partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Wheel of fortune and fantasy
Di Hamaguchi Ryusuke
Visages, Villages
Di Agnès Varda e JR
Toscana a Cannes
Con Le Meraviglie
Ip Man - The Final Fight
Alle radici del kung fu
Django Unchained
L'ultimo Tarantino è spaghetti western
Il risveglio del fiume segreto
Il viaggio sul Po di Paolo Rumiz
Harry Potter: la fine della saga
Regia di David Yates
The Social Network
Regia di David Fincher
Robin Hood
Regia di Ridley Scott
Blade Runner: the final cut
Regia di Ridley Scott

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  26/09/2022 - 03:01

 

  home>cinema > anteprime

Scanner - cinema
 


Minority Report
Regia di Steven Spielberg
Usa, 2002, C, 145'. Cast: Tom Cruise, Colin Farrell, Samantha Morton, Max Von Sydow. Produzione: Cruise-Wagner, DreamWorks, Amblin. Distribuzione: 20th Century Fox.
Ancora fantascienza: stavolta il Peter Pan di Hollywood si misura con l'universo di Philip K. Dick. Uscita prevista: 27 settembre

 




                     di Vittorio Renzi


E.T. - L'extraterrestre
Jurassic Park
Il mondo perduto - Jurassic Park
Salvate il soldato Ryan
A.I. - Artificial Intelligence
Minority report
Prova a prendermi
The Terminal
La guerra dei mondi
Munich
Indiana Jones e il Regno del Teschio di Cristallo
War Horse


Esattamente vent’anni fa moriva Philip K. Dick, oggi riconosciuto come uno dei più grandi scrittori (non solo di fantascienza) del Novecento. Quello stesso anno, il 1982, vedeva l’uscita di Blade Runner, il film che avrebbe portato alla scoperta del genio visionario, lisergico e profetico di PKD presso il grande pubblico. Quest’anno sono usciti ben due film tratti dalle sue opere: Impostor e Minority Report.

Dopo A.I., che ha avuto un’accoglienza contrastata, il neolaureato Steven Spielberg ha deciso di aggiustare la rotta pur mantenendosi nel genere della fantascienza “adulta”, come aveva fatto già in passato con uno dei suoi film migliori, Incontri ravvicinati del terzo tipo: in Minority Report ha inserito maggiori dosi di cinismo e ironia (entrambi presenti in Dick), rifuggendo dal sentimentalismo che ha reso indigesto ad alcuni il film precedente. Il film sarà un incrocio tra noir e fantascienza che finora ha prodotto risultati notevoli: Blade Runner (1982), Gattaca (1997) e a suo modo Matrix (1999).

La sceneggiatura, basata sull’omonimo racconto del 1956, gli è stata inviata dal sempre attento Tom Cruise che ha anche il ruolo principale: quello di John Anderton,  agente della polizia Precrimine di Washington, anno 2054. Il mondo è sorvegliato dal nuovo sistema sperimentale di prevenzione dei crimini: tre precog (precognitivi), Agatha, Dashiell e Arthur, i cui nomi richiamano i tre maggiori scrittori di gialli (nell’ordine: Christie, Hammet e Conan Doyle), collegati a un computer, ricevono e trasmettono visioni sui crimini che verranno commessi nel futuro. Gli agenti provvedono dunque alla cattura dei futuri criminali e ad un riesame attraverso un discendente della macchina della verità: uno scanner ottico che legge e riproduce su CD i pensieri degli indagati. Tutto bene, fino a quando il nuovo indiziato diventa lo stesso Anderton. Le ipotesi sono almeno tre:1) Anderton commetterà un omicidio; 2) qualcuno sta cercando di incastrarlo; 3) i precog hanno sbagliato. Qui sta il dilemma: i precog possono sbagliare? E dove sta la verità se, come in questo caso, il risultato delle loro visioni è discordante (il “rapporto minoritario” del titolo)?

Ovviamante, come tutte le storie di Dick, anche questa lascia trapelare diversi inquietanti quesiti di ordine filosofico oltre che sociale: può essere davvero desiderabile e, soprattutto, perfetto un sistema che ha un’ingerenza totale nella vita dei cittadini (i richiami alla Cia e all’FBI sono puramente voluti); siamo davvero in grado di autodeterminare il nostro destino o questo è retto invece da qualche entità superiore? Malgrado le grandi capacità di Spielberg come regista, è poco probabile che il film riesca a uguagliare la ricchezza di tutto questo sostrato di pensiero: da un lato per via delle trame dello stesso Dick, piuttosto intricate, per cui è facile che assorbano gran parte della concentrazione; dall’altro, per la natura non esattamente filosofica del buon Spielberg; tuttavia bisogna dire che nessun regista oggi si permetterebbe di avvicinarsi con leggerezza all’universo PKD, così poco considerato quand’era in vita.

Le musiche sono affidate ancora una volta a John Williams (musicista “di famiglia”, dato che è anche l’autore della colonna sonora della saga lucasiana di Star Wars) e la fotografia a Janusz Kaminski (che due anni fa ha tentato infelicemente la via della regia con Lost Souls). Gli effetti speciali sono curati dalla Industrial Light & Magic e il budget totale è di 80 milioni di dollari.

Nel cast, accanto a Cruise, figurano Colin Farrell (Tigerland, 2000) e Samantha Morton. Samantha interpreta Agatha, una dei tre precog: 25 anni, inglese, è senz’altro una delle migliori attrici del momento: emersa grazie al bellissimo Under the Skin, ha lavorato già con registi come Woody Allen (Accordi e disaccordi,1999) e Amos Gitai (Eden, 2000).

Tra gli altri film tratti dalle opere di Dick: Atto di forza (1990), il francese Barjo (1992) e Screamers - Urla dallo spazio (1999). Da notare che fino ad ora sono stati soprattutto i racconti a ricevere le cure degli adattatori per il grande schermo. Speriamo vivamente che prima o poi vedano la luce – e nella maniera più appropriata - alcuni dei capolavori, quali Ubik, L’uomo nell’alto castello o la trilogia di Valis.

Minority Report uscirà nelle sale italiane il 27 settembre.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner