partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  18/12/2017 - 17:24

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Un’esperienza dura ed intimamente toccante
Milano, Longanesi, 2012; pp. 230

 




                     di Paolo Boschi


Giornalista (è vicedirettore de “La Stampa”), scrittore, ospite fisso della trasmissione di RaiTre Che Tempo Che Fa , classe 1960, Massimo Gramellini. ha riversato in questo romanzo autobiografico l’evento culminante della sua infanzia, la morte della madre, avvenuta quando l’autore aveva nove anni appena compiuti, e le conseguenze di questa tragedia, le cui precise circostanze ha ignorato per ben quarant’anni. La storia è preceduta dall’incontro del protagonista, nel presente, con una persona di famiglia che gli consegna un segreto chiuso dentro una busta vecchia di quattro decadi, un segreto legato ad un trauma (anzi, al trauma) che ha caratterizzato tutta la sua vita. Poi la storia ricomincia proprio da lì, dalla mattina dell’ultimo dell’anno del 1969, quando il protagonista bambino si risveglia e scopre il padre distrutto dal dolore: senza spiegazioni viene mandato dai vicini a passare un triste Capodanno. Pochi giorni dopo apprende da un sacerdote che sua mamma è morta, ed inizia un’ardua convivenza con un padre taciturno, con cui ben presto si ritrova legato soltanto dalla comune passione sportiva per il Torino. Per lui si alternano anni difficili, marcati dalla vergogna di sapersi orfano e di non sapersene dare una ragione, neanche quando cinque anni dopo il padre gli rivela che la madre è morta di tumore. Cresce tra mille insicurezze e indissolubili paturnie esistenziali, che lui con una certa ironia chiama Belfagor, un’entità maligna che non lo lascia mai, neanche quando si ritrova a studiare all’università e inizia a collaborare scrivendo articoli sportivi per alcuni giornali, neppure quando passa per l’inferno di Sarajevo in guerra o quando realizza che il suo primo matrimonio è fallito per la sua paura di avere un bambino. Finché la verità su sua madre esploderà tra le sue mani, ironia della sorte, attraverso un vecchio articolo di giornale, costringendolo a scendere a patti con il suo demone interiore ed a risorgere attraverso un salvifico perdono. Non sveliamo il finale, ovviamente, per non cancellarne il formidabile impatto emotivo. Basti dire che Fai bei sogni è esattamente quello che sembra dalla storia che racconta: un’esperienza dura ed intimamente toccante. Assolutamente da provare.

Massimo Granellini, Fai bei sogni, Milano, Longanesi, 2012; pp. 230

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner