partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


74° Berlinale
Un orso che non smette mai di cacciare
41° Torino Film Festival
Un minestrone di proposte
France Odeon 2023
XV edizione
Festa del Cinema di Roma
XVIII edizione
Venezia 80
Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica
Cannes 2023
La madrina è Chiara Mastroianni
Far East Film 25
Un festival faro per il cinema orientale in Europa
Florence Korea Film Fest
XXI edizione
73° Berlinale
Primo grande festival di inzio 2023
River to River
Florence Indian Film Festival 2022

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  05/03/2024 - 06:35

 

  home>cinema > festival

Scanner - cinema
 


Panoramica di Cannes 1999
Un'edizione senza stelle, con gli autori
Scanner sulla Croisette

 




                     di Riccardo Ventrella


Presentazione del Festival di Cannes 2001
Panoramica di Cannes 2001
I premi di Cannes 2001
La stanza del figlio
The man who wasn't there
Shrek
Moulin Rouge
The Pledge - La promessa
Almost Blue


Cannes 2000: presentazione del festival
Cannes 2000: seconda corrispondenza
Cannes 2000: terza corrispondenza
Cannes 2000: quarta corrispondenza
Cannes 2000: la premiazione
Panoramica di Cannes 1999
Cannes 1999: la premiazione


Continua ad essere il festival più prestigioso del globo. Andare a Cannes non è mai così scontato, vincere men che meno. L'edizione 1999 avrà forse meno lustrini: il clima di tristezza per lo stato di guerra nei Balcani ha consigliato a tutti una maggiore sobrietà. Il programma è comunque un raro concentrato degli autori che, nell'ultimo periodo, hanno omaggiato il festival delle loro opere. Quasi un repertorio di classicità, una piccola storia, nella storia, del cinema. Nel concorso, gli europei fanno la loro parte: basterebbe citare il decano De Oliveira, o Peter Greenaway ,che torna con un film felliniano nel titolo e nella scelta dei ocrpi femminili, 8 1/2 Women. C'è un Almodovar annunciato più spiritoso che mai, Tout sur ma mère, e il ritorno dopo otto anni di Leos Carax con Pola X. Un solo italiano, Marco Bellocchio con La Balia da Pirandello: molte polemiche per questo, visto che neppure le sezioni collaterali contengono film nazionali (a parte il "meticcio" Marco Bechis), ma, ragionaevolmente, non pare che vi siano pellicole degne di ben figurare nella selezione. Gli americani portano tre assi del cinema indipendente, Jim Jarmusch, Tim Robbins e John Sayles, nonché il sempre ben visto a Cannes Lynch. Difficile che possa ripetersi l'effetto-Tarantino del 1994, ma la qualità si annuncia buona. C'è, soprattutto, il cinema orientale, il melodrammatico Chen Kaige con L'imperatore e l'assassino e l'ineffabile Kitano, leggermente fuori da suoi schemi consueti con L'estate di Kikujiro. Pochi i favoriti veri, per la giuria presieduta da David Cronenberg: forse l'apolide Atom Egoyan, ispiratosi di nuovo alla letteratura per Le Voyage de Félicia. La sezione Un certain regard, da sempre fabbrica di idee per un cinema diverso, propone come motivi di interesse il nuovo As bodas de Deus di Joao Cesar Monteiro, cineasta sempre in grado di sorprendere, il debutto nella regia di Christopher Doyle, direttore della fotografia di Wong-Kar-Wai, The Winslow Boys di David Mamet e un nuovo film dei due registi-intellettuali Jean-Marie Straub e Danièlle Huillet, Sicilia. Saltate le prime di Eyes Wide Shut e del nuovo Guerre Stellari, nella sezione "eventi speciali" faranno la loro buona figura EdTV di Ron Howard e il discusso Dogma, di Kevin Smith, rifiutato dalla Disney perché ritenuto blasfemo ed offensivo verso la religione cattolica. Se il cinema vi annoia, è sempre possibile andare sulla spiaggia...

Voto 7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner