partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 05:16

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Andrea Camilleri
La prima indagine di Montalbano
Milano, Mondadori, 2004; pp. 343
Ritratto del commissario da giovane...

 




                     di Paolo Boschi & Hans Honnacker


La vampa d'agosto
La luna di carta
Privo di titolo
La prima indagine di Montalbano
La presa di Macallè
Il giro di boa
Le inchieste del commissario Collura
Camilleri legge Montalbano
La linea della palma
La paura di Montalbano
Il ladro di merendine in Cd-rom
Il re di Girgenti
L'odore della notte
La scomparsa di Patò
La testa ci fa dire
La gita a Tindari
Gli arancini di Montalbano
La mossa del cavallo
La concessione del telefono


Ormai il commissario Salvo Montalbano è diventato un eroe nazionale tra letteratura e piccolo schermo, e Andrea Camilleri si conferma narratore prodigioso e assai scaltro nell’intrigare ad libitum la fame sempre copiosa dell’affezionato pubblico. Come succede appunto ne La prima indagine di Montalbano, l’ultima raccolta di tre racconti inediti dedicata all’inimitabile commissario di Vigàta che, come si evince fin dal titolo, presenta il primo, attesissimo spaccato dei primordi investigativi del popolare personaggio. Che faceva Montalbano da giovane, quando non era ancora commissario a Vigàta? Era anche allora legato all’inseparabile Livia da Boccadasse, Genova? Aveva le stesse idiosincrasie e passioni per la buona cucina e per la lettura? E queste e molte altre questioni finora irrisolte risponde il racconto centrale, che presta il titolo all’intera raccolta, in cui il lettore scoprirà la preistoria del commissario più amato dagli italiani (e non solo, a giudicare dalle già numerose traduzioni all’estero). Camilleri ci mostra un giovane Salvo Montalbano durante i controversi anni Ottanta, in un ambiente totalmente diverso ed avverso a lui, che abbiamo imparato a conoscere come “omo di mare” e fiero di esserlo: all’epoca il futuro commissario lavora in uno “sperso paisi degli Erei”, a Mascalippa, in uno sperduto commissariato di un paese sperduto nella Sicilia profonda, montana e riarsa: un luogo talmente poco a lui ameno che gli ha fatto passare persino il suo proverbiale gusto per la gastronomia locale e sfiziosa. Tuttavia ben presto, su iniziativa del suo maestro, il commissario Libero Sanfilippo, cui deve i trucchi del mestiere, viene promosso a commissario e trasferito appunto a Vigàta dove trova la sua famosa casa lungo il mare a Marinella con annessa verandina, che gli consente mangiate e colazioni profuse di brezza marina, le sue lunghe passeggiate sulla riva e le amate nuotate, perfino fuori stagione. Il lettore scoprirà, con suo grande piacere, un Montalbano alle prime armi ma con la sua particolare tecnica investigativa già abbozzata, e potrà assistere anche alla sua prima violenta ‘illuminazione’, con la soluzione di un caso stimolata da un libro di Borges. Solo la fidanzata non è ancora Livia, ma si chiama Mery, è una sessantottina come Montalbano, conosciuta durante gli anni della contestazione all’università: sempre una relazione a distanza comunque (Mery infatti insegna a Catania), per lasciare al commissario spazi liberi di movimento senza i quali non potrebbe altrimenti respirare. Ne emerge quindi il ritratto dello scapolo nato fin da giovane, vago delle bellezze femminili senza essere il solito dongiovanni pronto a cogliere ogni occasione, un tratto che contribuisce non poco al fascino del personaggio. E’ il Montalbano che i lettori di Camilleri amano e che, pur invecchiato come nell’ultimo racconto, Ritorno alle origini, resta fedele a se stesso – libri, buona cucina e (perché no?) lo “sciàuro di fimmina” – ed ai suoi metodi poco ortodossi per risolvere inchieste che talvolta neppure sembrano tali: in nessuno dei tre racconti corre sangue, per quanto, soprattutto in quello d’apertura, Sette lunedì, potrebbe correrne in quantità se il commissario non riuscisse a risolvere un drammatico mistero mistico-umano. Numerose le citazioni intertestuali, non solo ad altri romanzi di autori famosi, ma anche ad altre indagini del commissario, come La gita a Tindari o Il cane di terracotta. Per chi ama Camilleri e la serie di Montalbano in particolare, tre racconti assolutamente da non perdere.

Andrea Camilleri, La prima indagine di Montalbano, Milano, Mondadori, 2004; pp. 343

Voto 7/8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner