partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Radio On
Regia e sceneggiatura Chris Petit
Mediterraneo
Regia di Gabriele Salvatores
In The Mood For Love!
Regia di Wong Kar Wai
Cielo sopra Berlino
Di Wim Wenders
Il bell'Antonio
Di Mauro Bolognini
Quadrophenia
Degli Who
Vertigo - la donna che visse due volte
Di Alfred Hitchcock
A piedi nudi nel parco
Regia di Gene Saks
Il diavolo veste Prada
Regia di David Frankel
Colazione da Tiffany
Regia di Blake Edwards

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/04/2024 - 12:15

 

  home>cinema > cult

Scanner - cinema
 


Train de vie - Un treno per vivere
Regia di Radu Mihaileanu
Cast: Lionel Abelanski, Rufus, Clément Harari, Michel Muller, Bruno Abraham-Kremer, Agathe De La Fontaine; commedia; Fran./Bel./Ol.; 1998; C.

 




                     di Paolo Boschi


Train de vie - Un treno per vivere
Il concerto


1941: lo spettro della deportazione minaccia la sorte di un intero villaggio yiddish dell'Europa centrale. Per scampare al pericolo imminente gli ebrei decidono di autodeportarsi, travestendo una parte degli abitanti da soldati nazisti e comprando un intero treno, un vagone dopo l’altro. Un piano (apparentemente) folle, ma mai quanto la destinazione: addirittura la Palestina, dopo un percorso a zig zag verso la Russia, fino in Crimea, per poi sbarcare in Asia Minore e raggiungere la terra promessa. L'idea, neanche a dirlo, è del classico pazzo del villaggio, quasi una figura di fool shakespeariano, a cui qualunque idiozia è concessa, e dietro la cui stravaganza si celano ragionamenti alla fine assai sensati. Il viaggio alla base di Train de vie si trasforma in un picaresco girovagare, con alle spalle i tedeschi (quelli veri) ed i partigiani della Resistenza (molto perplessi). A complicare le cose l'ideale del Comunismo inizia a diffondersi nei vagoni del convoglio ferroviario, attirando le fantasie represse dei più giovani. L'esilarante fuga degli ebrei-comunisti si conclude con l'incontro con un gruppo di gitani che hanno avuto la loro stessa idea. Il finale chiude con una punta di tragicità dolceamara una storia - sicuramente sviluppata sul registro portante della commedia - incentrata sui toni caustici dell'umorismo yiddish. Un film che, esattamente come è successo per La vita è bella di Benigni, riesce nel non facile compito di affrontare il dramma dell'Olocausto con leggerezza, ironia, originalità ed intelligenza al tempo stesso. Colonna sonora di marca klezmer firmata da Goran Bregovic. Dialoghi italiani di Moni Ovadia. Opera seconda del cineasta romeno Radu Mihaileanu, Train de vie è follemente geniale, surreale, perfetto.

Train de vie - Un treno per vivere (Train de vie), regia di Radu Mihaileanu, con Lionel Abelanski, Rufus, Clément Harari, Michel Muller, Bruno Abraham-Kremer, Agathe De La Fontaine; commedia; Fran./Bel./Ol.; 1998; C.; dur. 1h e 43'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner