partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Alessandro Pagani
500 Chicche di riso
Franco Lucentini & carlo Fruttero
I Nottambuli
Daniele Luttazzi
Benvenuti in Italia
Daniele Luttazzi
Sesso con Luttazzi
Stefano Benni
Dottor Niù
M.A. Ouaknin - D. Rotnemer
Così giovane e già ebreo

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/08/2019 - 01:09

 

  home>libri > satira

Scanner - libri
 


M.A. Ouaknin - D. Rotnemer
Così giovane e già ebreo
A cura di Moni Ovadia, Casale Monferrato, Piemme ("Piemme Pocket"), 2000; pp. 320
Un esilarante e variegato repertorio di storie yiddish

 




                     di Paolo Boschi


Così giovane e già ebreo, recentemente riedito nella collana tascabile “Piemme Pocket”, è un ricco repertorio di bozzetti e storielle yiddish, scritto a quattro mani da due veri esperti del settore, ovvero da Marc-Alain Ouaknin – rabbino francese e professore in filosofia, direttore del centro parigino di ricerche ebraiche Aleph e docente di letteratura all’ateneo Bar-Ilan di Tel Aviv – e dalla sua gentil consorte Dory Rotnemer, che ha pubblicato numerosi volumi, anche di ambito yiddish, ovviamente. Curatore, traduttore ed autore della presentazione del volume è Moni Ovadia, ovvero la massima autorità italiana in materia: Ovadia, di natali bulgari, ha pubblicato tra l’altro il saggio sull’umorismo ebraico Perché no? (Bompiani) oltre che il testo di Oylem Goylem (Mondadori), il suo spettacolo più famoso, andato in onda anche sulle frequenze della Rai. Le storielle di Così giovane e già ebreo sono divise per vari argomenti, da Dio alla psicanalisi, dal matrimonio allo Shabbat, dai nomi agli affari, campo nel quale (si sa) il popolo ebraico primeggia da sempre. E ovviamente non mancano capitoli dedicati alle figure tipiche della tradizione umoristica ebrea: il rabbino, innanzitutto, madri e suocere, lo psicanalista, lo scemo del villaggio. Mille schegge allegramente assemblate previo paziente lavoro di ricerca di un patrimonio eminentemente orale – e non a caso parte del gusto di una storiella consiste proprio nel piacere di poterla raccontare di nuovo ad altri ascoltatori –. Una sorta di 'Bibbia di storielle ebraiche' che raccoglie il ricco capitale umoristico cui si sono ispirati tanto geni (all'occorrenza comici) come Freud e Einstein quanto comici (spesso geniali) come Groucho Marx, Mel Brooks e Woody Allen – che affermava dubbioso: «Se Dio non esiste, io ho pagato troppo cara la mia moquette!» –. Divertente, caustico, ricco di verve ironica e, tra una risata e l’altra, dà pure molto da pensare: una lettura di cui non potrete fare a meno se avete amato Train de vie.

M.A. Ouaknin - D. Rotnemer, Così giovane e già ebreo, a c. di Moni Ovadia, Casale Monferrato, Piemme (“Piemme Pocket”), 2000; pp. 320

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner