partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Orlando, my political biography
Regia di Paul B. Preciado
Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 14:05

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


L'uomo senza passato
Regia di Aki Kaurismäki
Cast: Markku Peltola, Kati Outinen, Annikki Tähti, Juhani Niemelä; commedia; Finl./Germ./Fran.; 2002; C.

 




                     di Paolo Boschi


Ho affittato un killer
L'uomo senza passato
Miracolo a Le Havre


Lo spunto di partenza de L’uomo senza passato di Aki Kaurismäki sembra quasi una variazione sul tema centrale de Il fu Mattia Pascal di Pirandello: un uomo approda ad Helsinki presumibilmente in cerca di lavoro ma, appena arrivato, in un parco viene brutalmente malmenato da tre delinquenti, che lo lasciano a terra esanime, senza soldi né documenti. Trasportato in ospedale, nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo pare destinato a morte sicura: a sorpresa torna invece alla vita, una vita del tutto nuova perché, in seguito ai postumi dell’aggressione subita, non ricorda assolutamente nulla del proprio passato. Senza un soldo in tasca, il protagonista finisce in modo inevitabile nel milieu portuale intorno al quale orbitano i barboni della capitale finlandese e, per il buon cuore di uno strano poliziotto, si sistema in un container abbandonato: nonostante ignori i propri dati anagrafici, l’uomo, indefesso tobagista, si accorge di conoscere il mestiere di saldatore, e riesce a guadagnare qualcosa cominciando a sbrigare qualche lavoretto per l'esercito della salvezza. Con insospettabile determinazione, lottando contro una burocrazia che non lo riconosce, l’uomo progressivamente riuscirà a risalire la china ed a riappropriarsi della dignità perduta, trovando al contempo l’amore di una generosa volontaria dell’esercito della salvezza. In contrasto col titolo, l’identità perduta del protagonista tornerà infine a bussare alla porta: ma l’uomo senza passato ascolterà dalla voce della moglie il resoconto della sua vita dimenticata come un racconto che non lo riguarda, non gli appartiene, non ha più niente in comune con l’uomo che è diventato. Perfetta esemplificazione del cinema di Kaurismäki – gran parte delle cui pellicole sono interpretate da personaggi anomini, disadattati, indesiderabili e reietti della società – L’uomo senza passato è un film ironicamente malinconico, liricamente umoristico, teneramente essenziale, privo di buonismi di sorta, intrinsecamente etico, coloratissimo, punteggiato da dialoghi a tratti surreali e contrappuntato da una deliziosa colonna sonora di marca blues rock. Chicca indiscussa e summa dell'anarchia latente nella storia è la rapina in banca di un imprenditore fallito (e fortemente frodato) che ripartirà equamente la somma rubata tra gli operai che è stato costretto a licenziare. A Cannes 2002 l’ultima fatica di Kaurismäki si è aggiudicata il Gran Prix della Giuria ed il premio per la migliore attrice, assegnato a Kati Outinen, già musa del regista finlandese in molti dei suoi film.

L'uomo senza passato - Mies vailla menneisyyttä, regia di Aki Kaurismäki, con Markku Peltola, Kati Outinen, Annikki Tähti, Juhani Niemelä; commedia; Finl./Germ./Fran.; 2002; C.; dur. 1h e 37'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner