partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il bell'Antonio
Di Mauro Bolognini
Quadrophenia
Degli Who
Vertigo - la donna che visse due volte
Di Alfred Hitchcock
A piedi nudi nel parco
Regia di Gene Saks
Il diavolo veste Prada
Regia di David Frankel
Colazione da Tiffany
Regia di Blake Edwards
Mezzogiorno di fuoco
Regia di Fred Zinnemann
Alien Director's Cut
Regia di Ridley Scott
The Commitments
Regia di Alan Parker
Le onde del destino
Regia di Lars von Trier

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  17/12/2017 - 08:47

 

  home>cinema > cult

Scanner - cinema
 


Il diavolo veste Prada
Regia di David Frankel
Cast: Meryl Streep, Anne Hathaway, Emily Blunt, Stanley Tucci, Adrian Grenier, Tracie Thoms, Rich Sommer; commedia; U.S.A.; 2006; C.; dur. 1h e 49'
Dall'omonimo bestseller di Lauren Weisberger

 




                     di Paolo Boschi


Questa briosa commedia a tema di David Frankel prende avvio con la strepitosa sequenza dell’arrivo della terribile Miranda Priestly – alias leggenda-vivente-della-Moda- con-la-M-maiuscola – nella redazione newyorchese di “Runway”, la rivista di tendenza per definizione, il magazine che impronta quel che è fashion da quanto è irrimediabilmente out: la sua marcia d’avvicinamento al proprio ufficio (in anticipo sulla tabella di marcia) innesca un autentico caos per tutta la rivista, che si rimodella in base alle sue direttive mentre lei progressivamente si avvicina al grattacielo, l’autista le apre la portiera, si dirige a passo sicuro verso l’ascensore. Subito dopo questa ancestrale divinità della moda riceve per un colloquio di lavoro la giovane Andy, che sogna di sfondare come giornalista ma intanto spera di essere assunta da Miranda per diventare la sua assistente, un posto per cui un milione di ragazze come lei ucciderebbero, perché un anno come assistente della direttrice di “Runway” in teoria dovrebbe aprire le porte di qualunque redazione giornalistica. La povera Andy vive a distanze siderali dal mondo della moda, è una neolaureata impegnata che si mette addosso la prima cosa che trova pescando dal proprio armadio, ma ottiene il posto sfoggiando le due capacità più venerate nel mondo a stelle e strisce: capacità di adattamento e attitudine a sgobbare. Entrambe le doti le serviranno per reggere l’interminabile sfilza di richieste della sua principale, tali da sfiancare la resistenza di qualunque dipendente: tutto cambia quando Andy decide di farsi aiutare dal collega Nigel, insostenibile dandy contemporaneo, nel rivisitare il proprio guardaroba, finora refrattario alle griffe. Senza colpo ferire il nuovo look e un diverso approccio professionale rendono la nostra eroina sempre più indispensabile a Miranda, ma la fanno pericolosamente vacillare verso il lato oscuro della forza della moda: e Andy inizia a perdere di vista gli amici, la famiglia e soprattutto il suo compagno Nate. Riuscirà Andy a ritrovare la vera se stessa e fare la cosa giusta? Lo sapremo soltanto all’immancabile happy ending di questa deliziosa commedia ad alto tasso di glamour, shakerata con una colonna sonora a base di brani trendy, punteggiata da qualche cammeo di lusso (vedi Valentino in person), vestita dalle firme più prestigiose della scena (accessori compresi) e soprattutto interpretata da una cattivissima Meryl Streep in letterale stato di grazia – memorabile in particolare il suo glaciale monologo d’apertura in cui scarnifica fino all’osso la noncuranza estetica della povera Andy –. Nel cast corre l’obbligo segnalare anche la camaleontica (ma sempre dolcissima) Anne Hathaway e un superbo Stanley Tucci. Nonostante tutto il film affronta l’industria della moda mostrandone l’intrinseca complessità e suona perfino autentico, almeno a tratti, essendo ispirato all’omonimo bestseller di Lauren Weisberger, che dopo la laurea ha vissuto un’esperienza simile alla protagonista come assistente della direttrice di “Vogue”. È Il diavolo veste Prada, baby, il film più fashion del momento…

Il diavolo veste Prada - The devil wears Prada, regia di David Frankel, con Meryl Streep, Anne Hathaway, Emily Blunt, Stanley Tucci, Adrian Grenier, Tracie Thoms, Rich Sommer; commedia; U.S.A.; 2006; C.; dur. 1h e 49'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner