partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Lee Jung-jae
Il protagonista di Squid Game
Bong Joon-ho
Oscar 2020
George Romero
Omaggio al padre del cinema horror
Nicolas Provost
Scanner cinema novità
Ivan Zuccon
Bad Brains
Atelier Europa 2002
Una stagione di incontri con i protagonisti del cinema europeo
João Pedro Rodrigues
Una delle figure di spicco della nuova cinematografia portoghese
Incontro con Paul Mazursky
"...one day I saw I Vitelloni"
Robert Zemeckis: What Lies Beneath?
Il regista americano e la coppia Ford-Pfeiffer parlano del film
Ritratto di Ulrike Ottinger
Johanna d'Arc of Mongolia

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/06/2022 - 03:26

 

  home>cinema > ospiti

Scanner - cinema
 


Lee Jung-jae
Il protagonista di Squid Game
Ospite della XX edizione di Florence Korea Film Fest che gli dedica una selezione di 10 film
Il Florence Korea Film Fest terrà la sua ventesima edizione dal 7 al 15 aprile nei cinema La Compagnia, Stensen, MAD Murate Art District e online su Più Compagnia e Mymovies

 




                     di Giovanni Ballerini


Florence Korea Film Fest, 2022
Lee Jung-jae ospite del festival


La star coreana Lee Jung-jae sarà l’ospite speciale della XX edizione del Florence Korea Film Fest, il più importante festival italiano dedicato al meglio della cinematografia sudcoreana, che è in programma a Firenze dal 7 al 15 aprile 2022 nei cinema La Compagnia (sala principale della manifestazione), Stensen, MAD Murate Art District e on line sulle piattaforme Più Compagnia e Mymovies.
Attore di oltre 30 film, Lee Jung-jae è noto al grande pubblico occidentale anche per la sua recente interpretazione in Squid Game, l’intrigante e riuscita serie Netflix che, colpendo l’immaginario di più di una generazione, ha riscosso senza dubbio lo scorso anno un successo globale di molto superiore alle attese. Ma, del tutto meritato.
Il festival fiorentino non ha perso tempo e, per festeggiare i vent’anni della manifestazione, regala dunque al suo pubblico un momento unico, organizzato per la prima volta in Italia, con l’attore di una delle serie più viste degli ultimi tempi. Insieme Lee Jung-jae sarà presente anche il regista Hwang Dong-hyuk, che ha scritto e diretto la serie Netflix. I due ospiti si incontreranno in una masterclass in programma al festival sabato 9 aprile.
All’attore, con 30 film in carriera, ex modello, classe 1972, sarà dedicato un omaggio (il primo in Italia di questa portata) con una selezione di 10 film che hanno meglio caratterizzato il suo percorso artistico: dagli esordi di “The young man” (1994) e “An affair” (1998) a “City of the rising sun” (1999), che lo vede vincitore di ben due premi come miglior attore (Korean Association of Film Critics Award e Blu Dragon Award). Il festival ripercorre la sua carriera presentando “Il mare” (2000) che ha avuto un remake statunitense nel 2006 uscito anche in Italia con il titolo “La casa sul lago del tempo” con Sandra Bullock e Keanu Reeves. E poi “Asako in Ruby shoes” (2000); “New world” (2013) qui, al fianco di Choi Min-sik; “The face reader” (2013), progetto storico di Lee Jong-suk, uno dei film con il maggior incasso in Corea del Sud nel 2013, con 9,1 milioni di spettatori; “Assassination” (2015) thriller storico ambientato durante l’occupazione giapponese degli anni ’30 fino ai più recenti “Svaha the sixth finger” (2019) in cui l’attore è alle prese con un mistero che coinvolge una setta buddista e “Deliver us from Evil” (2020) che segna la riunione di Hwang e Lee dopo il loro film del 2013, New World.
Quest’anno il Florence Korea Film Fest presenta oltre 80 titoli tra lungometraggi e cortometraggi con proiezioni in prima italiana come il film d’inaugurazione “Heaven: to the Land of happiness” di Im Sang-soo, regista cult della cinematografia coreana (che sarà ospite del festival) e di chiusura, l’atteso “Escape from Mogadishu” di Ryoo Seung-wan, film campione d’incassi al botteghino in Corea del Sud basato su una storia vera, ambientato durante la guerra civile a Mogadiscio quando i diplomatici rivali della Corea del Nord e del Sud rimangono intrappolati.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner