partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


BlackOut
Regia di Giorgia Lorenzato e Manuel Zarpellon
I ragazzi stanno bene
Regia di Lisa Cholodenko
Che fine ha fatto Osama Bin Laden?
Regia di Morgan Spurlock
Capitalism: A Love Story
Regia di Michael Moore
L'onda
Regia di Dennis Gansel
Biùtiful Cauntri
Regia di Esmeralda Calabria, Andrea D'Ambrosio e Peppe Ruggiero
Fascisti su Marte
Regia: Corrado Guzzanti , Igor Skofic
Il grande silenzio
Regia di Philip Gröning
Viva Zapatero!
Regia di Sabina Guzzanti
Fahrenheit 9/11
Regia di Michael Moore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/12/2017 - 17:56

 

  home>cinema > off

Scanner - cinema
 


Capitalism: A Love Story
Regia di Michael Moore
Documentario; U.S.A.; 2009; C.

 




                     di Paolo Boschi


Bowling for Columbine
Fahrenheit 9/11
Sicko
Capitalism: A Love Story


Vent’anni dopo il pirotecnico Roger & Me, dove il corpulento cineasta di Flint se la prendeva col gran capo della General Motors, la grande industria automobilistica rea di aver causato il degrado della sua cittadina d’origine, Michael Moore ha diretto un nuovo documentario d’assalto col suo inconfondibile stile a base di umorismo ed irriverenza. Capitalism: A Love Story  è senza dubbio un documentario, ma in accordo col titolo è sicuramente anche una storia d’amore che, secondo il regista di Bowling a Colombine e Sicko, parte addirittura dall’antica Roma, quando sbocciò la perversa passione per i soldi e la corruzione cominciò a dilagare, un connubio esplosivo che durante il corso dei secoli ha trovato il suo terreno d’elezione  nel cosiddetto libero mercato, che la maggior parte delle persone oggi chiamano capitalismo, a giudizio insindacabile di Moore il peggior male della storia dell’umanità, tanto più in tempi di crisi finanziaria come quelli che stiamo vivendo. Capitalism: A Love Story mette dunque alla berlina un sistema economico che ha prodotto truffe bancarie a ripetizione, che ogni giorno fa perdere l’impiego o la casa ai cittadini comuni a causa dei traffici dei notabili di Wall Street, che impedisce ai disoccupati di ricollocarsi con facilità nel mondo del lavoro, un libero mercato senza regole in mano a lobbies senza scrupoli, pronte perfino a sottoscrivere di nascosto assicurazioni sulla vita dei propri dipendenti da riscuotere in caso di decesso. Ormai questo mondo è un bersaglio privilegiato dei media, ma Michael Moore ha il merito di mettere i fatti in una sequenza logica e di farci vedere le facce disperate delle vittime di un sistema marcio sin dalle radici, impressionandoci con alcune storie tragiche che molto fanno pensare sulla diffusa mancanza di moralità di Wall Street ed ambienti affini, senza omettere di ricercare le responsabilità politiche di tutto questo, che spesso finiscono per coinvolgere sia Democratici che Repubblicani ma che raggiungono l’apice nell’era Bush, da sempre il bersaglio prediletto dell’autore di Fahrenheit 9/11. È insomma il solito documentario a tesi di Michael Moore: lucido, serrato, immediatamente comprensibile e dichiaratamente fazioso, centrato sui classici colpi ad effetto del cineasta americano, che stavolta tenta di arrestare i grandi magnati della finanza e cerca addirittura di isolare Wall Street con un cordone della polizia, trattandosi del luogo di un crimine, quello commesso lucidamente e reiteratamente a danno dei piccoli risparmiatori e di tutti i cittadini che non contano. Il tutto usando con indubbia efficacia e grande ispirazione l’arma dello sberleffo, che ormai nei suoi documentari Moore ha reso una vera e propria forma d’arte: si sorride molto, ma al tempo stesso si comincia a riflettere e ci si indigna per l’attuale stato delle cose. Scusate se è poco…

Capitalism: A Love Story, regia di Michael Moore; documentario; U.S.A.; 2009; C.; dur. 2h

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner