partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Stanley Kubrick
The Exhibition
Oscar 2014: il trionfo di Sorrentino
Per l'Academy La grande bellezza è il miglior film straniero
Oscar 2012 in salsa retro
Vince The Artist
Breaking Dawn Part 1... The Marriage
Regia di Bill Condon
Cinema & Cibo
Un connubio che piace
Oscar 2011 senza sorprese
Brilla secondo copione Il discorso del re
Oscar 2010 al femminile
Il trionfo di Kathryn Bigelow
Nomination Oscar 2010
Cameron vs Bigelow
Oscar 2009
Una notte da… milionario per Danny Boyle
Dark Screen
Due giornate dedicate a Dracula

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  07/04/2020 - 14:23

 

  home>cinema > eventi

Scanner - cinema
 


74th Academy Awards
Il trionfo di Ron Howard
"A Beautiful Mind" ha vinto quattro Oscar nelle categorie principali

 




                     di Paolo Boschi


Nella cornice nuova di zecca del Kodak Theatre Hollywood è tornata come ogni anno a celebrare se stessa nella settantaquattresima edizione degli Academy Awards. Protagonista assoluto della notte degli Oscar è stato A Beautiful Mind, il film diretto da Ron Howard ed ispirato al libro di Sylvia Nasar sulla vera storia di John Nash, il matematico premio Nobel afflito da una grave forma di schizofrenia. A Beautiful Mind ha concretizzato quattro statuette su otto nominations, imponendosi nelle due categorie principali: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura non originale (ad Akiva Goldsman), miglior attrice non protagonista (a Jennifer Connelly, favorita della vigilia). Il grande sconfitto è il kolossal fantasy di Peter Jackson, Il signore degli anelli, forte di tredici nominations e premiato con quattro Oscar minori: effetti visivi, colonna sonora (Howard Shore), trucco e fotografia (Andrew Lesnie). La grande sorpresa dell’edizione 2002 degli Oscar è arrivata nella categoria riservata ai migliori attori protagonisti, dopo le numerose polemiche dei giorni scorsi in merito all’atavica mancanza di premi di colore. Alla fine Denzel Washington si è aggiudicato il suo primo Oscar da protagonista per Training Day (dopo quello vinto da attore non protagonista nel 1990 per Glory) battendo il favorito d’obbligo Russell Crowe: il bravissimo Washington è il primo attore di colore ad aver conquistato due Oscar in carriera, ed il secondo ad imporsi come attore protagonista dopo l’affermazione di Sidney Poitier nel 1964 per I gigli del campo – peraltro Poitier nel corso della serata è stato premiato con l’Oscar alla carriera insieme a Robert Redford –. L’exploit di colore si è completato con la vittoria di Halle Berry per il suo ruolo da protagonista in Monster’s Ball: una statuetta davvero storica per la splendida attrice, considerando che nessuna collega di colore era mai riuscita nell’impresa. Nelle categorie degli attori non protagonisti oltre alla Connelly è stato premiato Jim Broadbent per Iris. Nella nuova categoria riservata al miglior film d’animazione si è affermato il notevole Shrek della DreamWorks, mentre il cartoon sconfitto, Monsters & Co. della Pixar, è stato premiato per la miglior canzone, If I Didn't Have You di Randy Newman. Nel corso della serata, presentata dalla simpatica Whoopy Goldberg, a sorpresa nella categoria del film straniero si è imposto No Man’s Land del regista bosniaco Danis Tanovic, una storia drammatica e surreale ambientata nell’ex Jugoslavia durante il conflitto del 1993. No Man’s Land ha battuto Il favoloso mondo di Amélie di Jean-Pierre Jeunet, fenomeno d’incassi negli Stati Uniti, che sembrava il candidato di ferro della cinquina e, nonostante fosse plurinominato, non ha conquistato neanche una statuetta. Non è andata benissimo a Moulin Rouge (otto nominations) e Gosford Park (sette): il film di Baz Luhrmann ha vinto due statuette (costumi e direzione artistica), il giallo d’epoca di Robert Altman è stato invece premiato per la miglior sceneggiatura originale (firmata da Julian Fellowes). A completare il quadro mancano l’Oscar per i migliori effetti sonori, vinto da Pearl Harbor, quello per il miglior suono e per il miglior montaggio, in cui si è affermato Black Hawk Down di Ridley Scott, consegnato a Pietro Scalia, unico italiano premiato alla notte degli Oscar 2002, alla seconda statuetta in carriera dopo la prima vinta nel 1992 per JFK – Un caso ancora aperto di Oliver Stone. Nella notte degli Oscar c’è stato spazio anche per un divertente intervento di Woody Allen, che ha presentato un filmato dedicato alla cinematografia su New York, come pure per l’esilarante contributo di Roberto Benigni, che ha spiegato il suo amore per il cinema ricordando quando, da ragazzo, non avendo i soldi per pagare il biglietto di un cinema all’aperto, vide Ben Hur dalla parte opposta del telone su cui veniva proiettato il film: per lui da allora il classico di William Wyler è sempre rimasto Ruh Neb.

Voto 5 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner