partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere
Fuocoammare
Di Gianfranco Rosi
I racconti dell’orso
Regia di Samuele Sestieri e Olmo Amato
Youth - La Giovinezza
di Paolo Sorrentino

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 07:03

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Mia madre
Regia di Nani Moretti
Un grande lungo addio
Cast: Margherita Buy, John Turturro, Giulia Lazzarini, Nanni Moretti, Beatrice Mancini durata 106 min. Italia, Francia, Germania 2015

 




                     di Matteo Merli


Mia Madre
Habemus Papam
Il caimano
Cannes 2001: il trionfo di Nanni Moretti
La stanza del figlio
Aprile
Caro diario
Palombella rossa
La messa è finita
Bianca
Ecce bombo


Questo film parte da un addio. Semplicemente il film è un grande lungo addio che parte tutto da una madre in ospedale, anziana e non più in salute. Perché prima di tutto si parte dai sentimenti che trascinano con se un flusso di emozioni instabili e sconnesse, come il presente che stiamo vivendo. Margherita è una regista, e alla stesso tempo è Margherita Buy. Il suo compito è girare un film su gli operai di una fabbrica in sciopero che rischia di chiudere, ma allo stesso tempo si interroga se ha senso girarlo o pure no. Il fratello Giovanni è Moretti, e anche lui è quanto meno fuori sincrono, assorbito dalla malattia della madre e della consapevolezza che qualcosa si è perso inesorabilmente. In tutto ciò la finzione è oramai incrinata, è deteriorata, perché tutto quello che si vede è quanto meno frantumato e disperso in pensieri, ricordi o rituali retorici che non trovano sbocco. La regista Margherita chiede all’attore americano tronfio di sé, di non essere solo un interprete, ma di stargli accanto, per sentirlo e iniettarli le sue emozioni.
In fondo Mia madre è un percorso che mette a nudo sia Moretti che la Buy, per oltrepassarli e trovare un nuovo domani. Non c’entra più il Michele Apicella, il Moretti di Caro Diario, il percorso di questo smarrimento che riflette sull’oggi si è innescato con il caimano e trova in questa pellicola la sua ultima metamorfosi, che spinge Moretti a sbagliare a non essere pianamente lucido in tutti i passaggi, ma proprio per questo trova la strada dell’emozione diretta e semplice e non ricattando lo spettatore con le lusinghe funerarie di un inizio che sembrava presagire qualcosa d’altro: ma, per il suo disarmante pensiero riflesso sull’oggi che ci condiziona e che inevitabilmente si rispecchia in ognuno di noi. La madre è generatrice di vita e porta con se una valigia di ricordi: i libri di latino, il dizionario usato, le stanza vissute, che nella sua inevitabile fine sprigiona un implacabile dolore, ma che non annega nella chiusura in se, ma si estende ad uno sguardo oltre ed inevitabilmente pieno di rinnovamento.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner