partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle
Lo chiamavano Jeeg Robot
Di Gabriele Mainetti
Suspiria
Di Dario Argento
Veloce come il vento
Regia di Matteo Rovere

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/09/2019 - 14:47

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Anything else
Regia di Woody Allen
Cast: Jason Biggs, Woody Allen, Christina Ricci, Stockard Channing, Danny DeVito, Jimmy Fallon; commedia; Usa/Fran./Olan./Gran Bret.; 2003; C.
Niente è come l'amore. Nient'altro, per fortuna...

 




                     di Paolo Boschi


Blue Jasmine
To Rome with Love
Midnight in Paris
Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni
Basta che funzioni
Vicky Cristina Barcelona
Sogni e delitti
Scoop
Match Point
Melinda e Melinda
Anything else
Hollywood Ending - Recensione
Hollywood Ending - Presentazione
La maledizione dello scorpione di giada - Recensione
La maledizione dello scorpione di giada – Altro parere
Criminali da strapazzo
Tracey Ullman parla di Criminali da strapazzo
Accordi e disaccordi
Tutti dicono I love you
Celebrity
Harry a pezzi
Pallottole su Broadway


Con Anything else, evento d’apertura fuori concorso a Venezia 2003, l’inossidabile umorismo di Woody Allen torna sul grande schermo per il consueto appuntamento autunnale: l’ultima fatica del popolare regista newyorchese rielabora per l’ennesima volta il consolidato catalogo di variazioni alleniane sulla scrittura, sui turbamenti amorosi e sull’insoddisfazione esistenziale. Nel cast il volto nuovo da segnalare è senza dubbio quello di Jason Biggs, divo per eccellenza del pubblico giovanile grazie alla famigerata trilogia di American pie, in Anything else artisticamente rigenerato nei panni del protagonista Jerry Falk, un trentenne scrittore nevrotico che tira avanti con copioni per cabarettisti notturni, ovviamente sotto analisi da tempo (senza il minimo risultato), oppresso da un agente con vocazione da sarto da cui non riesce a staccarsi e desideroso di ritrovare la perduta armonia sessuale con la fidanzata Amanda (ancor più compromessa dalla recente convivenza forzata con la futura suocera Paula). Insomma, nel complesso il quadretto esistenziale al centro di Anything else si presenta piuttosto sconfortante, ma nella confusione delle proprie giornate Jerry Falk ha almeno l’insispensabile ausilio delle perle di saggezza stillate da Woody Allen in persona, nei panni di un maturo insegnante-umorista, David Dobbel, una sorta di futuribile versione del giovane protagonista, apparentemente meno succube delle situazioni e ben deciso a dare una svolta radicale alla propria vita, coinvolgendo anche Jerry in un lavoro per la TV a Los Angeles – oltre alla saggezza di Dobbel, Jerry scoprirà presto anche la sua composita fobia per le armi, l’autoprotezione e la giustizia amministrata sommariamente con le proprie mani –. Nel frattempo, la relazione tra un Jerry sempre più frustrato ed una Amanda sempre più egoista andrà sviluppandosi nell’unica direzione possibile. La solita deliziosa commedia di Woody Allen, impeccabile nell’esecuzione, ravvivata da un ritmo scoppiettante in cui anche i naturali tempi morti sono farciti dall’immancabile silloge di battute caustiche ed implacabili. Anything else miscela con gusto tutti gli stereotipi d’alleniana memoria: il jazz (con una guest star del calibro di Diana Krall), la sempre magica New York, gli amori difficili, il rodeo della vita, i compromessi dell’arte, la masturbazione psicanalitica, qui esemplificata da uno specialista che sa solo ascoltare passivamente, al punto da costringere lo sconsolato protagonista ad infrangere la quarta parete per confessarsi direttamente al pubblico. Manierismo allo stato puro, per certi versi, ma proprio esercizi di stile di siffatto calibro impediscono al cinema d’essere irreversibilmente fagocitato dall’imperante volgarità.

Anything else, regia di Woody Allen, con Jason Biggs, Woody Allen, Christina Ricci, Stockard Channing, Danny DeVito, Jimmy Fallon; commedia; Usa/Fran./Olan./Gran Bret.; 2003; C.; dur. 1h e 48'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner