partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


C'era una volta... a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  12/11/2019 - 08:57

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Blue Jasmine
Scritto e diretto da Woody Allen
Quando l’aristocratico, che è in noi, va in crisi. Con una strepitosa Cate Blanchett, Sally Hawkins, Alec Baldwin, Peter Sarsgaard, Andrew Dice Clay, Joy Carlin, Richard Conti, Glen Caspillo
Usa 2013, C, 98 min. Warner Bros

 




                     di Giovanni Ballerini


Blue Jasmine
To Rome with Love
Midnight in Paris
Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni
Basta che funzioni
Vicky Cristina Barcelona
Sogni e delitti
Scoop
Match Point
Melinda e Melinda
Anything else
Hollywood Ending - Recensione
Hollywood Ending - Presentazione
La maledizione dello scorpione di giada - Recensione
La maledizione dello scorpione di giada – Altro parere
Criminali da strapazzo
Tracey Ullman parla di Criminali da strapazzo
Accordi e disaccordi
Tutti dicono I love you
Celebrity
Harry a pezzi
Pallottole su Broadway


Trasferirsi da New York a San Francisco può anche essere altamente problematico se si è viziati dalla vita e non si riesce a cambiare pelle all’occorrenza. Colpisce ancora una volta nel centro Woody Allen, che con l’interessante (e a tratti spiazzante) Blue Jasmine riesce a mettere in luce un frammento vivido dell’universo comportamentale contemporaneo in cui passioni, inadeguatezze e sentimenti si scontrano contro una realtà quotidiana che non si può e non si vuole accettare.
Il film del 2013, ben interpretato da una Cate Blanchett, azzeccatissima nei panni di Jasmine French, vede la protagonista, una donna dell'alta società newyorkese, in difficoltà nel ripartire altrove, dopo il crollo finanziario e l’aver chiuso (in tutti i sensi) il suo matrimonio con Hal, un ricco uomo d'affari (Alec Baldwin). La sorella Ginger (la brava Sally Hawkins), vedendola in grave empasse, le farà da guida nel mondo reale, presentadole amici, ospitandola a casa sua, invitandola a reagire, a trovare un’occupazione. Ma la regale Jasmine, nonostante qualche tentativo di reazione, rimarrà prigioniera del suo personaggio.
La pellicola sottolinea come spesso, senza rendercene conto, siamo davvero restii a cambiare status e, più in particolare, come il continuare a essere aristocratici, quando non si è più ricchi o non si ha più una posizione dominante, può diventare davvero anacronistico. Jasmine è bella e charmant, ma i suoi modi eleganti, il suo essere naturalmente snob, si trasformano in uno specchio deformante della sua storia personale, nell’urlo smorzato di una personalità che non sa cambiare cliché. Con il risultato di non essere neanche in grado di badare a sé stessa.
Cocktail e pillole fanno peggio che meglio. E gli psicofarmaci non illudono nemmeno più. Jasmine, che era perfetta e ammirata nel mondo dorato in cui viveva, quando questo si sgretola (il plot parla di un marito manager – truffatore che si impicca in prigione lasciandola sul lastrico, ma se invece avesse trattato del licenziamento e quindi della crisi di una top manager avrebbe poca la differenza) non sa reagire, non sa rimettersi davvero in gioco. Preda di un carattere e di una personalità forgiata in tanti anni di beau vivre l’ex grande signora di Manhattan mente a se stessa e agli altri, cerca alibi. Ma non li trova.
Allen, che ha scritto e diretto questa storia con insolita e sapiente determinatezza, scolpisce alla perfezione questa figura di donna al capolinea e, a differenza di tante sue altre commedie intellettuali, lascia in secondo piano l’ironia per stigmatizzare con un’intensità sapientemente acuminata la disarmante inadeguatezza di questa irrisolta icona femminile contemporanea. Un personaggio precario e instabile alle prese con le inadeguatezze di se stessa e di una vita vissuta (volente o nolente) ai limiti dell’onestà, lontana dalla verità e dalla sincerità.
Il film, in cui la Los Angeles Film Critics Association ha già premiato Cate Blanchett  come miglior attrice, ha ottenuto due nomination ai Goldeng Globes 2014 (una sempre alla Blanchett, come miglior attrice di un film drammatico e l’altra a Sally Hawkins, come Miglior attrice non protagonista), ma soprattutto ha dato la soddisfazione alla Blanchett di aggiudicarsi il suo secondo Oscar come migliore attrice protagonista.  

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner