partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


M.I.A.
La cattiva ragazza delle musica
Nanni Moretti
Santiago, Italia
Benvenuto in Germania
Di Simon Verhoeven
Laurie Anderson
Heart of a Dog
C'è chi dice no
Regia di Giambattista Avellino
Draquila - L'Italia che trema
Regia di Sabina Guzzanti
Il piccolo Nicolas e i suoi genitori
Regia di Laurent Tirard
La classe - Entre les murs
Regia di Laurent Cantet
Io non sono qui
Regia di Todd Haynes
Sicko
Regia di Michael Moore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/07/2019 - 02:46

 

  home>cinema > idee

Scanner - cinema
 


Nanni Moretti
Santiago, Italia
Il nuovo film-documentario diretto che racconta l’epopea (e il salvataggio) all’ambasciata italiana di più di 250 cileni, viene proiettato fino al 19 dicembre 2018 in esclusiva allo Spazio Alfieri di Firenze
Prodotto da Sacher Film, Le Pacte, Storyboard Media e Rai Cinema, 2018

 




                     di Giovanni Ballerini


Santiago, Italia
Mia Madre
Habemus Papam
Il caimano
Cannes 2001: il trionfo di Nanni Moretti
La stanza del figlio
Aprile
Caro diario
Palombella rossa
La messa è finita
Bianca
Ecce bombo


Tre anni dopo Mia Madre Nanni Moretti ha realizzato il tredicesimo lavoro della sua filmografia. L’interessante Santiago, Italia. il nuovo film-documentario diretto dal regista romano, che ha chiuso in bellezza la trentaseiesima edizione del Torino Film Festival, racconta l’epopea (e il salvataggio) di più di 250 cileni, che l’ambasciata italiana a Santiago compì all’indomani del colpo di stato del 1973, viene proiettato, dal 6 dicembre (alle 17, 18,30, 20 e 21,30), fino al 19 dicembre 2018 in esclusiva allo Spazio Alfieri di Firenze. Santiago, Italia racconta, attraverso le parole dei protagonisti e i materiali dell’epoca, i mesi successivi al colpo di stato dell’11 settembre 1973 che pose fine al governo democratico di Salvador Allende in Cile, pare con il sostegno della Cia e degli Stati Uniti. “Io non sono imparziale”, è così che Nanni Moretti rompe con la ritualità piuttosto classica fatta di interviste e materiali di repertorio con cui ha impostato il suo film, per inserire quello che appare un fuori onda, in cui uno dei due militari da lui intervistati gli dice di aver accettato di parlare perché rassicurato sulla sua presunta imparzialità. Ma come si può essere imparziali di fronte al bombardamento dell’esercito del suo stesso palazzo presidenziale, per cacciare un governo democraticamente eletto, caso unico per un partito comunista, che aveva portato avanti una politica totalmente legittima? Il docufilm, che è prodotto da Sacher Film, Le Pacte, Storyboard Media e Rai Cinema, come dicevamo, si concentra, in particolare, sul ruolo svolto dall’ambasciata italiana a Santiago, che diede rifugio a centinaia di oppositori del regime del generale Pinochet, consentendo poi loro di raggiungere l’Italia. Particolarmente accurata è la scelta delle persone intervistate, militanti di sinistra perseguitati dal regime e rifugiati nell’ambasciata italiana. Le modalità con cui centinaia di persone arrivarono nel perimetro della sede diplomatica furono spesso rocambolesche, mentre le stanze si riempivano di cileni di ogni età, molti anziani e bambini, dopo la decisione autonoma dell’ambasciatore italiano di accettarli tutti, in mancanza di una posizione chiara del ministero degli esteri di Roma.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner