partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Takashi Murakami
Il cane che guarda le stelle
Rotomago, Julien Noirel
Nyarlathotep
Violet
GG Studio
Stefano Fantelli
El Brujo Grand Hotel
Matt Kindt
Super Spy
Craig Thompson
Habibi
Davide Aicardi
Extinction Seed
Daniel Clowes
Wilson
Jean-Claude Götting
Il baule Sanderson
Uli Oesterle
Hector Umbra

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 04:36

 

  home>strips > fumetti

Scanner - strips
 


Ultimate Spider-Man Special
La forza del team up ultimate-style
Marvel Crossover n. 33-34, Ultimate Spider-Man Special 1-2, bimestrale, pp. 96 e 112 [Marvel Italia]

 




                     di Paolo Boschi


Ultimate Spider-Man
Ultimate X-Men
Ultimate Spider-Man Special
Ultimate Spider-Man Special # 4


La Marvel Italia ha pubblicato i primi episodi della collana "Ultimate Team Up" in due volumi titolati "Ultimate Spider-Man Special". La formula è un'intelligente rivisitazione, per gentile concessione dello sceneggiatore Brian M. Bendis – il geniale creatore dell'universo Ultimate – della premiata formula della storica serie "Marvel Team Up": si tratta di avventure che vedono sempre come protagonista l'Uomo Ragno (in versione Ultimate, chiaramente) con partner supereroici a rotazione. A differenza del passato (ed in perfetto accordo col proprio stile) Bendis ha però rinverdito lo stereotipato schema di incontro/scontro tra supereroi che poi si uniscono per combattere un nemico comune: le avventure della nuova serie spesso mostrano nuove sfumature dei supereroi interessati e c'è una grossa attenzione per le tematiche in sottofondo. Esemplare in tal senso la prima storia in assoluto, dove Spidey incrocia le ragnatele con gli artigli del mutante Wolverine: i due si conoscono ed imparano a cooperare, mentre sullo sfondo Bendis esplora una tematica scottante come il razzismo, ovviamente dalla prospettiva degli umani timorosi del potenziale pericolo rivestito dai mutanti. Nel primo volume l'Uomo Ragno si trova anche ad affrontare la minaccia di Hulk in versione Ultimate, ispirata alla fase violenta e microcefala del golia verde. Ma Bendis comincia a fare davvero sul serio nel secondo “Ultimate Spider-Man Special”, che presenta invece ben cinque storie complessive. Le prime due introducono l’Iron Man dell’Ultimate Universe, che ha sempre il volto del playboy miliardario Tony Stark, stavolta privo di identità segreta e fermamente contrario a vendere a qualsivoglia offerente la rivoluzionaria tecnologia della sua armatura. Stark, essendo un geniale inventore, è per l’appunto un mito di riferimento per il giovane Peter Parker, che come Uomo Ragno gli darà una mano a neutralizzare la minaccia di un manipolo di ladri tecnologici: Bendis coglie l’occasione per ripresentarci le origini del supereroe corazzato, leggermente diverse da quelle ‘ufficiali’. Il volume presenta anche un’altra miniserie, addirittura un trittico di avventure interpretate, oltre che da Spidey, anche da Devil e dal letale Punitore, con i primi due impegnati nel tentativo di riassicurare il pericoloso giustiziere alle patrie galere. Il personaggio di Devil/Matt Murdock non presenta sostanziali novità rispetto alla serie regolare, come pure nemmeno il Punitore/Frank Castle, che pure ha vissuto sulla sua pelle un’indelebile tragedia familiare che lo ha indotto ad abbandonare la sua professione di poliziotto per votarsi allo sterminio dei criminali a tempo pieno. Il livello qualitativo dei due minicicli è interessante a livello narrativo, dunque la differenza finiscono per farla i disegnatori: il team up tra Spidey e Testa di Ferro è affidato al tratto da cartoonist puro di Mike Allred (che in genere i fumettari odiano o amano senza vie di mezzo), mentre l’ombroso trittico Spidey/Devil/Punitore è orchestrato graficamente dal maestro Bill Sienkiewicz, uno dei pochi disegnatori situato sulla sottile linea rossa che divide i comics dall’arte grafica tout court. Una collana interessante, “Ultimate Marvel Team Up”, e a tempo determinato: Bendis ha già deciso che con il numero sedici, nonostante il grande successo riscosso fino a questo momento, darà un taglio perentorio a questa serie collaterale prima che il livello qualitativo delle storie vada a calare. Nel variegato settore dei comics americani sono pochi gli autori che per onestà intellettuale si sarebbero comportati così: un motivo in più per azzardarne la lettura...

Marvel Crossover n. 33-34, Ultimate Spider-Man Special 1-2, bimestrale, pp. 96 e 112 [Marvel Italia]

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner