partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


C'era una volta... a Hollywood
Regia di Quentin Tarantino
7 uomini a mollo
Di Gilles Lellouche
Joker
Regia di Todd Phillips
Roma
Regia di Alfonso Cuarón
La forma dell'acqua
Regia di Guillermo del Toro
IT
Regia di Andres Muschietti
Blade Runner 2049
Regia di Denis Villeneuve
War Dogs
Regia di Todd Phillips
Moonlight
Regia di Barry Jenkins
La La Land
Regia di Damien Chazelle

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  10/12/2019 - 06:37

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Sweet Sixteen
Regia di Ken Loach
Cast: Martin Compston, Michelle Coulter, Annmarie Fulton, William Ruane; drammatico; Gran Bretagna; 2002; C.

 




                     di Paolo Boschi


My name is Joe
Bread and Roses
11 settembre 2001
Sweet Sixteen
Un bacio appassionato
Il vento che accarezza l'erba
Il mio amico Eric


Il solito caro vecchio Ken Loach con il suo realismo di taglio sociale è tornato: Sweet Sixteen è l’ennesima storia di emarginazione diretta dal grande regista inglese, classe 1936, un film nudo e crudo, raccontato in gran parte con un taglio impietosamente descrittivo, quasi documentaristico, volto a fotografare uno scorcio di ingiustizia proletaria più che a dimostrare una tesi o suggerire facili conclusioni moralistiche. Cominciamo dal “dolce sedicenne” del titolo, un vero ossimoro a confronto con la durezza della trama: l’adolescente protagonista si chiama Liam ed ha un amore viscerale per la madre, tossica di lunga data, inguaribilmente attratta dagli uomini sbagliati, autodistruttiva per background sociale ed attualmente reclusa in un istituto penale per spaccio di droga (si è addossata la colpa per salvare il suo convivente, Stan) da cui uscirà il giorno prima del sedicesimo compleanno del figlio. All’uscita dall’istituto Liam vuole accogliere la madre donandole i presupposti di un’esistenza fuori dal tunnel della droga, magari con un piccolo prefabbricato con vista sul mare alla periferia di Greenock, cittadina scozzese vicina a Glasgow, in cui poter vivere una vita dignitosa e congiungersi con la sorella diciassettenne Chantel, ragazza-madre di un bimbo piccolo. Liam sogna di riunione la sua famiglia disgregata sotto una parvenza di sicurezza e di decoro umano, lontano dal nonno violento e del patrigno spacciatore, un’aspirazione perfettamente in linea col suo carattere generoso ed improntato a buoni principi: la via scelta per realizzarla è però disperatamente omeopatica, dato che il crimine da cui tenta di fuggire (lo spaccio) è l’unico modo che conosce per mettere insieme i soldi che gli servono. Rubata una partita di droga al patrigno, che l’ha cacciato di casa, insieme all’amico fraterno Flipper il buon Liam si mette a smerciare eroina per le strade, incurante dei pericoli cui si espone e finendo per cacciarsi, sulle ali della sua entusiastica intraprendenza, in giri troppo più grandi di lui. Quando il sogno (sebbene pericolosamente in bilico) sembra alla portata, nonostante l’ingente tributo di dolore ed affetti richiesto, la madre troverà modo di sprecare la sua occasione, Liam il suo futuro. Nella sostanziale uniformità del cinema di Loach spesso è la capacità degli attori di incarnare il dramma a costituire il fulcro funzionale della storia: in Sweet Sixteen impressionano le interpretazioni offerte dagli attori adolescenti (rigorosamente non professionisti), così veri anche dal punto di vista meramente fisico, e nel cast spicca in particolare l’intensa prova del giovane protagonista Martin Compston. Loach non ha perso l’occasione per colpire allo stomaco il suo pubblico con una storia, vera e credibile, di denuncia e disperazione proletaria. Lo stile asciutto e realistico del regista inglese risulta incisivo come sempre, supportato dall’efficace sceneggiatura del fido Paul Laverty, premiata a Cannes 2002.

Sweet Sixteen, regia di Ken Loach, con Martin Compston, Michelle Coulter, Annmarie Fulton, William Ruane; drammatico; Gran Bretagna; 2002; C.; dur. 1h e 36'

Voto 7½ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner