partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Takashi Murakami
Il cane che guarda le stelle
Rotomago, Julien Noirel
Nyarlathotep
Violet
GG Studio
Stefano Fantelli
El Brujo Grand Hotel
Matt Kindt
Super Spy
Craig Thompson
Habibi
Davide Aicardi
Extinction Seed
Daniel Clowes
Wilson
Jean-Claude Götting
Il baule Sanderson
Uli Oesterle
Hector Umbra

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/10/2018 - 02:01

 

  home>strips > fumetti

Scanner - strips
 


Takashi Murakami
Il cane che guarda le stelle
L’amore che lega un uomo ad un cane
Edizioni BD, pp.176, € 6,90

 




                     di Matteo Merli


Un cucciolo di cane viene adottato da una famiglia composta da padre, madre e una figlia. La bambina battezza il cane col nome di Happy. La storia è raccontata dal punto di vista del cucciolo che descrive le sue giornate assieme ai padroni, commentandone le azioni e lo stile di vita. Seppur filtrato dal modo di vedere le cose di un cagnolino, Happy è sicuramente esaustivo nel raccontare la sua famiglia. Il suo papà, così come lo chiama Happy, è l’addetto alle passeggiate, la mamma al cibo e Miku a sporadici momenti di gioco e svago. Il papà di Happy è il più loquace della famiglia, quello che più di tutti ama il cucciolo e se ne prende cura. il cane non può sapere che la relazione dei loro padroni è in crisi, ma si accorge del distacco perché la madre non si cura più dei suoi pasti come un tempo. Non sa che Miku è un’adolescente ribelle, e non lo guarda più. Il cane si stupisce del cambio d’orario delle sue passeggiate con Papà, che in realtà ha mutato abitudini di vita per cause di forza maggiore. Il mondo attorno a Happy cambia, si spezza e si ricompone. Papà a un certo punto impacchetta i suoi pochi averi e parte verso Sud. Il loro sarà un viaggio di sola andata sulle rive del mare.
L’albo del 2009, grande successo di critica e pubblico in Patria, dal quale è stato tratto anche un film dal vivo di Tokiyuki Takimoto nel 2011, è un gioiello di inestimabile valore.
Quello che stupisce da subito è il tratto lineare e caldo di Murakami capace di creare personaggi coinvolgenti e costruire una storia semplice e struggente nella sua cadenza narrativa compassata. Il legame tra papà e il cane si trasforma in un sentimento profondo e universale, che dimostra come l’amore non ha confine e riempie di gioia il cuore con semplice gesti e attraverso l’affetto di un normale animale domestico.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner