partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  23/02/2024 - 12:35

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


L'uomo nell'ombra
Regia di Roman Polanski
Cast: Ewan McGregor, Pierce Brosnan, Kim Cattrall, Olivia Williams, Timothy Hutton, Eli Wallach, Tom Wilkinson, James Belushi; thriller; U.S.A./Germ.; 2010; C.
Da un romanzo di Robert Harris

 




                     di Paolo Boschi


Frantic
Luna di fiele
La nona porta
Il pianista
Oliver Twist
L'uomo nell'ombra
Carnage


Fa sempre un certo effetto quando uno dei pochi mostri sacri del cinema rimasti in circolazione – come Clint Eastwood, Woody Allen o Martin Scorsese – esce in sala con un nuovo film: alla ristretta categoria appartiene anche Roman Polanski, autore di una delle pellicole più significative del decennio (vedere in merito Il pianista) nonché il regista più hitcockiano di sempre, tanto più se con un nuovo thriller che regala suspense fino all’ultima inquadratura, ed anche grazie ad un pizzico di cronaca per il recente arresto all’aeroporto di Zurigo in base ad un’accusa di violenza sessuale risalente al 1977, la stessa che costrinse il cineasta polacco a lasciare gli Stati Uniti. Ma entrando nel merito dell’ultima fatica di Polanski regista, si tratta della traslazione sul grande schermo del romanzo The Ghost Writer di Robert Harris, che ne ha curato la sceneggiatura insieme allo stesso Polanski. Al centro della storia figura appunto un cosiddetto ghost writer, ovvero uno di quegli scrittori che mettono anonimamente le proprie capacità letterarie al servizio di qualcuno. All’inizio il protagonista riceve un’offerta di quelle che non si possono rifiutare: un quarto di milione di dollari per un mese di lavoro, una cifra spropositata per aiutare l’ex primo ministro britannico Adam Lang (che richiama spontaneamente la figura di Tony Blair) a stendere la propria autobiografia; il ghost writer accetta entusiasticamente, ma le cose iniziano a complicarsi al suo arrivo nella sperduta isola al largo della costa orientale degli States in cui Lang si è ritirato insieme alla gentil consorte Ruth ed alla sua scorta. Oltre all’isolamento inquietante della tetra magione del suo cliente, il protagonista si ritrova a lavorare in un clima tutt’altro che confortante: il suo precedessore ha infatti lasciato incompiuto il lavoro di revisione dell’autobiografia morendo in circostanze poco chiare, cadendo (o buttandosi) dal traghetto che collega l’isola al continente. Il giovane ghost writer inglese riceve direttamente dall’assistente di Lang la bozza da completare, che è protetta da un sofisticatissimo sistema d’allarme. A rendere la situazione ancora più difficile poco dopo Lang viene accusato pubblicamente di aver consentito la tortura di sospetti terroristi e di aver avuto legami segreti con la Cia durante il suo mandato di primo ministro britannico, notizie che presto attirano in loco l’occhio indiscreto della stampa e frotte di pacifisti infuriati. È in siffatti frangenti che l’incarico del protagonista diventa decisamente più scottante (e non soltanto sul fronte letterario), soprattutto in seguito al fortuito ritrovamento di una busta in cui il suo defunto collega ha raccolto una serie di notizie compromettenti riguardanti Lang. Conviene fermarsi qua, perché il vecchio Polanski ha costruito ad uso e consumo del suo affezionato pubblico il suo miglior thriller dai tempi di Frantic, dosando con efficacia corpose dosi di suspense in preparazione dell’immancabile finale a sorpresa, decisamente più gradevole da scoprire nel buio della sala. Per il resto il film si fa guardare nonostante la trama complessa ed i tempi dilatati ad arte con digressioni tipicamente hitcockiane sugli aspetti quotidiani dell’ambientazione e sui dettagli casualmente veicolati dai personaggi di contorno. Da segnalare anche l’ottimo cast, in cui giganteggiano e si confrontano Ewan McGregor e Pierce Brosnan, oltre ad Olivia Williams, brusca quanto magnetica. L’uomo nell’ombra è stato presentato in concorso alla sessantesima edizione del Festival di Berlino, in cui è stato premiato con l’Orso d’argento per la miglior regia. Da non perdere.

L'uomo nell'ombra - The Ghost Writer, regia di Roman Polanski, con Ewan McGregor, Pierce Brosnan, Kim Cattrall, Olivia Williams, Timothy Hutton, Eli Wallach, Tom Wilkinson, James Belushi; thriller; U.S.A./Germ.; 2010; C.; dur. 131’

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner