partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Rotomago, Julien Noirel
Nyarlathotep
Violet
GG Studio
Stefano Fantelli
El Brujo Grand Hotel
Matt Kindt
Super Spy
Craig Thompson
Habibi
Davide Aicardi
Extinction Seed
Daniel Clowes
Wilson
Jean-Claude Götting
Il baule Sanderson
Uli Oesterle
Hector Umbra
Daniel Clowes
Come un guanto di velluto forgiato nel ferro

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  21/10/2017 - 06:57

 

  home>strips > fumetti

Scanner - strips
 


Aphrodite IX
L'ultima sensazionale bad girl della Top Cow
Una splendida androide dai capelli smeraldo, programmata per uccidere e dimenticare

 




                     di Paolo Boschi


Shi
Lara Croft: Tomb Raider Magazine
Fathom, la bellezza che viene dal mare
Elektra
Vampi & Shi, un team-up all'ultimo sangue
Aphrodite IX
Introducing... Aphrodite IX
Vampirella
Witchblade
Principessa Mononoke
Legs Weaver
F.Compo
Julia
Beverly Kerr
Gea
La clinica dell'amore


Le sue origini le avevamo intraviste di sfuggita nel numero cinque di "Witchblade Magazine", ma già si intuiva qualcosa di intrigante nella creazione dell'ultima bad girl targata Top Cow: la meravigliosa Aphrodite IX, una bellissima Venere col numero nove marchiato in cifre romane sulla spalla sinistra , una splendida ragazza androide dai capelli verdi, assemblata in un futuribile laboratorio, anziché emersa dalla spuma del mare come la sua divina omonima. Come l'X-Man Wolverine la nuova eroina è stata creata per essere una micidiale arma vivente: intelligente, adattabile, forte, dalle mille risorse e senza scrupolo alcuno né fantasmi nel cassetto. Anche perché è stata programmata affinché la sua memoria faccia reset ogni volta che ha portato a termine una missione (omicida, chiaramente). I creatori della nuova serie, David Wohl e Dave Finch, hanno architettato un avvio dirompente ed in medias res per la prima storia di Aphrodite IX: l'affascinante androide verdechiomata la vediamo precipitare direttamente da un palazzo, la osserviamo mentre incassa senza sforzo eccessivo qualche scarica d'arma da fuoco sparata a bruciapelo e quindi sbarazzarsi senza apparenti problemi di un gruppo di uomini in divisa ipertecnologica. Prima dell'oblio vediamo uno sconosciuto prelevarla dal campo di battaglia e quindi addormentarla: al suo risveglio la ragazza sintetica apprenderà qualche particolare sul suo passato da una registrazione effettuata da lei stessa che le spiega la sua natura 'inumana', i suoi talenti e la sua 'amnesia' programmata, scoprendole pure l'identità del suo salvatore dall'aspetto poco raccomandabile, giusto prima di partire per una nuova missione letale e ricca d'adrelina. "Aphrodite IX" è una serie sul successo della quale si può rischiare di scommettere: il personaggio intriga subito, e non solo per l'obiettiva avvenenza, quanto per la dinamicità delle trame e per i sensuali disegni di un ottimo Dave Finch, supportato dai luminosi colori di Steve Firchow. Un personaggio femminile che deve non pochi spunti narrativi all'opera di Asimov e Dick: l'ambientazione in particolare sembra una miscela tra le atmosfere cupe di Blade Runner e quelle da decadenza post-nucleare della saga di Mad Max. Risulta infine particolarmente azzeccata l'idea di tratteggiare una bellissima ragazza metà umana e metà artificiale (creata comunque in laboratorio) che è un mistero tout court per la sua particolare programmazione, ma sembra vivere di vita e desideri autonomi: e dunque è logico attendersi da lei una progressiva ricerca della verità sulle proprie origini. A parte questo, Aphrodite IX è dotata di un sex appeal che rivaleggia con le varie Witchblade, Fathom, Lara Croft e compagnia bella. Provare per credere...

WITCHBLADE MAGAZINE N° 6, mensile; pp. 80 [Cult Comics]

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner