partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/02/2020 - 17:01

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Il sarto di Panama
Regia di John Boorman
Cast: Pierce Brosnan, Geoffrey Rush, Jamie Lee Curtis, Catherine McCormack, Harold Pinter; thriller/commedia; Usa/Irlanda; 2001; C

 




                     di Paolo Boschi


Il sarto di Panama - Il romanzo
Il sarto di Panama - Il film
Il giardiniere tenace


E' una vita perfetta, cucita su misura, quella di Harry Pendel, di professione sarto e proprietario della "Pendel & Braithwaite", l'atelier più famoso di Panama City, emanazione centroamericana dell'omonima sartoria di Savile Row, Londra. Harry Pendel è sposato con una bella moglie, Louisa, ed è padre di due simpatici bambini: sul lavoro, poi, è un vero artista, tanto abile con le forbici a confezionare abiti quanto con la lingua ad ammannire la facoltosa ed affezionata clientela. Il passato di Pendel però non è cristallino come pare: l'arte di tagliare e cucire l'ha infatti appresa in gioventù durante un triste periodo carcerario, mentre la sua blasonata ditta è un'invenzione del defunto zio Benny, che l'ha inviato a Panama ad aprire un negozio per tenerlo lontano dai guai, finanziandolo con la buonuscita dell'assicurazione per l'incendio doloso per il quale Harry è finito in galera. Una vita passata che Pendel ha chiuso in un cassetto, confezionandosi un'identità rispettabile e consona alla sua famiglia ed ai suoi clienti che, nel suo rispettabile negozio, si rilassano e, tra una prova e l'altra, elargiscono confidenze. Dato di non poco conto considerando che da Pendel vanno a vestirsi tutti quelli che a Panama contano qualcosa: notabili, ministri, avvocati, giornalisti, narcotrafficanti e diplomatici. E Panama, che dalle dodici del 31 dicembre 1999 è tornata alla sovranità locale, è una piccola nazione dall'incalcolabile valore strategico, il punto di collegamento tra l'Atlantico ed il Pacifico, il Nord America e l'America Latina. Il sarto di Panama di John Boorman prende avvio mostrandoci la nuova destinazione di Andrew Osnard, ovvero Panama: Osnard è una spia al servizio della corona britannica che, tra i duecento sudditi di Sua Maestà la Regina residenti in loco, ha subito intuito l'enorme potenzialità di informatore del buon sarto su segreti e malaffari del canale. Osnard si presenta come cliente e, mentre Pendel gli fa scegliere le stoffe e gli prende le misure, piazza il suo ricatto, offrendogli in cambio di appianare l'ipoteca che grava sul suo negozio per un investimento sbagliato (ed ignoto alla moglie). S'innesca così una delirante spirale di controinformazione che, secondo copione, sfuggirà di mano al fantasioso autore: già, perché Pendel, privo di materiale esplosivo da confidare al suo mecenate e ricattatore, finirà per inventarsi una fantomatica opposizione silenziosa capeggiata dal vecchio ex combattente Mickey, stroncato dai carcerieri di Noriega, e dalla sua saggia assistente Marta, finita col volto per metà sfigurato nello stesso periodo. Un'ipotesi decisamente 'arrapante' per i vertici di Londra, ancor più se alimentata da una balla di scala internazionale - la svendita tout court del canale orchestrata dal governo panamense - che Osnard puntualmente segnala ai suoi capi ed innesca il pronto intervento dei cugini americani (e fiumi di dollari, of course). John Boorman, già regista di Senza un attimo di tregua e Un tranquillo week-end di paura, dirige con verve ed eleganza questo irresistibile thriller con risvolti da commedia degli equivoci ma conseguenze tragiche, al solito, per gli innocenti: il taglio della storia è spesso parodico, ma supportato da un'ironia lucida e tristemente realistica. Il sarto di Panama, traslazione sul grande schermo dell'omonimo romanzo di John Le Carré, è stato fortemente voluto dallo scrittore britannico, impegnato in prima persona in cabina di produzione e sceneggiatura. Il cast si dimostra decisamente all'altezza: Geoffrey Rush interpreta con la consueta disinvoltura il pavido e fantasioso sarto; sembra uscita direttamente dalle pagine della fonte letteraria anche la spia amorale affidata a Pierce Brosnan, nonostante lo stesso Le Carré ne abbia osteggiato la presenza nel film, preoccupato che la sua aria da James Bond offuscasse il personaggio di Andy Osnard. Riuscito cameo del drammaturgo inglese Harold Pinter nei panni dello zio Benny/Arthur Braithwaite. Una sophisticated spy comedy da non perdere.

Il sarto di Panama - The tailor of Panama, regia di John Boorman, con Pierce Brosnan, Geoffrey Rush, Jamie Lee Curtis, Catherine McCormack, Harold Pinter; thriller/commedia; Usa/Irlanda; 2001; C.; dur. 1h e 49'

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner