partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Cinema in mostra
A Lucca FF e EC 2016
Udine Far East Film9
Corea del sud Vs. Giappone
Udine Far East Film9
Hong Kong & Cina
Il palmarès di France Cinéma 2005
Vincono Lioret e Piovani
Rosebud Films
Piccoli registi indipendenti alla riscossa
Far East Film7
Hong Kong & Cina
Far East Film7
Giappone
Spider-Man: the comics & The Movie
Fenomenologia dell'uomo ragno
I protagonisti di Non ho sonno
Regia di Dario Argento
L'evento Non ho sonno
Regia di Dario Argento

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/08/2019 - 20:26

 

  home>cinema > speciali

Scanner - cinema
 


Far East Film7
Giappone
Sorprendentemente vivace
Dal 22 al 29 aprile 2005 - Teatro Nuovo e Visionario, Udine

 




                     di Matteo Merli


Far East Film7: presentazione del festival 2005
Far East Film7: Hong Kong & Cina
Far East Film7: Corea del Sud
Far East Film7: Giappone


Dal Giappone non possono che arrivare delle conferme, e questo oramai è un fatto assodato, anche perché la cinematografia del Sol Levante è una delle più produttive ed innovative a livello mondiale. Per questa edizione, i riflettori sono stati puntati sulla retrospettiva dedicata ai film di genere della Nikkatsu, tanto amati da Quentin Tarantino. L’etichetta della casa produttrice da il senso della retrospettiva: Nikkatsu Akushon ( che tradotto significa “azione” ), che evoca la capacità di dare vita a pellicola, tra gli anni cinquanta e sessanta, di chiara matrice hollywoodiana, ricalcando sia lo stile divistico che la riproduzione quasi pedissequa dei generi per eccellenza degli americani, come il western e il noir. Diciamo subito che la Nikkatsu è lo studio più vecchio del Giappone, ed è stato fondato nel 1912, diventando progressivamente una fucina di talenti come: Mizoguchi Kenji, Ito Daisuke, Uchida Tomu, dimostrando una vitalità produttiva nei diversi campi della cinematografia. Tra i film presenti tra la selezioni dei sedici titoli, spicca sicuramente il bizzarro Black Tight Killers di Hasebe Yasuharu, con al centro un giornalista di ritorno dalla guerra del Vietnam, che porta a cena una bella hostess, ma prima che si concluda la serata viene rapita. All’improvviso appaiono un gruppo di ragazze in calzamaglia nera che la salvano, uccidendo il rapitore. Alla fine si innesca una serie di colpi di scena conditi con doverose scene comiche e un gusto scenografico che riecheggia una spensieratezza pop, piacevolmente demodé. Il problema dei film della Nikkatsu, che sono importanti per comprende la storia del cinema giapponese di genere, risultano essere ripetitivi nelle forme contenutistiche e nello svolgimento, rendono pellicole come: Tales of gunman: quick-drawn Ryu di Noguchi Hiroshi, Crimson Pistol di Ushihara Yoichi, The Velvet Hustler di Masuda Toshio, similari e privi di mordente creativo. Per non parlare del western giapponese Plains Wanderer di Saito Buichi, pacchiano e innegabilmente senza un qualche interesse cinematografico. Stupisce invece Season of Heat di Kurahara Koreyoshi, che si allontana dalle convenzioni di genere della casa di produzione, per raccontare la vita di un malvivente, interpretato da Kawachi Tamio, che uscito di prigione a causa di una soffiata di un giornalista, che la colto sul fatto mentre rubava una borsa, inizia insieme a un complice una vita nella illegalità, fino a che incontra casualmente il giornalista con la fidanzata, e quest’ultima viene rapita e stuprata da Kawachi per vendetta. Alla fine il loro diverrà un legame fatto di ricatti. La borghesia dimostra di avere lo stesso volto dei poveri, sporchi e corrotti, pronti a difendere ad ogni costo la loro rispettabilità. Un film aspro e con uno stile visivo avvicinabile a quello della Nouvelle Vague, apprezzabile per l’inequivocabile cattiveria di fondo. A parte tutto la rassegna sul mondo della Nikkatsu action, ci ha dato la possibilità di conoscere da vicino questa fetta di cinema a noi sconosciuta, constatando la profonda fertilità immaginifica di questa nazione. Passando alla rassegna corrente, si è potuto vedere Lorelei: the witch of the pacific ocean di Higuchi Shinji, superproduzione basata sull’avventura fantastica nella seconda guerra mondiale del sottomarino giapponese, che ha il compito di intercettare e annientare il B-29 americano con a bordo la bomba atomica da sganciare su Tokyo. Un film ovviamente fracassone nella messa in scena di effetti speciali , ma con la purezza epica del racconto che si attiene diligentemente sulle corde medie di buon prodotto d’intrattenimento, che appena uscito nelle sale giapponesi è in cima al box-office. Crying out love, in the center of the world di Yukisada Isao, delinea nelle forme accese di un dramma romantico la storia d’amore tra Saku e Aki, che attraverso i nastri delle loro conversazioni in gioventù, acquista il potere catartico di un viaggio attraverso un amore indissolubile e lancinante, che indiscutibilmente affascina in alcuni momenti di culminante emozioni, ma a causa di una tenuta narrativa eccessiva e da alcuni frangenti prevedibili, fanno mancare alla pellicola quel melò conturbante indispensabile per la resa finale. Lady Joker di Hirayama Hideyuki, ci prova con il giallo raccontando il rapimento di un dirigente di una famosa fabbrica di birra, da parte da alcuni outsider della società giapponese, per ricavarne una certa somma di denaro. Quello che interessa al regista e analizzare le dinamiche dei protagonisti, mettendo in luce le profonde divisione che esistono in un mondo, dove i più agiati si discostano dall’accettare di riconoscere la rispettabilità dei più deboli, che a loro volta, incarnano il volto desolato di una sconfitta inevitabile, che assume i connotati di una spirale senza via di uscita . Un film profondamente amaro, abilmente costruito sulle tracce del thriller sociale, dimostrano il talento di Hirayama Hideyuki che già in passato ci aveva coinvolti con Turn e Laughing frog. Il Giappone, rappresenta ancora il punto focale della cinematografia orientale, inesauribile nella sua multiforme capacità di offerta, che spazia su un ventaglio di autore e opere, ineguagliabile per qualità e ricerca espressiva.

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner