partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/08/2020 - 15:23

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Gran Torino
Regia di Clint Eastwood
Cast: Clint Eastwood, Christopher Carley, Bee Vang, Ahney Her, Brian Haley, Geraldine Hughes; drammatico; U.S.A.; 2008; C.
La vita, la morte, la giustizia e tutto il resto

 




                     di Paolo Boschi


Gli spietati
Un mondo perfetto
I ponti di Madison County
Potere assoluto
Fino a prova contraria
Space Cowboys
Debito di sangue
Mystic River
Million Dollar Baby
Flags of our fathers
Lettere da Iwo Jima
Changeling
Gran Torino
Invictus
Hereafter
J.Edgar


Ormai non c’è neppure da stupirsi che il vecchio Clint Eastwood, classe 1930, continui a meravigliarci con l’ennesimo capolavoro della sua lunga maturità artistica. In Gran Torino lo ritroviamo nella doppia veste di attore e regista a quattro anni dallo struggente Million Dollar Baby, dopo il quale ha continuato ad entusiasmare pubblico e critica con la rilettura della battaglia di Iwo Jima in doppio prospettiva nippo-americana, quindi ricostruendo l’agghiacciante caso di cronaca al centro di Changeling, in cui ha diretto una Angelina Jolie intensa come mai prima. Ma in Gran Torino torna proprio lui, il vecchio Clint, a dare corpo, anima e sentimenti a Walt Kowalsky, ex veterano della guerra in Corea, una vita passata a costruire macchine negli stabilimenti della Ford a Detroit, un uomo inacidito dall’odio per il diverso, incapace di dialogare con due figli che non ha mai capito, per certi aspetti quasi una versione anziana dell’ispettore Callaghan. Cominciamo a conoscerlo in tutta la sua burbera scontrosaggine al funerale dell’amata moglie, circondato da parenti e conoscenti che non gli danno alcun conforto, compreso il consigliere spirituale della defunta consorte, alla quale ha promesso di confessare Walt – e che per tutta risposta si ritrova ad ascoltare il rifiuto del vedovo, che gli precisa di chiamarsi Mr. Kowalsky –. Le uniche consolazioni del vecchio protagonista sono il suo cane, le birre in veranda e la sua splendida Ford modello Gran Torino del 1972, gelosamente custodita nell’attrezzatissimo garage e mantenuta in perfetta efficienza. Il vero cruccio di Walt è invece la comunità asiatica che gli ha invaso il vecchio quartiere di Detroit dove ha passato la vita e dove è ostinatamente intenzionato a morire: Walt li considera i suoi nemici di gioventù ma in realtà non li conosce e si limita ad odiarli nella loro diversità, a partire dai suoi vicini di casa, di etnia hmong. Peraltro la zona è turbata dalle frequenti scorribande di gang giovanili (ovviamente asiatiche) che le forze dell’ordine non riescono ad arginare. Le cose però cambiano quando il timido Thao, il figlio dei suoi vicini, viene costretto dalla banda del cugino Spider a rubare la Gran Torino di Walt: dopo aver sventato il furto, il dinamico anziano imbraccia il fucile a rischio della vita per scacciare la gang dalla sua proprietà e salvare Thao, che per fare ammenda gli dedicherà una settimana del suo tempo. Intanto Walt diventa suo malgrado l’eroe del quartiere, scoprendo che i suoi vicini hmong sono più simili a lui di quanto immaginasse e come lui attribuiscono grande importanza alla famiglia ed alla giustizia. Gran Torino approfondisce di qui in avanti il rapporto tra Walt e Thao, che si sviluppa in una sorta di legame filiale in cui l’anziano protagonista cercherà di insegnare al ragazzo i suoi grezzi ma validi precetti per diventare un vero uomo, prendersi le proprie responsabilità ed imparare a difendersi. Nel frattempo la corazza di razzismo e diffidenza di Walt andrà gradualmente sgretolandosi lasciando il passo ad una dirompente umanità che già prima riuscivamo ad intravedere, per quanto annebbiata da un’insostenibile solitudine. Nel finale, che ovviamente non sveliamo, Clint Eastwood ci impartirà con la consueta efficacia i valori del coraggio, della redenzione e del sacrificio. Prima però ci delizierà con le esilaranti sfumature di un personaggio burbero quanto irresistibile nella sua granitica visione della vita – da non perdere in tal senso i teatrini comici con il suo barbiere di fiducia, che apparentemente è il suo unico vero amico –. L’ennesima fatica di Eastwood regista ed attore – con un ruolo che pare davvero cucito su misura per lui – ci regala un personaggio davvero difficile da dimenticare, politicamente scorretto ma con un grande cuore, incorreggibile nel dire al prossimo quel che pensa nel modo più diretto possibile, ma al tempo stesso leale e capace di cambiare le proprie idee, per quanto radicate ed incattivite dall’età. In mezzo alle vicissitudini del suo protagonista Clint ha trovato il tempo di trattare i topoi ricorrenti del suo cinema di intenso rigore morale – la giustizia, il perdono, la coerenza – contaminandoli con le problematiche scottanti dell’America contemporanea – l’integrazione razziale e la crisi dei valori dell’America che fu –. Trascinante, intenso, ricco di umanità, in una parola imperdibile.

Gran Torino, regia di Clint Eastwood, con Clint Eastwood, Christopher Carley, Bee Vang, Ahney Her, Brian Haley, Geraldine Hughes, Dreama Walker, Brian Howe, John Carroll Lynch, William Hill, Scott Eastwood; drammatico; U.S.A.; 2008; C.; dur. 1h e 56’

Voto 9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner