partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


M.I.A.
La cattiva ragazza delle musica
Nanni Moretti
Santiago, Italia
Benvenuto in Germania
Di Simon Verhoeven
Laurie Anderson
Heart of a Dog
C'è chi dice no
Regia di Giambattista Avellino
Draquila - L'Italia che trema
Regia di Sabina Guzzanti
Il piccolo Nicolas e i suoi genitori
Regia di Laurent Tirard
La classe - Entre les murs
Regia di Laurent Cantet
Io non sono qui
Regia di Todd Haynes
Sicko
Regia di Michael Moore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 00:05

 

  home>cinema > idee

Scanner - cinema
 


Bowling a Columbine
Regia di Michael Moore
Cast: Michael Moore; documentario; Usa; 2002; C.
Il caustico documentario premio Oscar 2003

 




                     di Paolo Boschi


Bowling for Columbine
Fahrenheit 9/11
Sicko
Capitalism: A Love Story


Il corpulento documentarista Michael Moore è un regista che non ha mai cercato di nascondere il proprio approccio di denuncia al cinema – vedere in merito la sua lunga battaglia contro l’ex presidente della General Motors Roger Smith, reo di speculazioni in serie e numerosi licenziamenti –. Bowling a colombine è un altro implacabile documentario di denuncia in cui l’obiettivo del cineasta americano stavolta è diretto contro la psicosi a stelle e strisce per le armi: partendo dalla nota strage andata in scena alla Columbine High School di Denver (dove nel 1999 tredici ragazzi furono massacrati da due compagni armati) Moore cerca di ricostruire la genesi della fobia americana per pistole ed affini, che affonda le proprie radici nel fertile terreno del bisogno di protezione e nel terrore di agguati, rapine et similia: una psicosi nazionale che conta più o meno 250 milioni di armi negli Usa, capaci di ‘fruttare’ qualcosa come 11.000 omicidi all’anno. Il viaggio prende avvio ovviamente da Columbine, Colorado, e precisamente dalla North American Bank, istituto di credito in cui l’apertura di un conto corrente dà diritto ad un gadget intrigante come un buon fucile. Poi si continua con una fermata dal barbiere per un taglio di barba e capelli, e nel negozio Moore può perfino rifornirsi delle munizioni indispensabili per un funzionale utilizzo del suo fucile nuovo di zecca. Il viaggio prosegue tra inserti d’animazione, filmati di repertorio ed interviste a go go in un notevole crescendo di sarcasmo ed umorismo: i sorrisi innescati da Moore sono ovviamente di sapore amaro – comunque esilarante il cartoon dedicato all’escalation dei WASP per l’autodifesa armata ad ogni costo–, perché il tema è caustico ed inquietante, ed alla fine le persone che la fobia armigerante lascia a terra ferite o senza vita sono uomini o ragazzi normali, gente comune la cui esistenza è arrivata bruscamente e traumaticamente a fine grazie agli sforzi promozionali delle lobbies del settore, abili a far proporre l’american dream come momento di lotta e di conquista, un’interpretazione molto libera del Secondo Emendamento della costituzione americana. Il tutto per arrivare all’apoteosi finale dell’allucinante intervista all’attore Charlton Heston, un tempo interprete storico di Ben Hur ed oggi ‘spietato’ presidente della National Rifle Association. Bowling a Columbine è valso a Moore il Premio speciale a Cannes 2002 e l’Oscar 2003 come miglior documentario. Da non perdere.

Bowling a Columbine - Bowling for Columbine, regia di Michael Moore, con Michael Moore; documentario; Usa; 2002; C.; dur. 2h

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner