partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


C'era una volta... a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  12/11/2019 - 10:24

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Basta che funzioni
Regia di Woody Allen
Cast: Larry David, Evan Rachel Wood, Patricia Clarkson, Adam Brooks, Lyle Kanouse, Michael McKean, Clifford Lee Dickson, Yolonda Ross, Carolyn McCormick, Henry Cavill, Ed Begley Jr., Steve Antonucci, John Gallagher Jr., Nicole Patrick; U.S.A./Fran.; 2009; C.
L'amore, la morte e il senso della vita

 




                     di Paolo Boschi


Blue Jasmine
To Rome with Love
Midnight in Paris
Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni
Basta che funzioni
Vicky Cristina Barcelona
Sogni e delitti
Scoop
Match Point
Melinda e Melinda
Anything else
Hollywood Ending - Recensione
Hollywood Ending - Presentazione
La maledizione dello scorpione di giada - Recensione
La maledizione dello scorpione di giada – Altro parere
Criminali da strapazzo
Tracey Ullman parla di Criminali da strapazzo
Accordi e disaccordi
Tutti dicono I love you
Celebrity
Harry a pezzi
Pallottole su Broadway


Dopo quattro splendide pellicole girate in Europa (tra cui un capolavoro come Match Point), per il grande Woody Allen è arrivato il momento di tornare negli ambienti e nelle atmosfere a lui più congeniali della sua amata New York. Stavolta il grande regista rinuncia a dirigersi e ripesca per l’occasione un copione accantonato da anni per affidarlo al comico Larry David, che regala rabbia e cinismo all’impagabile personaggio di Boris Yellnikoff, già scienziato in odore di Nobel, oggi anziano disilluso e pessimista cosmico animato da velleità suicide. Dopo essere stato abbandonato anche dalla consorte di una vita, il protagonista si è rinchiuso in uno squallido appartamento e tira avanti impartendo lezioni di scacchi a giovani allievi che non sopporta e tratta davvero malissimo. E continua a lottare ostinatamente col mondo intero senza filtri di sorta né peli sulla lingua. Una sera però a Boris capita d’imbattersi per caso in Melody, un’ingenua miss di provincia che è approdata nella Grande Mela in fuga dalla famiglia e vive per strada. Dopo aver acconsentito ad ospitarla per una notte nel modo più scortese che si possa immaginare, incredibilmente i giorni passano e la ragazza ancora più incredibilmente finisce per innamorarsi in barba al suo carattere asociale ed alla differenza d’età che li separa, tanto da sposarlo – sviluppo di evidente richiamo autobiografico, peraltro –. Il matrimonio, all’inizio felice, si vivacizza (in negativo) con l’arrivo della madre di Melody, per niente entusiasta della scelta coniugale della figlia e ben decisa a farla ricredere in merito. La donna, una vacua provinciale abbandonata dal marito, si evolverà a sorpresa in una disincantata fotografa d’arte concubina di due amanti intellettuali. Con l’arrivo del di lei confuso marito la situazione diventerà una vera farsa sentimentale dove tutto però finirà per andare per il verso giusto. Basta che funzioni è la solita irresistibile commedia di marca alleniana caratterizzata da tempi impeccabili e dalle immancabili battute verbalmente pirotecniche (troppe, al solito, per riuscire a ricordarle tutte), con il tradizionale ventaglio tematico del regista newyorchese che miscela con l’abituale brio le sue considerazioni sull’amore, sulla religione e sul senso della vita. Non mancano i consueti a parte con il pubblico, che stavolta però Allen esaspera al punto da creare un rapporto privilegiato tra il protagonista e gli spettatori. Fondamentalmente Basta che funzioni si propone di sviscerare l’imprevedibilità dei sentimenti e la casualità dell’attrazione che all’occorrenza salda caratteri anche molto diversi: Allen pare disilluso al riguardo, ma sembra dirci che se un rapporto sta in piedi, per quanto in equilibrio precario e nonostante l’assurda catena di eventi casuali che lo ha provocato, e per giunta regala felicità alla coppia, allora va benissimo così: basta che funzioni… Da non perdere.

Basta che funzioni - Whatever Works, regia di Woody Allen, con Larry David, Evan Rachel Wood, Patricia Clarkson, Adam Brooks, Lyle Kanouse, Michael McKean, Clifford Lee Dickson, Yolonda Ross, Carolyn McCormick, Henry Cavill, Ed Begley Jr., Steve Antonucci, John Gallagher Jr., Nicole Patrick; U.S.A./Fran.; 2009; C.; dur. 1h e 32’

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner