partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Alessandro Pagani
500 Chicche di riso
Franco Lucentini & carlo Fruttero
I Nottambuli
Daniele Luttazzi
Benvenuti in Italia
Daniele Luttazzi
Sesso con Luttazzi
Stefano Benni
Dottor Niù
M.A. Ouaknin - D. Rotnemer
Così giovane e già ebreo

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2019 - 20:45

 

  home>libri > satira

Scanner - libri
 


Alessandro Pagani
500 Chicche di riso
Lo sferzante spirito fiorentino di un narratore comico tutto da scoprire. Prefazione di Cristiano Militello, immagine di copertina e illustrazioni di Massimiliano Zatini
Editore: 96, Rue De La Fontaine, Collana: Juste pour rire, genere: umoristico - ironico – intrattenimento, ISBN: 978-88-9399-006-6, Anno di pubblicazione: 2019, Pagine totali 116 - Carta copertina patinata opaca 300 grammi - Rilegatura brossura fresata

 




                     di Giovanni Ballerini


"Mamma mi sono tatuato un cetaceo sulla nuca”. “Ma che ti balena per la testa?”
E’ un tipo curioso ed eclettico che ama il ritmo, quello incendiario della scrittura e della musica Alessandro Pagani. L’artista nato nel 1964 a Firenze, dove vive e lavora, dopo aver suonato per ensemble underground come Stropharia Merdaria, Parce Qu'Il Est Triste, Hypersonics,, Subterraneans e Valvola, con cui ha fondato nel 1997 l'etichetta discografica Shado Records, da qualche anno è infatti fulcro della sezione ritmica della band Stolen Apple, un gruppo alt rock dove suona la batteria con la fantasia, la spontaneità e l’intensità con cui scrive libri. A questo proposito, dopo “Perché non cento?” del 2016 e Io mi libro del 2018 è appena arrivato “500 chicche di riso”, che 96, Rue De La Fontaine ha pubblicato nella collana Juste pour rire il 16 maggio 2019.
“Il marito della cuoca è geloso del suo passato” - “Buongiorno, vorrei un libro giallo”. “Mi spiace, i gialli sono finiti. Sono rimasti verdi, rossi e blu”.
Se la musica degli Stolen Apple è fieramente sperimentale e frutto di libere jam fra i componenti del gruppo, che un tempo alimentavano con adrenalina lo psycho punk dei Malastrana e continuano ad amare l’improvvisazione, la libera espressione musicale, i libri di Alessandro si muovono all’interno di una vena umoristica originale e moderna, ma anche fuori dal tempo. Omaggiando in qualche modo, a livello di affinità elettive, la lezione di Giovannino Guareschi e di Achille Campanile, ma poi scegliendo una strada più personale, ricca di estro e fiorentinità. E’ il caso di “500 chicche di riso”, che attraverso fulminee battute, riusciti giochi linguistici di una ideale palestra del linguaggio, analizza la realtà da diverse surreali e inaspettate prospettive. A differenza di “Personaggi precari” - il progetto letterario nato sull’omonimo blog, da cui Vanni Santoni hai tratto tre fortunati libri in cui gli sprazzi di vite delineate in poche righe reclamano un proprio spazio – il libro di Alessandro Pagani è ancora più fulmineo e ti seduce con l’astrattismo verbale di un puzzle improvvisato e, grazie alla ginnastica enigmistica, ti sorprende con definizioni nate dall'ambiguità d'una parola, dal fraintendimento di una frase o di una situazione.
“Sulla geografia so tutto, non c’è storia”. Quel campione di surf è sulla cresta dell’onda.
Appassionato di poesia e letteratura da sempre, ha fatto parte negli anni '80 del movimento artistico underground fiorentino Pat Pat Recorder, Pagani esprime il suo puzzle ritmico in questo riuscito “500 chicche di riso”, che si apre con la prefazione di Cristiano Militello e alterna battute felici ai disegni realizzati da Massimiliano Zatini. Il risultato è un libro agile, da leggere per sconfiggere ogni tipo di noia, stress o malinconia con lo sferzante spirito fiorentino di un narratore comico tutto da scoprire.
“Il personaggio dei fumetti più indeciso? Tintin”. - “Spock, sei sicuro di star bene? «No, sono sicuro di Star Trek”.

Voto 7 ½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner