partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Crave
Di Sarah Kane
Era la nostra casa
Scritto e diretto da Nicola Zavagli
Teatro popolare d’arte
Tutto Scorre - una favola nera
Tre donne in cerca di guai
Regia di Nicasio Anzelmo
Call Me God
Finalmente l'edizione italiana
Piero della Francesca
Il punto e la luce
Raffaello Baldini
Cantiere poetico
Roma Fringe 2015
Il festival entra nel vivo
15/45 Uno studio sulle guerre
Tre atti teatrali sul desiderio della libertà
Lab danza
Due appuntamenti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  24/07/2017 - 10:35

 

  home>live > appuntamenti

Scanner - live
 


Gabbia III
Testo e regia Stefano Massini
Con Barbara Valmorin, Luisa Cattaneo, Maria Bazzani
dal 18 al 24 settembre 2008 al Teatro Manzoni di Calenzano

 




                     di Tommaso Chimenti


La fine di Shavuoth, 2010
I capitoli del crollo, Volume primo: Tre fratelli, 2010
L’Italia s’è desta, 2010
Frankenstein ossia il Prometeo moderno, 2009
La Gabbia III, 2008
Donna non rieducabile, anteprima, 2007
L’odore assordante del bianco, recensione, 2007
Stefano Massini, Scanner intervista il regista fiorentino, 2007
L’odore assordante del bianco, scritto e diretto da Stefano Massini, 2007
Muro di silenzio, diretto da Stefano Massini, 2005
Norma 44, di dacia Maraini, diretto da Stefano Massini, 2004
La Gabbia, diretto da Stefano Massini


Le sbarre di Massini, anche in questo terzo caso, sono lì per il pubblico, per far vedere quella cicatrice, quella distanza, materiale e palpabile, tra il bene, fuori, ed il male rinchiuso. La gabbia, invece, anche qui, è, paradossalmente, la liberazione dell’imprigionato che ha cercato il limite, il confine spazio-temporale in un gioco che oscilla tra il senso di colpa e lo sgravio, il rilassamento dopo tanta pena pensosa, la leggerezza, il respiro dopo anni di buio. Che sia il non dialogo tra la madre borghese e la figlia brigatista, che sia l’irreprensibile docente colluso con i poteri forti, che sia questa anziana che ha staccato la spina al figlio ridotto in condizioni di vegetale. Un corpo, lo chiama, mai persona. Non più. Dice che “non ho ucciso la persona ma ho ucciso la macchina”. Ma anche il figlio è una figura assente con i contorni sfarinati. Così come il dilemma tra l’uomo, piccolo e fallace, nei confronti delle macchine, veloci e perfette. Dettagli immessi nella drammaturgia di Stefano Massini che arricchiscono e sembrano portare su altre strade, nuove riflessioni, un testo a più livelli, con più sfoglie da indagare. In bianco, quello che vorremmo iconoclasticamente fosse la candida purezza della verità, è l’avvocatessa bionda, precisa, puntuale, impassibile, senza emozioni - Luisa Cattaneo, in nero è l’anziana signora – Barbara Valmorin che mostra un’infinita gamma di sfaccettature e sfumature di caratteri. I colori sono quello che avremmo voluto vedere: il bene ed il male, quello che la gente ha bisogno, le classificazioni televisive, i buoni e quelli in castigo, senza possibilità di miscelarsi. E’ molto più rassicurante sapere che qualcuno ha ragione e che l’altro ha torto e la conseguente discussione sarà soltanto una conferma della tesi iniziale. Non cercare la verità ma ricondurre la realtà a quella nostra preverità imposta. Appunto il bianco è il bene, il nero è il male. Così è, così deve essere. “La Gabbia III” è l’incomunicabilità delle grandi città, i grandi condomini, il cemento. Ed infatti, sia la dura avvocatessa senza cuore che la vecchia madre che ha lasciato libero il corpo del figlio, parlano due autismi su due binari che mai s’incontrano. Due linguaggi completamente differenti: freddo e caldo, numeri e racconto, fatti crudi e umanità, professionalità e voglia d’essere ascoltata, chi fa il suo lavoro e chi sta vivendo. Emblematica è la posizione della sedia all’interno del parlatorio: dall’altra parte del tavolo per l’avvocato indifferente dalla gentilezza affettata, a contatto di gomito per la signora affamata di parole, d’attenzioni, d’ascolto. Siamo tutti prigionieri, ci dice Massini, e la soluzione non sarà liberarci dei legacci né accettare passivamente l’orizzonte tagliato verticalmente da tubi d’acciaio.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner