partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/08/2022 - 15:17

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Prova a prendermi
Regia di Steven Spielberg
Cast: Leonardo DiCaprio, Tom Hanks, Christopher Walken, Jennifer Garner, Nathalie Baye; commedia; Usa; 2002; C.
La storia vera di un vero truffatore

 




                     di Paolo Boschi


E.T. - L'extraterrestre
Jurassic Park
Il mondo perduto - Jurassic Park
Salvate il soldato Ryan
A.I. - Artificial Intelligence
Minority report
Prova a prendermi
The Terminal
La guerra dei mondi
Munich
Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo
War Horse


Due topolini caddero in un secchio pieno di panna. Il primo topolino si arrese subito e annegò, invece il secondo si affannò a tal punto da trasformare la panna in burro, così potè arrampicarsi e si salvò. Io sono il secondo topolino”. E’ la storiella che il Frank W. Abagnale padre pronuncia davanti alla platea di un Rotary Club, la stessa che Frank W. Abagnale Jr. utilizza in veste di preghiera al desco presbiteriano del futuro suocero, giusto un attimo prima di rivelare che, dopo aver esercitato la carriera medica, ha intenzione di dedicarsi all’avvocatura (e senza aver conseguito nessuna laurea). Già, perché Prova a prendermi è la storia vera di un imbroglione vero, un giovane artista dell’inganno il cui Dna truffaldino discende direttamente dal padre, suadente e sfortunato proprietario di un’avviata cartoleria incastrato a vita dalle eccessive attenzioni del fisco, ma imprigionato nel recinto delle regole sociali. Il blocco professionale di Abagnale padre innesca il perverso meccanismo del divorzio, e Abagnale Jr., incapace di indicare uno dei genitori per l’affidamento, scappa per non tornare più indietro, munito soltanto di un blocchetto d’assegni intestato a suo nome. Nel bel mezzo dei favolosi (ed ingenui) anni Sessanta, col passare dei mesi Frank diventa un enfant prodige della truffa, specializzato nel piazzare assegni falsi sfruttando le falle congenite negli automatismi bancari e, ovviamente, carpendo la buona fede altrui. Per risultare un cliente più credibile per le banche il giovane protagonista fa ricorso al discreto fascino della divisa, spostandosi di continuo per gli States ed utilizzando di volta in volta impeccabili coperture: pilota di linea, medico, avvocato, addirittura agente segreto. Ruoli plausibili ed allestiti ‘studiando’ i relativi lessici professionali in TV (telefilm d’ambientazione medica o giudiziaria, come “Perry Mason”) ed al cinema (il Connery di Agente 007, licenza d’uccidere, per esempio). Nel frattempo i soldi truffati indebitamente diventano milioni di dollari e Frank si trasforma per davvero in un topolino inseguito da un implacabile gatto, ovvero l’irriducibile agente Fbi Carl Hanratty, specializzato in frodi fiscali e per il quale assicurare il ragazzo alla giustizia diventa in breve un fatto personale. Prova a prendermi dal punto di vista narrativo è costruito à rébours: si parte dalla fine per scoprire come si è arrivati a tal punto attraverso una serie di sequenze ordinate cronologicamente, sequenze in continua alternanza tra la prospettiva del giovane protagonista e quella del suo ostinato cacciatore. Dopo il thriller futuribile Minority Report Steven Spielberg torna dietro la macchina da presa con questa intrigante commedia poliziesca dal ritmo serrato, ottimamente interpretata da un magnetico Leonardo DiCaprio e da un (volutamente) rigido Tom Hanks. Nonostante Spielberg abbia fatto spesso ricorso ad episodi storici o di cronaca nell’ambito della propria filmografia – basti pensare a Sugarland Express, Amistad e Schindler’s list –, è la prima volta che il regista americano racconta un fatto vero in chiave di commedia. Prova a prendermi, ambientato in un’America che oggi non esiste più, non è comunque un semplice film d’inganni fraudolenti e scanzonati sulla falsa riga de La stangata, Ocean’s eleven o i Signori della truffa, ma si configura come una pagina paradigmatica del disagio giovanile e nasconde in tralice uno struggente rapporto padre-figlio. Un’irresistibile fiaba morale con risvolto edificante: il vero Frank W. Abagnale, infine catturato, è passato dall’altra parte della barricata, diventando un prezioso e stimato collaboratore dell’Fbi. Da non perdere.

Prova a prendermi - Catch me if you can, regia di Steven Spielberg, con Leonardo DiCaprio, Tom Hanks, Christopher Walken, Jennifer Garner, Nathalie Baye; commedia; Usa; 2002; C.; dur. 2h e 20'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner