partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/08/2022 - 00:21

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Il pianista
Regia di Roman Polanski
Cast: Adrien Brody, Thomas Kretschmann, Julia Rayner, Jessica Kate Meyer; drammatico/biografico; Fran./Germ./Pol./Gran Bret.; 2002; C.
La Palma d'oro di Cannes 2002

 




                     di Paolo Boschi


Frantic
Luna di fiele
La nona porta
Il pianista
Oliver Twist
L'uomo nell'ombra
Carnage


Ci ha messo una vita intera Roman Polanski per arrivare ad attingere linfa autoreferenziale dalla drammatica esperienza vissuta da bambino nel ghetto di Varsavia ma, una volta superato il comprensibile blocco, è riuscito a realizzare un indiscusso capolavoro della sua maturità, con una storia sulla Shoah di una bellezza disarmante, di un ineccepibile rigore formale ed al contempo di una durezza indicibile. Il pianista è ispirato ad una storia vera, l’odissea del giovane ed affermato pianista Wladyslaw Szpilman, ebreo polacco, costretto ad interrompere l’esecuzione in diretta radiofonica di un notturno di Chopin quando i tedeschi invadono la Polonia nel 1939 e quindi a farsi trasportare in una tortuosa spirale di incomprensibili orrori propri del Nazismo o direttamente innescati dal Nazismo: prima il disincantato esilio tra le mura del ghetto con la famiglia, poi la spietata lotta per la sopravvivere alla fame ed agli stenti, l’estemporanea fuga da un treno diretto ai campi di sterminio (cui non scamperanno i suoi familiari), l’insostenibile attesa della fine della guerra in un appartamento e quindi tra le macerie disabitate del ghetto. Paradossalmente sarà proprio un ufficiale tedesco ad aiutarlo a tirare avanti durante gli ultimi, estenuanti giorni prima della liberazione. Tornato alla vita ed alla dignità umana, Szpilman potrà riprendere il concerto interrotto anni prima. Vincitore di una meritatissima Palma d’Oro a Cannes 2002, Il pianista è un film intenso da far male, a tratti lirico ma mai enfatico, dotato di un’efficace sobrietà documentaristica, brutalmente realistico nella resa di una società devastata dalla guerra ma eterogenea: Polanski ci mostra ebrei talvolta spietati e nazisti all’occorrenza capaci di gesti di umanità, ribaltando la tipica logica manichea costante in pellicole di questo genere. Il pianista racconta anche un approccio graduale, prima attonito e quindi disilluso, alla follia del Nazismo: il protagonista, interpretato dal bravissimo Adrien Brody, dopo aver accettato con atteggiamento incredulo le restrizioni delle leggi razziali, la ghettizzazione della propria famiglia e della sua gente, dal momento in cui è costretto a darsi alla clandestinità diventa anche un testimone privilegiato della barbarie nazista, un voyeur allibito e progressivamente assueffatto agli assassinii estemporanei ed ingiustificati, alla vista sconvolgente di bambini e vecchi morti d’inedia ai bordi delle strade, smarrito dinanzi all’egoismo ed all’opportunismo di vittime come lui, stritolato dai morsi della fame, impotente dinanzi alle macroscopiche smagliature della storia. Distante anni luce dalla retorica buonista di Schindler’s List, al di fuori dalla contaminazione brillante de La vita è bella (o di Monsieur Batignole) e dalla vena sognante di Train de vie, Il pianista è una storia magnifica nella sua brutale crudezza e nel suo conciso minimalismo: l’ennesima riflessione sul lato oscuro dell’umanità elaborata da Polanski nella sua lunga carriera, da Rosemary’s baby fino a La nona porta. Splendido, assolutamente imperdibile.

Il pianista - Le pianiste, regia di Roman Polanski, con Adrien Brody, Thomas Kretschmann, Julia Rayner, Jessica Kate Meyer; drammatico/biografico; Fran./Germ./Pol./Gran Bret.; 2002; C.; dur. 2h e 28’

Voto 8½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner