partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 06:59

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Andrea Camilleri
La vampa d’agosto
Palermo, Sellerio, 2006, pp. 271

 




                     di Paolo Boschi & Hans Honnacker


La vampa d'agosto
La luna di carta
Privo di titolo
La prima indagine di Montalbano
La presa di Macallè
Il giro di boa
Le inchieste del commissario Collura
Camilleri legge Montalbano
La linea della palma
La paura di Montalbano
Il ladro di merendine in Cd-rom
Il re di Girgenti
L'odore della notte
La scomparsa di Patò
La testa ci fa dire
La gita a Tindari
Gli arancini di Montalbano
La mossa del cavallo
La concessione del telefono


Alla fine Montalbano morirà, come paventato di recente da Camilleri in occasione del suo ottantesimo compleanno? O forse no? E’ il dubbio implacabile che assilla il lettore che inizia a sfogliare l’ultima fatica dello scrittore di Porto Empedocle, La vampa d’agosto che, come ogni romanzo del ciclo di Montalbano, si fa leggere con ansia e suspense crescente dalla prima all’ultima pagina. Nella puntata precedente, La luna di carta, avevamo osservato il più famoso commissario d’Italia per lungo tratto stritolato nella ‘morsa’ di due avvenenti fimmine trentine che avevano messo a dura prova il suo essere masculo siculo, ma alla fine era comunque riuscito a liberarsi dall’insidiosa rete orditagli attorno. Stavolta, vuoi per il caldo che imperversa in Sicilia di agosto – il caldo è il vero protagonista del romanzo, in ossequio al titolo –, vuoi per gli anni che incalzano sempre più avvicinandolo alla vecchiaia ed all’inefficienza, il buon Montalbano si trova in una spiacevole situazione di vertigine emotiva, dovendo decidere se cedere o meno alle evidenti avances di una splendida studentessa di medicina di soli ventidue anni, Adriana Morreale, sorella gemella di un’adolescente rimasta vittima, anni addietro, di un efferato reato a sfondo sessuale. Omicidio peraltro riesumato assolutamente per caso, nel piano abusivo interrato sotto la villetta che il commissario di Vigàta ha preso in affitto per gli amici della fidanzata Livia da Boccadasse, Genova, villetta che ben presto comincia ad essere infestata da stranissime ‘piaghe’ per rivelare infine un appartamento nascosto con tanto di baule contenente cadavere non identificato di giovane donna accuratamente avvolto nel nylon. Montalbano tentenna – ripetendosi spesso che, dall’alto dei suoi cinquantacinque anni, potrebbe essere il padre della ragazza – e ci lascia bruciare di curiosità fino alla fine, quando sarà lui a dover scoprire amaramente di essere stato mosso ad arte come un pupo, seppure da una bellezza rara che gli ha indotto il ricordo di una nota poesia di Pessoa. Ne La vampa d’agosto Camilleri delinea magistralmente l’attuale fragilità psicologica di un protagonista che si sente invecchiare e non riesce più ad orientarsi in una realtà in cui le leggi sembrano fatte apposta per tutelare i delinquenti  – evidenti le allusioni alla realtà politica italiana attuale, come accade sempre di più negli ultimi suoi romanzi –. Se mai ce ne fosse stato bisogno, l’autore siciliano dimostra, esprimendolo addirittura in un commento metanarrativo (alla faccia dei suoi detrattori), che i suoi gialli in genere intendono essere più di un gioco enigmistico in cui, in fondo, conta solo indovinare l’assassino, bensì un j’accuse sempre più esplicito nei confronti della realtà socio-politica italiana attuale, tra mafia, politici corrotti e imprenditori edilizi senza scrupoli, in cui la giustizia sembra sconfitta, togliendo la ragione d’essere a un commissario quasi ‘antiquato’ nei suoi ideali come Montalbano. Come in tutti i romanzi del ciclo, si comincia a leggere a basso ritmo con l’intento di dilatare il più possibile il piacere del testo, sempre sperando di non tenere fra le mani l’ultimo prodotto della contagiosa serie…

Andrea Camilleri, La vampa d’agosto, Palermo, Sellerio, 2006, pp. 271

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner