo il terzetto costituito da Via col vento, Forrest Gump e Shakespeare in love. Per quanto riguarda il premio alla miglior regia i candidati sono Martin Scorsese (Gangs of New York), Stephen Daldry (The Hours), Rob Marshall (Chicago), Roman Polanski (Il Pianista) e Pedro Almodóvar (Parla con lei), ovvero le due maggiori sorprese dell’anno contro tre maestri indiscussi del cinema. La cinquina dei candidati nella categoria del miglior film vede in lizza Chicago, The Hours, Gangs of New York, Il pianista e Il Signore degli anelli 2. Concorreranno per l'Oscar al miglior attore protagonista rispettivamente l'inossidabile Jack Nicholson (A proposito di Schmidt), Daniel Day Lewis (Gangs of New York), Nicholas Cage (Adaptation), Michael Caine (The Quiet American) e Adrien Brody (Il Pianista). All'Oscar per la miglior attrice protagonista concorrono invece rispettivamente Nicole Kidman (The Hours), Renée Zellweger (Chicago), Julianne Moore (Lontano dal Paradiso), Diane Lane (L'amore infedele) e Salma Hayek (Frida). Sono in corsa per l’Oscar per la miglior attrice non protagonista rispettivamente Kathy Bates (A Proposito di Schmidt), Julianne Moore (The Hours), Catherine Zeta-Jones (Chicago), Meryl Streep (Adaptation) e Queen Latifah (Chicago). Per la corrispondente categoria maschile si contenderanno invece l’Oscar Chris Cooper (Adaptation), Ed Harris (The Hours), Paul Newman (Era mio padre), Christopher Walken (Prova a prendermi) e John C. Reilly (Chicago). Tra i premi più ambiti sicuramente figura anche l’Oscar per la miglior canzone originale, che sembra un affare privato tra gli U2, nominati per la prima volta per The hands that built America (dalla soundtrack di Gangs of New York) ed Eminem, che concorre con la sua Lose yourself (dalla colonna sonora di 8 Mile): le altre tre canzoni della cinquina sono I move on di Fred Ebb(Chicago), Burn it blue di Julie Taymor (Frida) e Father and daughter di Paul Simon (La famiglia della giungla). Per quanto riguarda il settore cartoons il favorito è sicuramente l’esilarante L’era glaciale: proveranno a sbarrargli la corsia preferenziale verso l’Oscar rispettivamente Lilo & Stitch, Il pianeta del tesoro, Spirited Away e Spirit - Cavallo selvaggio. Nella categoria effetti speciali sarà lotta a tre tra Spider-Man, Star Wars Episodio II - L'attacco dei cloni e Il signore degli anelli: le due torri. Da segnalare il record personale messo a segno da Meryl Streep con la sua tredicesima nomination in carriera, cui hanno risposto con la dodicesima Jack Nicholson e Paul Newman. L’exploit più notevole dell’edizione 2003 è però la doppia candidatura di Julianne Moore, nella categoria per la miglior attrice protagonista per Lontano dal paradiso ed in quella per la miglior attrice non protagonista per The Hours. Il caso più curioso riguarda però uno sceneggiatore inesistente candidato all’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale: trattasi di Donald Kaufman, nominato per Adaptation insieme al fratello Charlie, apprezzato sceneggiatore (nomination per Essere John Malkovich) che si è inventato il fratello gemello Donald alludendo in modo sagace alla trama del film (in cui Nicholas Cage interpreta appunto il doppio ruolo di due sceneggiatori). Il Pinocchio di Roberto Benigni, candidato italiano per la statuetta per il miglior film straniero, non essendo stato molto apprezzato in America (forse colpevolmente incompreso da pubblico e critica), è rimasto fuori dal giro delle nominations: l’Oscar di categoria è in ballo tra il messicano Il crimine di Padre Amaro, il cinese Hero, il finnico L'Uomo senza passato, il tedesco Nowhere in Africa e l’olandese Zus & Zo. Sono comunque tre gli italiani in lizza per l'Oscar, ovvero Alberto Grimaldi, tra i produttori di Gangs of New York, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo per la miglior scenografia, sempre per Gangs of New York. Tra i più delusi dalle nominations sicuramente Leonardo Di Caprio, presente come protagonista sia nel cast di Gangs of New York di Scorsese che in quello di Prova a prendermi di Spielberg e, come al solito, estromesso dalla cinquina riservata al miglior attore. Non ha raccolto granché la grande sorpresa del 2002 americano, ovvero Il mio grosso grasso matrimonio greco, ma Nia Vardalos, attrice protagonista nonché autrice del soggetto, concorre almeno nella categoria riservata alla miglior sceneggiatura originale.Analizzando il quadro complessivo delle nominations 2003 sembra che le scelte dell’Academy, una volta tanto, abbiano stabilito un buon rapporto tra cinema americano ed europeo, commerciale e d’autore. In attesa delle discussioni che si scateneranno, immancabilmente, all’indomani della notte degli Oscar...

Voto 7 (questione-Benigni a parte) 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner