partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  10/07/2020 - 04:04

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Flags of our fathers
Regia di Clint Eastwood
Cast: Ryan Phillippe, Adam Beach, Jesse Bradford, Jamie Bell, Paul Walker, Neal McDonough, Joseph Cross; bellico/storico/dramm.; U.S.A.; 2006; C.

 




                     di Paolo Boschi


Gli spietati
Un mondo perfetto
I ponti di Madison County
Potere assoluto
Fino a prova contraria
Space Cowboys
Debito di sangue
Mystic River
Million Dollar Baby
Flags of our fathers
Lettere da Iwo Jima
Changeling
Gran Torino
Invictus
Hereafter
J.Edgar


Tiziano Terzani, storico inviato del settimanale “Der Spiegel” nel Sud-Est asiatico, in Un indovino mi disse, un suo libro di qualche anno fa, definendo lo strano mestiere del cronista rilevò come ogni evento, se non registrato e diffuso in qualche modo, di fatto finisce per non esistere. Il concetto è vero per qualunque notizia conosca una diffusione internazionale, e di solito è ancor più vero per un’immagine fotografica, che spesso riesce a catturare il senso di un’intera guerra, di una tragedia, di un evento sovrannaturale. Ed  è proprio questo il punto di partenza dell’ultimo film di Clint Eastwood, che dal 1992, l’anno in cui diresse Gli spietati, non ha più sbagliato un colpo, fino agli due ultimi capolavori, l’implacabile Mystic River e lo splendido Million Dollar Baby. L’ultima fatica dell’ex taciturno pistolero senza nome lanciato nell’empireo cinematografico da Sergio Leone è appunto ispirata allo scatto più significativo del conflitto nel Pacifico tra americani e giapponesi durante la seconda guerra mondiale, quando cinque marines ed un ufficiale sanitario della marina statunitense furono immortalati nel momento in cui piantarono la bandiera sul Monte Suribachi, durante i giorni della cruentissima battaglia di Iwo Jima, un’ignota isola persa nel mezzo dell’Oceano Pacifico, caratterizzata da spiagge ombrose e cave solfuree. Per coloro che issarono lo stars and stripes si trattava di una semplice formalità priva di eroici retrogusti, ma quella foto fece il giro del mondo ed in patria contribuì in modo notevole a ridefinire (e ravvivare) il concetto di eroe, ridando senso e significato a chi aspettava il ritorno dei soldati dal fronte di quella che sembrava una guerra interminabile, oppure da chi inevitabilmente avrebbe dovuto piangere coloro che non sarebbero più tornati. Flags of our fathers è tratto dall’omonimo libro di James Bradley, il figlio di uno dei sei soldati ripresi nella nota fotografia, e sceneggiato da William Broyles, Jr. con Paul Haggis, già esordiente da Oscar quest’anno con Crash e l’anno scorso autore della strepitosa sceneggiatura che ha permesso a Eastwood di vincere il secondo Oscar da regista per Million dollar baby. Partendo dall’icona fotografica Eastwood ne esamina le entuasistiche reazioni in patria, dove tre dei sei soldati immortalati tornano per incarnare l’immagine dell’eroe davanti alla masse, iniziano senza sosta a girare per l’America, stringono mani di sostenitori che hanno finalmente trovato qualcuno in cui credere, pronunciano infiniti discorsi di incoraggiamento davanti ad una nazione quasi prostrata per lo sforzo bellico, ma allo stesso tempo scoprono con amarezza che una parte della loro anima è rimasta invischiata nella scura sabbia di Iwo Jima con le migliaia di compagni caduti. Questa pagina di storia, magistralmente rievocata nelle sue luci ed ombre (e dunque destinata a suscitare polemiche in serie) da Clint Eastwood, ha talmente colpito l’immaginario del regista americano da indurlo a dirigere anche una rilettura della sanguinosa battaglia dalla prospettiva dei giapponesi sconfitti in Letters from Iwo Jima, in uscita negli States all’inizio del 2007. L’ennesimo gioiello di Clint, imperdibile come sempre, del resto…

Flags of our fathers, regia di Clint Eastwood, con Ryan Phillippe, Adam Beach, Jesse Bradford, Jamie Bell, Paul Walker, Neal McDonough, Joseph Cross; bellico/storico/dramm.; U.S.A.; 2006; C.; dur. 2h e 10’

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner