partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


River to River
Hellaro, Badla e Kandasamys: The Wedding
Cinema in mostra
A Lucca FF e EC 2016
Udine Far East Film9
Corea del sud Vs. Giappone
Udine Far East Film9
Hong Kong & Cina
Il palmarès di France Cinéma 2005
Vincono Lioret e Piovani
Rosebud Films
Piccoli registi indipendenti alla riscossa
Far East Film7
Hong Kong & Cina
Far East Film7
Giappone
Spider-Man: the comics & The Movie
Fenomenologia dell'uomo ragno
I protagonisti di Non ho sonno
Regia di Dario Argento

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  27/02/2020 - 21:15

 

  home>cinema > speciali

Scanner - cinema
 


La stanza del figlio
Regia di Nanni Moretti
Cast: Nanni Moretti, Laura Morante, Jasmine Trinca, Giuseppe Sanfelice, Stefano Accorsi, Silvio Orlando; drammatico; Italia; 2000; C
Moretti Scanner Special

 




                     di Paolo Boschi


Santiago, Italia
Mia Madre
Habemus Papam
Il caimano
Cannes 2001: il trionfo di Nanni Moretti
La stanza del figlio
Aprile
Caro diario
Palombella rossa
La messa è finita
Bianca
Ecce bombo


L’anomalo musical su un pasticcere trozkista che Moretti tentava maniacalmente di girare all’interno di Aprile probabilmente non lo vedremo mai sul grande schermo: il regista romano è infatti tornato dietro la macchina da presa per La stanza del figlio, abbandonando il taglio diaristico delle ultime pellicole per narrare una lancinante storia di dolore. Protagonista del film non è l’atavico alter ego morettiano Michele Apicella ma lo psichiatra Giovanni (guarda caso), uno che per professione aiuta i suoi pazienti ad elaborare fobie e lutti nel tentativo di superarli o quanto meno mitigarne gli effetti – due in particolare sono l’aspirante suicida Orlando ed il maniaco sessuale Accorsi, bravi come di consueto –. Giovanni, oltre alle soddisfazioni professionali, ha una vita felice anche sul versante familiare: è sposato con una splendida moglie ed ha due figli adolescenti con i quali cerca in continuazione il dialogo. Il tranquillo ménage di una normale famiglia di provincia viene squassato dall’interno dalla morte del figlio, scomparso per un incidente occorso durante un’immersione subacquea: nessuno dei tre superstiti sa apparentemente superare la perdita, ognuno reagisce interiorizzando il dolore e distaccandosi dai congiunti, compreso lo psichiatra (e padre) Giovanni, che si scopre vittima d’un ironico rovesciamento dalla condizione di terapeuta a quello di paziente. Proprio Giovanni è il più traumatizzato in tal senso, perché continua a ripensare cosa sarebbe successo se fosse riuscito a convincere il figlio a correre con lui quella maledetta mattina, invece della programmata escursione in barca con gli amici: una telefonata di un paziente glielo aveva impedito ed il ragazzo era andato con i coetanei, ora Giovanni non riesce ad evitare di incolpare lo pseudo-suicida – che ha scoperto di voler vivere una volta colpito da tumore – per quell’involontaria richiesta di aiuto domenicale. La stanza nel figlio lascia intravedere nel finale un ritorno alla vita, con la famiglia che in qualche modo riesce a mettere insieme i cocci della disgrazia: ma senza retorica – e qui sta la bravura di Nanni Moretti –, senza sbalzi di registro e, soprattutto, senza facili vie d’uscite sentimentalistiche tipiche del cinema americano. Qui non ci si inventa un finale alternativo o un fantastico tuffo nel passato: l’unico modo realistico per risentirsi vicino ad un figlio troppo giovane per morire è transitare tra i poster della sua camera, aprire l’ultima estemporanea lettera annunciatrice di un flirt nascosto, risentire all’infinito sul lettore Cd una canzone che a lui sarebbe piaciuta (Leitmotiv malinconico della seconda parte del film). Vie normali, banalizzanti nel loro realismo, talora stupide per la spontanea ingenuità di certi gesti o modi di fare, di taluni palliativi emotivi che non servono al problema né offrono soluzioni ma fanno intuire un passaggio o un cambio di direzione interiore. Nel suo film più toccante in assoluto il regista romano ha saputo condensare in immagini l’inarrestabile vuoto della morte vissuta dalla prospettiva di chi resta, di chi ha perso un figlio o un fratello: un vuoto da confinare in un’indefinita (terapeutica) terra di mezzo, ma che resta sempre lì. Aver dato forma e sostanza ad un indelebile dolore segna lo zenit emotivo del cinema morettiano.

La stanza del figlio, regia di Nanni Moretti, con Nanni Moretti, Laura Morante, Jasmine Trinca, Giuseppe Sanfelice, Stefano Accorsi, Silvio Orlando; drammatico; Italia; 2000; C.; dur. 1h e 39’

Voto 8½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner