partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Cinema in mostra
A Lucca FF e EC 2016
Udine Far East Film9
Corea del sud Vs. Giappone
Udine Far East Film9
Hong Kong & Cina
Il palmarès di France Cinéma 2005
Vincono Lioret e Piovani
Rosebud Films
Piccoli registi indipendenti alla riscossa
Far East Film7
Hong Kong & Cina
Far East Film7
Giappone
Spider-Man: the comics & The Movie
Fenomenologia dell'uomo ragno
I protagonisti di Non ho sonno
Regia di Dario Argento
L'evento Non ho sonno
Regia di Dario Argento

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2019 - 20:43

 

  home>cinema > speciali

Scanner - cinema
 


Spider-Man: the comics & The Movie
Fenomenologia dell'uomo ragno
Cast: Tobey Maguire, Willem Dafoe, Kirsten Dunst, J.K. Simmons, Cliff Robertson, James Franco; fantastico/azione; Usa; 2001; C.
Sam Raimi leggeva l'Uomo Ragno, lo amava e si vede

 




                     di Vittorio Renzi


Spider-Man 3 - Recensione
Spider-Man 2 - Recensione
Spider-Man 2 - Anteprima
Spider-Man - Recensione
Nella Tela del Ragno
Spider-Man - Original Soundtrack
Spider-Man: comics & The Movie
Sam Raimi e Spider-Man
Spider-Man. The Movie - Presentazione
Spider-Man: il film a fumetti
Il vostro amichevole Uomo Ragno di quartiere
Ultimate Spider-Man
L'Uomo Ragno: 11 settembre 2001
Ultimate Spider-Man Special
L'Uomo Ragno Speciale Estate 2002
Spider-Man: Blue


Chi è l'Uomo Ragno? E' il supereroe più famoso nella storia dei comics, secondo solo a Superman, forse anche a Batman, in ogni caso l'unico in cui ci si possa davvero identificare, dunque il più amato. Clark Kent è un alieno, Bruce Wayne un annoiato miliardario. Peter Parker invece è uno squattrinato studente, che diventerà poi uno squattrinato ricercatore universitario, con una vita incasinatissima, piena di lutti e di disgrazie che, almeno in parte, ha contribuito a far accadere. Un fumetto che, a leggerlo, esalta e intristisce al tempo stesso. Peter Parker, anche quando vince, perde. Lui e il suo alter ego sono in perenne lotta per costruire un equilibrio, una convivenza impossibile.

Sam Raimi leggeva l'Uomo Ragno, lo amava e si vede. C'è, in questa trasposizione su pellicola, tutta la sensibilità e la delicatezza che ogni vero fan dell' Arrampicamuri mette - o ha messo (i suoi primi fan oggi sono cinquantenni!) - nello sfogliare il giornalino: l'attenzione, cioè, a non sgualcirlo, a non strapparne le pagine. Questo, guardando il film, è ciò che più commuove: Raimi ha lottato e ha fatto scelte coraggiose. Ha ottenuto il vecchio buon costume rosso-blu, senza adattamenti o modernizzazioni di sorta (in un primo tempo si pensava addirittura ad un elmetto, al posto della maschera…); si è battuto per avere Tobey Maguire, scelta azzeccatissima, al di là della questione puramente accademica della "somiglianza fisica", perché qui c'è, in vero, un'incredibile identità psicologica: mi riferisco con questo alle qualità specificamente attoriali di Maguire, quelle che sono emerse nei suoi film precedenti; soprattutto, Raimi ha piegato gli effetti speciali a un uso puramente funzionale, e dunque mai virtuosistico, virtualeggiante, eccedente, della storia e del personaggio. Se mai ci fossimo chiesti, leggendo il fumetto, quali siano esattamente i movimenti del Tessiragnatele, quando svolazza tra i grattacieli di New York, che tipo di fluidità ricaveremmo da una visione rapida e in successione di tutte le vignette, come fossero fotogrammi… ebbene, ora lo sappiamo: un volo scomposto, spericolato, paradossale, eppure elegante, liberatorio, possente. Perché non dimentichiamolo: se Peter Parker è un giovane timido, insicuro e introverso, il suo super-io (in senso supereroistico ma anche psicoanalitico) è una vera forza della natura, pericolosamente vicino alla nozione di "mostro" (esattamente ciò che egli teme costantemente di diventare, di essere diventato). Anche per questo la storia dell'Uomo Ragno può essere letta come una delle migliori metafore sull'adolescenza: paura della diversità, della non accettazione da parte degli altri e, al contempo, un tentativo di imporre la propria personalità, non tanto attraverso il confronto con gli altri, quanto attraverso il contrasto e la lotta.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner