partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Topolino: 75 anni e non sentirli....
Mickey Mouse compie tre quarti di secolo
X-Treme X-Men # 12
Secondo fronte!
Shi, by Bill Tucci
La bella e letale guerriera della Crusade Comics
Riccardo Mannelli's Portrait
Visioni memorabili e fotogrammi implacabili
X-Men: Profilo X
Una creazione di Stan
I Trapper
I cacciatori della nuova frontiera americana...
Tom's Bar
Di Berardi & Milazzo
Spawn, l'angelo nero
Un profilo del fortunato demone di Todd McFarlane
Elektra
La dark girl per definizione del Marvel Universe
La Principessa Mononoke
Un anime di Hayao Miyazaki

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/09/2019 - 10:48

 

  home>strips > personaggi

Scanner - strips
 


Elektra
La dark girl per definizione del Marvel Universe
La bella e letale assassina a pagamento creata dal grande Frank Miller

 




                     di Paolo Boschi


Shi
Lara Croft: Tomb Raider Magazine
Fathom, la bellezza che viene dal mare
Elektra
Vampi & Shi, un team-up all'ultimo sangue
Aphrodite IX
Introducing... Aphrodite IX
Vampirella
Witchblade
Principessa Mononoke
Legs Weaver
F.Compo
Julia
Beverly Kerr
Gea
La clinica dell'amore


Elektra, al secolo Elektra Natchios, cittadina di origine greca, Elektra è uno dei personaggi più innovativi ed originali partoriti dalla penna del grande Frank Miller, classe 1957, autore (anche sotto il versante grafico) di una tranche memorabile di storie di Daredevil (o Devil come lo chiamiamo in Italia da tre decadi) che hanno rilanciato per un certo periodo le sorti editoriali del Diavolo Rosso, uno degli eroi storici del settore dark del Marvel Universe: a Miller si deve inoltre la rielaborazione noir di Batman, stavolta per la DC Comics, casa editrice per la quale ha creato anche Ronin, per non parlare delle ultime creazioni mature per l'indipendente Dark Horse. Tornando a Elektra, è d'obbligo ricordare che questo straordinario personaggio di antieroina ha avuto un tale gradimento di pubblico fin dalla prima striscia di storie a lei dedicate - ha esordito nel numero 168 di "Daredevil" nel 1981 - che, nonostante fosse morta alla fine della saga, si è reso necessario dedicarle la splendida graphic novel Elektra Assassin, sceneggiata da Miller e disegnata da Bill Sienkiewitz, e quindi approntarne la resurrezione, come è puntualmente avvenuto nella miniserie Elektra lives again, scritta ancora da Miller ma disegnata da Lynn Varley.

Elektra

Elektra si è trasferita in America al seguito del padre, importante diplomatico greco, ed a New York si è innamorata di uno studente di legge cieco, il giovane Matt Murdock, non ancora divenuto Devil. Quando il genitore viene rapito da un gruppo di terroristi, Elektra, già un abile combattente, dà man forte al futuro Diavolo Rosso: nonostante insieme abbiano sbaragliato i criminali, non riescono ad impedire la morte del padre di lei. La giovane lascia tutto e, nonostante il dolore stia facendo emergere il suo lato oscuro, entra nell'organizzazione di ninja bianchi (i Casti) capeggiati da Stick, il vecchio maestro non vedente di Devil. I buio che va oscurando la sua anima diventa asservimento al male quando Elektra entra come infiltrata nella setta nipponica di assassini nota come la Mano, divenendo alla fine essa stessa una cacciatrice di taglie ed un'assassina a pagamento: Elektra non ha superpoteri energici, ma eccelle nelle arti marziali e nell'uso dei suoi affilatissimi sai. La sua prima strabiliante apparizione è l'incontro/scontro con l'amante di un tempo, ormai divenuto un supereroe, il rosso protettore di Hell's Kitchen. Nella splendida tranche di storie vedremo la parabola di Elektra prima avversaria e poi alleata del Diavolo Rosso, uccisa (trafitta dai suoi stessi sai) da Bullseye, la nemesi di Devil. Resuscitata dai suoi vecchi padroni della Mano, risorgerà purificata dal suo lato oscuro grazie a Matt Murdock, recuperando stabilità e conservando la sua ferrea volontà combattiva. Come bad girl francamente non si può chiedere di più: incredibilmente sexy, intrigante sotto il versante noir e... bella da morire, che nel suo caso non è una frase fatta.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner