partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  16/07/2019 - 12:42

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Andrea Camilleri
Privo di titolo
Palermo, Sellerio, 2005; pp. 301

 




                     di Paolo Boschi & Hans Honnacker


La vampa d'agosto
La luna di carta
Privo di titolo
La prima indagine di Montalbano
La presa di Macallè
Il giro di boa
Le inchieste del commissario Collura
Camilleri legge Montalbano
La linea della palma
La paura di Montalbano
Il ladro di merendine in Cd-rom
Il re di Girgenti
L'odore della notte
La scomparsa di Patò
La testa ci fa dire
La gita a Tindari
Gli arancini di Montalbano
La mossa del cavallo
La concessione del telefono


L'ultima fatica di Andrea Camilleri si iscrive nel corposo filone del romanzo storico, non a caso l'autore siciliano nell'immancabile nota conclusiva precisa che Privo di titolo ha preso spunto da due fatti di cronaca realmente accaduti: l'assassinio di un giovane fascista, ucciso nel 1921 per errore da un compagno di squadraccia durante una ronda punitiva notturna - omicidio di cui venne incolpata la vittima del caso, il comunista Michele Ferrara -, e la costruzione della fantomatica città di Mussolinia, eretta nel bel mezzo dei boschi insulari quasi come surreale scenografia del set di un film che non sarà mai girato, ma 'reale' almeno su carta. Due soggetti semplici e didascalici, senza dubbio, ma nelle mani di Camilleri diventano i capisaldi di un'eterogenea partitura ad orologeria: come ne La scomparsa di Patò il romanzo vive infatti dell'alternanza tra parti narrative e documenti ufficiali degli inquirenti, lettere dei protagonisti ed articoli dei giornali dell'epoca - frutto dell'ingegneria scrittoria di Camilleri, impeccabile nel ricostruire a tavolino i roboanti toni della retorica fascista -. Privo di titolo risulta degno d'interesse anche per la molteplicità di prospettiva cinematografica attraverso cui Camilleri rilegge il fattaccio di sangue al centro del romanzo, rianalizzandolo dai punti di vista diversificati dei testimoni. Dopo l'agguato notturno ai danni della vittima designata al suolo resterà il corpo senza vita di uno degli aggressori, ucciso in mischia da mano amica: le camice nere locali non perderanno l'occasione per imbastirvi sopra un'ipocrita commedia degli equivoci concepita ad hoc per regalare alla Sicilia il primo martire fascista morto nell'eroico tentativo di soffocare l'ideale bolscevico, togliendo di mezzo al contempo un pericoloso avversario - che, neanche a dirlo, resterà stritolato nel perverso meccanismo della macchinazione politica: pur assolto dal tribunale con il grande disappunto del locale governo fascista, il protagonista venne infine confinato, in quanto bolscevico e nemico della patria -. Per certi versi, mutatis mutandis, questa vicenda giudiziaria realmente accaduta ricorda l'incendio doloso del Reichstag a Berlino il 27 febbraio 1933 di cui i nazisti accusarono i capi comunisti tedeschi, che però furono assolti, dal momento che un loro coinvolgimento nella vicenda non poteva essere dimostrato nonostante la forte pressione del governo nazista. Il sospetto (benché mai dimostrato) che fossero stati gli stessi nazisti ad appiccare l'incendio, fu espresso già all'epoca. Leggendo questo giallo 'storico', il lettore si rende inevitabilmente conto della mistificazione della storia, la cui 'verità' viene stabilita dai vincitori del momento anche contro ogni prova evidente dei fatti - tema quanto mai scottante al giorno d'oggi -. Anche per tale motivo, e non solo per la suspense insita nel giallo, Privo di titolo lascia veramente il lettore senza parole. Il solito Camilleri da leggersi tutto d'un fiato, con una dolceamara lezione di revisionismo storico che molto fa riflettere.

Andrea Camilleri, Privo di titolo, Palermo, Sellerio, 2005; pp. 301

Voto 8/9 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner