partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Oscar 2014: il trionfo di Sorrentino
Per l'Academy La grande bellezza è il miglior film straniero
Oscar 2012 in salsa retro
Vince The Artist
Breaking Dawn Part 1... The Marriage
Regia di Bill Condon
Cinema & Cibo
Un connubio che piace
Oscar 2011 senza sorprese
Brilla secondo copione Il discorso del re
Oscar 2010 al femminile
Il trionfo di Kathryn Bigelow
Nomination Oscar 2010
Cameron vs Bigelow
Oscar 2009
Una notte da… milionario per Danny Boyle
Dark Screen
Due giornate dedicate a Dracula
Le Età Del Cinema
XIV Convegno Internazionale di Studi

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 12:23

 

  home>cinema > eventi

Scanner - cinema
 


Oscar 2014: il trionfo di Sorrentino
Per l'Academy La grande bellezza è il miglior film straniero
Il miglior film è 12 anni schiavo. Sette statuette per Gravity

 




                     di Paolo Boschi


Alla fine nella notte degli Oscar 2014, dal palcoscenico del Dolby Theatre di Los Angeles, tutto è andato per il verso giusto e La grande bellezza di Paolo Sorrentino ha conquistato secondo le previsioni della vigilia la statuetta per il miglior film straniero dopo essersi aggiudicata qualche settimana fa anche i premi di categoria ai Golden Globes e ai Bafta Awards.  La grande bellezza succede così a La vita è bella di Roberto Benigni, che nel 1999 si aggiudicò anche l'Oscar per il miglior attore protagonista e quello per la miglior colonna sonora. Sul palco un emozionato Paolo Sorrentino ha ringraziato le variopinte fonti di ispirazione che hanno illuminato il suo cinema: "Fellini, i Talking Heads, Scorsese e Maradona", nell’ordine con cui le ha illustrate. Per l'Italia l'affermazione di Sorrentino, che a Hollywood già considerano una sorta di Fellini redivivo, segna il rilancio del cinema italiano negli States.  Ma chiaramente a livello internazionale sono altre le statuette che hanno brillato nella notte delle stelle durante l'86esima edizione della cerimonia degli Academy Awards, e senza dubbio il protagonista assoluto è stato 12 anni schiavo di Steve McQueen, che si è aggiudicato la statuetta di miglior film, quella di miglior attrice non protagonista (Lupita Nyong'o) e quella per la miglior sceneggiatura non originale. L'altro grande protagonista è stato Gravity di Alfonso Cuarón, che ha raggranellato ben sette Oscar, praticamente tutti quelli relativi alle categorie tecniche, più la statuetta per la miglior colonna sonora e quella, prestigiosissima, per la miglior regia. Tre invece gli Oscar assegnati a Dallas Buyers Club: sono andati ad un sorprendente Matthew McConaughey, giudicato miglior attore protagonista dai giurati dell'Academy, e un bravissimo Jared Leto, miglior attore non protagonista, oltre a quello per il miglior trucco e acconciature. L'ultima fatica di Woody Allen, Blue Jasmine, è invece valsa il secondo Oscar in carriera a Cate Blanchett, che stavolta si è aggiudicata la statuetta per la miglior attrice protagonista. Ben due anche gli Oscar tributati all'ultimo cartoon della Disney, Frozen - Il regno del ghiaccio, che ha vinto l'Oscar per il miglior film d'animazione e anche quello per la miglior canzone originale, Let it go, interpretata da Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez (capace addirittura di battere il brano di Bono Vox nella soundtrack del film dedicato a Mandela). Degna di menzione anche la statuetta per la miglior sceneggiatura originale, quella di Her, scritta da Spike Jonze. Due statuette anche per Il grande Gatsby: migliori scenografie e migliori costumi. Insomma, alla fine i grandi sconfitti sono stati American Hustle e The wolf of Wall Street, accreditati rispettivamente di dieci e cinque nomination. E Leonardo DiCaprio non ce l'ha fatta neanche stavolta a mettere le mani sulla statuetta di zio Oscar, ma ha decisamente tempo e talento per rifarsi negli anni a venire. Nel frattempo godiamoci la straordinaria affermazione del nostro Paolo Sorrentino...

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner