partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes
Villetta con ospiti
Di Ivano De Matteo

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  29/05/2022 - 08:28

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Bread and Roses
Regia di Ken Loach
Cast: Pilar Padilla, Adrien Brody, Elpidia Carrillo, Benicio Del Toro; drammatico; Gran Bretagna/Spagna/Francia/Germania/Svizzera; 2000; C
"Vogliamo il pane, ma vogliamo anche le rose"

 




                     di Paolo Boschi


My name is Joe
Bread and Roses
11 settembre 2001
Sweet Sixteen
Un bacio appassionato
Il vento che accarezza l'erba
Il mio amico Eric


Il marchio di fabbrica della filmografia di Ken Loach consiste fondamentalmente in un ritratto di famiglia inserita nel milieu sociale d'appartenenza, ed in genere si tratta di un background catturato dal basso, spesso problematico e sempre significativo. Soprattutto perché parlare di alcolismo, immigrazione, disoccupazione et similia catturando l'interesse del pubblico è, oltre che un intento ammirevole, cosa oggettivamente ardua per un regista. Anche Pane e rose appartiene a tale categoria: come ne La canzone di Carla l'obiettivo di Loach si focalizza sul difficile ingresso di una clandestina in un paese straniero, nel dettaglio una giovane messicana che oltrepassa la frontiera degli Stati Uniti - particolare di non poco conto per la storia, poiché si tratta del primo film americano del regista inglese, che cattura uno squarcio inedito degli States grazie al suo sguardo critico d'estrazione working class -. Non a caso Pane e rose si fonda sul seguente (paradossale) interrogativo: perché nel paese più ricco del mondo le multinazionali devono far lievitare i loro già consistenti profitti grattando le briciole costituite dai salari degli immigrati venuti negli Usa a cercare lavori umili per mantenere le famiglie in patria? Il titolo è infatti un bello slogan sindacale del 1912, non importa riferito a quale battaglia, resta lo spirito: richiedere il pane ma anche le rose significa il diritto ad una paga decente come pure al rispetto umano ed alla dignità che spetta ad ogni lavoratore. La battaglia in questione in Pane e rose è quella combattuta dal movimento "Justice for Janitors", ovvero i pulitori, gli addetti alle pulizie di un palazzo di Los Angeles di proprietà di uno studio di avvocati delle stelle del cinema, che ha appaltato la pulizia dei locali ad un'impresa che paga ai propri dipendenti uno stipendio da miseria, non concede ferie pagate né assistenza sanitaria. La lotta consisterà nel mettere in imbarazzo in occasioni pubbliche i ricchi proprietari per spingerli a concedere un migliore contratto di lavoro. Questa è la lotta generale: la prospettiva scelta da Loach per descriverla è quella della giovane Maya, che ha lasciato il Messico attraversando clandestinamente la frontiera per raggiungere la sorella maggiore, che si è sposata ed ha messo su famiglia a Los Angeles, ma è in un brutto momento perché suo marito si è ammalato di diabete ed ha perso il lavoro e la copertura assicurativaì - un dettaglio che negli States spesso prelude allo sfascio di famiglie piccolo-borghesi -. Maya è assunta dall'esosissima agenzia di pulizie dove lavora la sorella (per diretto interessamento della medesima) ma, a differenza di lei, sentirà il morso della prevaricazione dei suoi datori di lavoro ed accetterà di unirsi alla causa di Sam, un sindacalista vagamente anarchico ben deciso a combattere per assicurare pane e rose ai suoi protetti. Alla fine, come spesso accade nella realtà, la vittoria si colora delle tinte del tradimento e dell'orgoglio: i lavoratori per una volta vincono, non Maya, costretta all'espulsione per aver rubato la somma necessaria ad avverare il sogno universitario di un amico immigrato. Pane e rose è un film che coniuga protesta sociale e sentimenti, la solita buona storia finemente realizzata da Ken Loach.

Bread and Roses, regia di Ken Loach, con Pilar Padilla, Adrien Brody, Elpidia Carrillo, Benicio Del Toro; drammatico; Gran Bretagna/Spagna/Francia/Germania/Svizzera; 2000; C.; dur. 1h e 50'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner