partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Visages, Villages
Di Agnès Varda e JR
Toscana a Cannes
Con Le Meraviglie
Ip Man - The Final Fight
Alle radici del kung fu
Django Unchained
L'ultimo Tarantino è spaghetti western
Il risveglio del fiume segreto
Il viaggio sul Po di Paolo Rumiz
Harry Potter: la fine della saga
Regia di David Yates
The Social Network
Regia di David Fincher
Robin Hood
Regia di Ridley Scott
Blade Runner: the final cut
Regia di Ridley Scott
StarWars Episode III - La vendetta dei Sith
Regia di George Lucas

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  25/08/2019 - 05:11

 

  home>cinema > anteprime

Scanner - cinema
 


La morte può attendere
Regia di Lee Tamahori
Cast: Pierce Brosnan, Halle Berry, Rick Yune, Judi Dench, John Cleese; azione; Gran Bret./Usa; 2002; C.; dur. 2h

 




                     di Paolo Boschi


Casino Royale
007 Il domani non muore mai
Il mondo non basta
La morte può attendere
Pierce Brosnan


Il suo nome è Bond, James Bond, e per lui la morte è un discorso che può sempre attendere, non a caso l’agente britannico continua ad essere protagonista di uno dei serials più longevi che mai siano apparsi sul grande schermo. La morte può attendere è infatti addirittura il ventesimo titolo affidato al magnetico glamour dell’agente 007 con licenza di uccidere al servizio di Sua Maestà, mito cinematografico per definizione ma ancor prima personaggio letterario, creato da Ian Fleming cinquant’anni or sono. L’ultimo Bond della serie al solito non delude e presenta la ‘solite’ novità dell’ultima ora più l’immancabile mosaico di graditi richiami alla stratificatissima storiografia della spia più celebre a livello mondiale. In tendenza con il graduale aumento del tasso di azione pura della serie in cabina di regia è arrivato il neozelandese Lee Tamahori, già autore di Once were warriors e Nella morsa del ragno, mentre nei panni del britannico agente (per la quarta volta consecutiva) si conferma Pierce Brosnan, probabilmente lo 007 più carismatico dai tempi dell’indimenticabile Sean Connery. La novità principale del cast riguarda però la co-protagonista, ovvero la splendida Halle Berry, premio Oscar per Monster’s ball, nei panni dell’imprescindibile Bond-girl di supporto, l’enigmatica e validissima Jinx, cui (si vocifera) dovrebbe essere affidato il primo spin off della serie. La morte può attendere prende avvio nel clima rovente della zona smilitarizzata del trentottesimo parallelo, al confine tra la Corea del Sud e la Corea del Nord: la missione sotto copertura di James Bond, volta ad appurare se il colonnello nord-coreano Moon possieda armi di distruzione di massa, è messa a repentaglio da ignoto traditore e l’agente inglese dovrà prodursi in una fuga altamente spettacolare su hovercraft per non rimetterci la pelle. La storia (e l’indagine) continua portando James Bond in giro per il mondo, tra Hong Kong, l’Islanda, Cuba e Londra. L’apporto della bella e misteriosa Jinx si rivelerà fondamentale per reperire l’autore del fallimento coreano e salvare il mondo (of course) dall’immancabile catastrofe progettata dal classico villain megalomane. Da segnalare l’esordio della Berry, che si immette nella storia uscendo dall’acqua con un bikini arancione: una riuscita citazione dell’entrata in scena della prima storica Bond-girl, ovvero Ursula Andress in 007 - Licenza di uccidere, anno di grazia cinematografica 1962. Dalla trama s’intuisce che La morte può attendere non è che l’ennesimo restyling della quarantennale saga di James Bond, ritmato, spettacolare e patinato come l’ambientazione spionistica da sempre esige. Rispetto agli ultimi titoli della serie Bond recupera come auto di servizio la fidata Aston Martin– recentemente sostituita da roboanti Bmw –, mentre purtroppo manca all’appello l’attore Desmond Llwelly, il mitico Q, sostituito da John Cleese. Il Leitmotiv del film, di marca hip hop, è affidato stavolta all’ugula di Madonna.

La morte può attendere - Die another day, regia di Lee Tamahori, con Pierce Brosnan, Halle Berry, Rick Yune, Judi Dench, John Cleese; azione; Gran Bret./Usa; 2002; C.; dur. 2h

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner