partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Niccolò Falchini
Le nubi volano basse
John Ajvide Lindqvist
Una piccola stella
Massimo Gramellini
Fai bei sogni
Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Antonio Tabucchi
Tristano muore
Christopher Wilson
Il vangelo della scimmia
Simonetta Agnello Hornby
La monaca
Rosario Palazzolo
Concetto al buio
Michele Cecchini
dall’aprile a shantih
Fabrizio e Nicola Valsecchi
Giorni di neve, giorni di sole

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  20/10/2017 - 12:43

 

  home>libri > narrativa

Scanner - libri
 


Joe R. Lansdale
Cielo di sabbia
Un romanzo di grande forza evocativa
Torino, Einaudi, 2011; pp. 235

 




                     di Paolo Boschi


Non capita spesso di leggere un romanzo con la forza evocativa di Cielo di sabbia, ma uno degli ingredienti dell'irresistibile stile di Joe R. Lansdale è riposto nell'assoluta padronanza della materia, un retaggio familiare della Grande Depressione, per certi versi, come traspare dalla dedica incipitaria del romanzo. E poi ovviamente Cielo di sabbia è costruito con sapienza, miscelando ad arte le tematiche care allo scrittore americano: l'adolescenza, quell'umanità capace al tempo stesso di gesti di solidarietà e di bieco sfruttamento del prossimo, l'America profonda tra mito e povertà. La storia prende avvio nell'Oklahoma degli anni Trenta in una fattoria persa nel bel mezzo del nulla, un nulla in cui quel poco di terreno agricolo sufficiente a sopravvivere è stato gradualmente cancellato da una tempesta di sabbia che si è mangiata tutta la vegetazione che non hanno divorato le cavallette, infiltrandosi nelle fessure di porte e finestre e facendo ammalare anche la mamma di Jack, l'adolescente protagonista del romanzo, che poco dopo aver chiuso gli occhi alla madre scopre anche che il padre non ce l'ha fatta a reggere al peso del lutto muliebre, lasciando il suo unico figlio ineluttabilmente orfano. Le cose cambiano quando alla fattoria di Jack arrivano fortunosamente la coetanea Jane e il piccolo Tony, anch'essi rimasti orfani e partiti dalla loro casa in cerca di una promessa di futuro, e in primo luogo per scappare da tutta quella sabbia. Dopo aver rubato la Ford V 9 di un anziano e burbero vicino (già defunto, peraltro), i tre partono alla volta del Texas orientale, dove in teoria potrebbero trovare l'aiuto dei parenti dei due fratelli. Non è che l'inizio di una vera e propria odissea lungo le polverose strade degli States della Grande Depressione, strade comunque affollate di delinquenti alla John Dillinger, gentili vedove abbienti, feroci tutori della legge pronti a sfruttare il prossimo per sbarcare il lunario, hoboes  nullatenenti che saltano sui treni in corsa per scroccare un passaggio gratis ed arrivare un po' più in là, circensi capitati nel giro sbagliato, umide paludi popolate di serpenti e alligatori, città afflitte dalla piaga della disoccupazione, e magari anche criminali di buon cuore come Pretty Boy Floyd, entrati nella leggenda per l'esagerazione di cronisti in cerca di storie sensazionali. Nel terzetto di adolescenti on the road, in cerca di avventure e disposti a seguire una missione per il puro gusto della ricerca, spiccano il pragmatico Jack, la voce narrante della storia, e la dinamica Jane, impagabile bugiarda che sogna un avvenire da giornalista, con un latente apostrofo rosa che incombe sulle loro peregrinazioni. Un luminoso esempio di narrativa per ragazzi felicemente sospesa tra Steinbeck e Mark Twain, che parte dall'abisso di un ragazzo senza speranza e si conclude lasciandoci intravedere da una fessura del presente una moderata speranza di futuro, il tutto dopo aver attraversato un'irresistibile avventura di formazione tra coetanei. Quanto basta per immergersi nella lettura carichi di attese, insomma...

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner