partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo
C'era una volta a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
Parigi a piedi nudi
Di Dominique Abel e Fiona Gordon

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  30/05/2020 - 09:18

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Monsieur Batignole
Regia di Gérard Jugnot
Cast:: Gérard Jugnot, Jules Sitruk, Michèle Garcia; Francia; drammatico; 2002; C.

 




                     di Paolo Boschi


Una bella sorpresa dal cinema transalpino: si tratta di Monsieur Batignole, l’ottava pellicola diretta in carriera dal regista ed attore Gérard Jugnot, un film felicemente sospeso tra il dramma della Shoah e la commedia di marca popolare. La storia è ambientata nel 1942 a Parigi, durante l'occupazione tedesca: il protagonista è ovviamente Monsieur Edmond Batignole, un macellaio coinvolto suo malgrado dal futuro genero, commediografo d’incerte speranze ed energico collaborazionista, nell'arresto dei propri vicini di casa, i Bernstein. Uno dei figli della famiglia ebrea deportata, Simon, riesce però a fuggire: tornato a casa in cerca dei genitori, il bambino scopre che vi si è trasferito Edmond con moglie, figlia e futuro genero al seguito. Oppresso dal senso di colpa, il macellaio decide di offrire asilo al ragazzo, che in breve è raggiunto da due cuginette, i cui genitori hanno subito la stessa tragica sorte dei Bernstein. Mentre a sorpresa Edmond finisce per affezionarsi ai ragazzi, diventa sempre più rischioso nasconderne la presenza alla famiglia ignara ed al colonnello Spreich, diretto superiore del parente collaborazionista: Batignole per salvare i piccoli protetti sarà alla fine costretto a rischiare il tutto per tutto nel tentativo di aiutarli a raggiungere clandestinamente il confine svizzero. Monsieur Batignole racconta uno dei periodi più controversi della storia francese quando, durante l’occupazione nazista, per sopravvivere erano in molti ad accettare di chiudere gli occhi davanti alla vergognosa deportazione di concittadini la cui unica colpa era l’origine giudea; non a caso il punto più toccante del film corrisponde al duro interrogatorio subito dal protagonista da parte di un ufficiale della polizia francese che lo sospetta di essere un ebreo con documenti falsi: ormai smascherato Batignole giocherà a carte scoperte con uno sfogo risentito in cui giungerà quasi ad identificarsi con il Dottor Bernstein, il padre di Simon, finito in un campo di sterminio anche a causa dell’involontario intervento del macellaio. Il film di Gérard Jugnot vive anche del contrasto umano tra Monsieur Batignole, commerciante ed uomo qualunque, ed il piccolo Simon (interpretato dal sorprendente Jules Sitruk), superiore al macellaio per estrazione sociale e cultura, e dunque spesso insoffente alle direttive del suo ‘eroe per caso’, piccolo commerciante che si muove sull’esile filo che divide umanità ed opportunismo, comunque capace di scegliere la cosa giusta in extremis. Questa pellicola leggera e drammatica al contempo – naturalmente affine a pellicole quali La vita è bella o Train de vie – in patria ha registrato incassi da record (ben due milioni di spettatori) ed incassato ottime recensioni. Un bel film nel complesso, edificante e ricco di humour.

Monsieur Batignole - On pouvait pas savoir, regia di Gérard Jugnot, con Gérard Jugnot, Jules Sitruk, Michèle Garcia, Jean-Paul Rouve, Alexia Portal.; Francia; drammatico; 2002; C.; dur. 1h e 40'

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner