partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


George Romero
Omaggio al padre del cinema horror
Nicolas Provost
Scanner cinema novità
Ivan Zuccon
Bad Brains
Atelier Europa 2002
Una stagione di incontri con i protagonisti del cinema europeo
João Pedro Rodrigues
Una delle figure di spicco della nuova cinematografia portoghese
Incontro con Paul Mazursky
"...one day I saw I Vitelloni"
Robert Zemeckis: What Lies Beneath?
Il regista americano e la coppia Ford-Pfeiffer parlano del film
Ritratto di Ulrike Ottinger
Johanna d'Arc of Mongolia
Incontrando Tracey Ullman
L'attrice parla con Scanner di "Small Time Crooks"
Addio, Stanley Kubrick
Se ne va anche l'ultimo sognatore

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  12/11/2019 - 09:09

 

  home>cinema > ospiti

Scanner - cinema
 


Incontrando Tracey Ullman
L'attrice parla con Scanner di "Small Time Crooks"
Dal Festival di Venezia 2000

 




                     di Luca Rotella


Blue Jasmine
To Rome with Love
Midnight in Paris
Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni
Basta che funzioni
Vicky Cristina Barcelona
Sogni e delitti
Scoop
Match Point
Melinda e Melinda
Anything else
Hollywood Ending - Recensione
Hollywood Ending - Presentazione
La maledizione dello scorpione di giada - Recensione
La maledizione dello scorpione di giada – Altro parere
Criminali da strapazzo
Tracey Ullman parla di Criminali da strapazzo
Accordi e disaccordi
Tutti dicono I love you
Celebrity
Harry a pezzi
Pallottole su Broadway


Si fa fatica a cercare, in questa 57a Mostra del Cinema di Venezia, dei giovani talenti in grado di proporre idee originali sia in sceneggiatura che visivamente. Così i grandi maestri si riconoscono subito. Dopo lo straordinario "Merci pour le chocolat" di Claude Chabrol, considerato il film più bello del Festival, ecco che strappa applausi a scena aperta "Small time crooks" di Woody Allen che in Italia sarà distribuito dalla Cecchi Gori, a partire da ottobre col titolo, pare definitivo, di "Criminali da Strapazzo". Il nome di Woody Allen si aggiunge, insieme al regista francese al nome di Manoel De Oliveira che con "Palavra e Utopia" ha soddisfatto i palati dei cinefili più raffinati. Tracey Ullman: risate in gonnella - "Small Time crooks" di Woody Allen, è stato accompagnato al Festival di Venezia 2000 oltre che dal produttore Jean Doumanian , dall'attrice Tracey Ullman. Dopo Diane Keaton, che ha lavorato in numerose pellicole del regista newyorchese, ecco che Allen sceglie un'altra attrice dall'incontenibile verve comica. In conferenza Stampa l'attrice dice: "la cosa interessante di Woody è che non devi fare un'audizione perché lui già sa quello che sta cercando per la parte. Non c'è bisogno di essere particolarmente affascinanti o di avere inanellato una sfilza di successi e di incassi. Si tratta di essere la persona adatta e credibile." Non è la prima volta che la Ullman è diretta da Woody Allen "in effetti ho interpretato il ruolo di Eden Brant ( l'attrice briosa e melensa N.d.R.) in "Pallottole su Broadway" nel 1994. Inoltre avevo un piccolo ruolo in "Tutti dicono I love you" ma in fase di montaggio la mia parte è stata tagliata. Dopo tre anni però, eccomi qui protagonista." Alla domanda se considera un prestigio lavorare con un maestro come Allen risponde "mi ricordo di quando arrivai in America (Tracey Ullman è inglese N.d.R. ). Ero incinta e trascorrevo il tempo nella mia vasca ad idromassaggio guardando tutti i suoi film. Dissi a me stessa: devi cercare di tenere duro e restare qui per avere la possibilità di lavorare con questo tipo. E, grazie a Dio, ci sono riuscita". Dopo il ruolo di Francis Winkler in "Criminali da Strapazzo" e aspettando il suo esordio da regista, l'attrice sarà sugli schermi con il thriller "Panic" di Henry Bromell accanto a Neve Campbell. Ma torniamo ai dolcissimi criminali di "Criminali da strapazzo"che, forte del successo, insolito, al botteghino americano, è giunto a noi con l'eco di un film che portasse Allen allo stile dei suoi primi film. In effetti l'incipt della pellicola, che vede Woody nelle vesti di aspirante rapinatore di banca, ha fatto pensare subito a "Prendi i soldi e scappa" il lungometraggio che segnava l'esordio come regista. Al contrario però "Small time crooks" altro non è che l'esempio più emblematico di come si struttura una commedia leggera senza imperfezioni e sbavature. Allen rinuncia a qualsiasi tipo di ambizione cinematografica e si lascia divertire, sfornando oltre ai "dolci biscotti" - veri protagonisti del film - una serie di irresistibili battute e gag. La sua comicità che ha puntato sempre sulla scrittura qui si fa più mimica, omaggiando in alcune scene il nostro Totò, che Allen ammira profondamente. "Criminali da strapazzo" che ha fatto registrare il tutto esaurito alle varie proiezioni del Festival, va letto come un vero e proprio gioco "lubitschiano" dove mancano i virtuosissimi e le graffiate amare tipiche dell'Allen maturo, ma che è l'esempio di un cinema che si propone divertente senza essere grossolano o volgare.

Voto 8 alla disponibilità 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner