partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Il bell'Antonio
Di Mauro Bolognini
Quadrophenia
Degli Who
Vertigo - la donna che visse due volte
Di Alfred Hitchcock
A piedi nudi nel parco
Regia di Gene Saks
Il diavolo veste Prada
Regia di David Frankel
Colazione da Tiffany
Regia di Blake Edwards
Mezzogiorno di fuoco
Regia di Fred Zinnemann
Alien Director's Cut
Regia di Ridley Scott
The Commitments
Regia di Alan Parker
Le onde del destino
Regia di Lars von Trier

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  19/07/2019 - 21:14

 

  home>cinema > cult

Scanner - cinema
 


Colazione da Tiffany
Regia di Blake Edwards
Cast: Audrey Hepburn, George Peppard, Patricia Neal, Martin Balsam, Mickey Rooney; commedia; Usa; 1961; C.
Dall'omonimo romanzo di Truman Capote

 




                     di Paolo Boschi


Paul Varjac, scrittore di belle speranze e mantenuto di lusso, approda nell’appartamentino newyorchese allestitogli dalla sua matura ‘arredatrice’ ed anfitriona. E’ qui che conosce l’inimitabile Miss Holly Golightly, la vicina del piano sottostante, che tira avanti a forza di biglietti da 50 dollari offerti dai suoi maturi accompagnatori per la mancia della toilette nei ristoranti di lusso dove solitamente la portano a cena: una ragazza adorabile quanto strana, capace di intriganti stramberie, occasionalmente in crisi da paturnie e peraltro affaccendata in non bene identificati traffici ‘meteorologici’ con il detenuto Sally Tomato. Paul, che Holly ribattezza subito “Fred bello” perché le ricorda il fratello, prova verso la sua deliziosa vicina un’istintiva simpatia – ed empatia, dato che entrambi si affidano alle proprie attrattive per trovare il proprio posto nella grande mela – che non tarda a trasformarsi in qualcosa di più. Tra un cappuccino consumato davanti alle vetrine della famosa gioielleria Tiffany nella 5th Avenue, una passeggiata in Central Park, una rapina dimostrativa in un grande magazzino, una megafesta fracassona à la page con champagne a fiotti ed i siparietti comici assicurati dallo scontroso vicino nipponico impersonato da Mickey Rooney, Blake Edwards sfrutta il romanzo breve di Truman Capote come canovaccio di partenza per costruire la più intrigante e sorniona delle sue commedie sentimentali, un meccanismo di calibrata perfezione drammaturgica sorretto da un ritmo perfetto, interpreti in parte e furbeschi tradimenti della fonte letteraria (su tutti si ricordi il delizioso finale inventato ad hoc). Quando Paul troverà la forza per diventare scrittore con le proprie forze e finalmente Holly sarà costretta a scendere a patti una volta per tutte col suo complesso passato – e con un improbabile futuro da arrampicatrice sociale – l’amore potrà trionfare secondo copione in uno dei finali più romantici della storia del cinema, con l’adeguato sottofondo del Leitmotiv del film, la contagiosa Moon River, canzone che valse l’Oscar a Henry Mancini, autore della colonna sonora. Su tutto trionfa il delizioso sguardo da disincantata gattina metropolitana di Audrey Hepburn nella più indimenticabile delle sue interpretazioni sul grande schermo. Un classico assoluto della commedia sentimentale.

Colazione da Tiffany - Breakfast at Tiffany's, regia di Blake Edwards, con Audrey Hepburn, George Peppard, Patricia Neal, Martin Balsam, Mickey Rooney; commedia; Usa; 1961; C.; dur. 1h e 55'

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner