partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Takashi Murakami
Il cane che guarda le stelle
Rotomago, Julien Noirel
Nyarlathotep
Violet
GG Studio
Stefano Fantelli
El Brujo Grand Hotel
Matt Kindt
Super Spy
Craig Thompson
Habibi
Davide Aicardi
Extinction Seed
Daniel Clowes
Wilson
Jean-Claude Götting
Il baule Sanderson
Uli Oesterle
Hector Umbra

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  08/08/2022 - 15:35

 

  home>strips > fumetti

Scanner - strips
 


Kerry Kross presents: Beverly Kerr
La nuova eroina della Max Bunker Press
Una giovane psicologa e detective per hobby

 




                     di Paolo Boschi


Shi
Lara Croft: Tomb Raider Magazine
Fathom, la bellezza che viene dal mare
Elektra
Vampi & Shi, un team-up all'ultimo sangue
Aphrodite IX
Introducing... Aphrodite IX
Vampirella
Witchblade
Principessa Mononoke
Legs Weaver
F.Compo
Julia
Beverly Kerr
Gea
La clinica dell'amore


Fondatore ed a lungo direttore di “Eureka”, Luciano Secchi alias Max Bunker da quasi un quarantennio è una presenza fissa del fumetto italiano, soprattutto grazie al suo personaggio più noto, ovvero Alan Ford, agente segreto dello scalcinatissimo Gruppo T.N.T., la cui serie continua ad essere pubblicata e ristampata con incredibile regolarità, in particolare i primi mitici 75 numeri, quelli disegnati dall’indimenticabile Magnus. Dopo aver fondato una casa editrice in proprio, Luciano Secchi non ha perso il vizio di ideare e lanciare nuovi personaggi: è il caso dell’investigatrice Kerry Kross, ex agente FBI, una donna tutta d’un pezzo, tra l’altro dichiaratamente gay. A luglio ha debuttato in edicola “Beverly Kerr”, la serie nuova serie targata Max Bunker Press (per adesso un numero unico), che vede appunto la bionda detective di Los Angeles nei panni della classica guest star (il chiasmo Kerry-Kerr è fin troppo evidente). Beverly Kerr è una giovane ma affermata psicanalista di New York, fidanzata con un affascinante procuratore distrettuale: carina, capelli corti alla Audrey Hepburn, sullo stile (anche troppo) di Julia Kendall, la sofisticata criminologa della Bonelli. Nella prima storia della serie la dottoressa Kerr noterà strane coincidenze tra le fantasie a base di violenza, stupri ed assassini di un suo paziente e la catena di omicidi sulla quale sta cercando di far luce il suo fidanzato. Nonostante l’etica professionale glielo impedisca, Beverly Kerr decide comunque di indagare in proprio almeno finché, a metà storia, arriverà a dargli man forte una del mestiere, ovvero Kerry Kerr, giusto in tempo per strapparla alle grinfie del candidato Hopkins, ben deciso a violentare la nostra eroina. Attraverso sottotrame convergenti non particolarmente originali, l’intrigo si dipanerà facendo convergere i sospetti sull’impeccabile (ma spiccio) candidato alla carica di sindaco di New York. “Beverly Kerr” non brilla particolarmente sul versante novità: le frequenti scene di nudo, il linguaggio e la violenza esplicita contraddistinguono infatti, ormai da decenni, le serie ideate da Max Bunker, il primo sceneggiatore ad introdurre il genere noir nel fumetto italiano – vedi le storiche serie di Kriminal, Satanik e, infine, Kerry Kross, più spostata sul versante della contaminazione con il giallo ed il thriller -. Si può tentare, anche per il tratto retrò del disegnatore Dario Perrucca.

BEVERLY KERR N° 1, Il candidato Hopkins [Max Bunker Press]

Voto 6 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner