partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Crave
Di Sarah Kane
Era la nostra casa
Scritto e diretto da Nicola Zavagli
Teatro popolare d’arte
Tutto Scorre - una favola nera
Tre donne in cerca di guai
Regia di Nicasio Anzelmo
Call Me God
Finalmente l'edizione italiana
Piero della Francesca
Il punto e la luce
Raffaello Baldini
Cantiere poetico
Roma Fringe 2015
Il festival entra nel vivo
15/45 Uno studio sulle guerre
Tre atti teatrali sul desiderio della libertà
Lab danza
Due appuntamenti

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  22/09/2017 - 17:12

 

  home>live > appuntamenti

Scanner - live
 


Frankenstein ossia il Prometeo moderno
Scritto e diretto da Stefano Massini
Liberamente tratto da “Frankenstein or the modern Prometheus” di Mary Shelley, scene Laura Benzi, costumi Micol J. Medda, Caterina Bottai, luci Roberto Innocenti, proiezioni Maddalena Ammannati, Cristina Andolcetti, luci Roberto Innocenti. Sandro Lombardi dà viso e voce alla Creatura, con Luisa Cattaneo, Silvia Frasson, Amerigo Fontani, Alessio Nieddu, Daniele Bonaiuti, Simone Martini, Antonio Fazzini, Roberto Posse
Dal 5 al 17 maggio 2009 in prima assoluta al Teatro fabbricone di Prato. produzione Teatro Metastasio Stabile della Toscana / Teatro delle Donne Centro Nazionale di Drammaturgia / Festival della Creatività 2008

 




                     di Tommaso Chimenti


La fine di Shavuoth, 2010
I capitoli del crollo, Volume primo: Tre fratelli, 2010
L’Italia s’è desta, 2010
Frankenstein ossia il Prometeo moderno, 2009
La Gabbia III, 2008
Donna non rieducabile, anteprima, 2007
L’odore assordante del bianco, recensione, 2007
Stefano Massini, Scanner intervista il regista fiorentino, 2007
L’odore assordante del bianco, scritto e diretto da Stefano Massini, 2007
Muro di silenzio, diretto da Stefano Massini, 2005
Norma 44, di dacia Maraini, diretto da Stefano Massini, 2004
La Gabbia, diretto da Stefano Massini


Non chiamatelo mostro il “Frankenstein” di Stefano Massini. E’ soprattutto una creatura. Non è un aborto, ma è vita nata dalla morte. E’ l’uomo (questo è anche un intelligente omaggio a Galileo senza stereotipate messinscena) che costruisce la Torre di Babele per avvicinarsi il più possibile a Dio, per scardinarlo, sradicarlo dalle nuvole, prenderne il sopravvento. E’ il riflesso di un uomo che come Icaro vuole sapere, conoscere, andare per vie sconosciute e irrisolte, è un nuovo Prometeo (come nel sottotitolo ripreso da Mary Shelley) intento nella produzione del suo yeti, nella fabbricazione del Golem che spazzerà via la parola morte dal Creato, è Faust, è l’Anticristo. La creatura è tutt’al più un freak nella sua maschera- testa gigantesca di fondo cui presta voce e fattezze, riprodotte e sovrapposte al computer, di Sandro Lombardi, un immenso volto che guarda e scruta. Per pavimento un libro aperto e sfogliato, la vita-processo, sempre in movimento, un work in progress modificabile, costruita grazie alle piccole infinite inezie della vita, le azioni insignificanti delle vite che passano, che sembrano fiocchi di neve che, sciogliendosi si solidificano e si stratificano, andando a sommarsi imprescindibili, necessari e silenziosi. Che cosa siamo in fondo? “Un minuscolo millimetro di neve”. Dalla botola centrale si nasce e si muore; è una vagina rossa che porta la vita, è il camposanto che accoglie la bara, è l’ingresso e la fine, l’inizio e la discesa, un parto e la dipartita. Le tinte sono fosche, cupe, al limite del gotico. Il mostro ha una forte carica intimista e interiore, sembra schiacciato dal peso della responsabilità che si porta appresso attraverso questa nuova vita che gli è stata concessa, “Non ti ho chiesto io di farmi vivere”, e che non vorrebbe percorrere. Non sa chi è e maledice il suo creatore che si è sostituito a Dio donandogli un’altra possibilità senza quei tratti comuni, quelle sembianze terrene per poter esprimere la sua umanità senza cadere nel ridicolo da fenomeno da baraccone, scimmiottando King Kong. Questa ricerca al superamento dei limiti umani è al contempo anche la sconfitta umana resa, proprio quando arriva il successo e la creazione del Frankenstein mosaico-puzzle e patchwork diviene reale e tangibile, opera inaffidabile e inanimata di vita seppur dotata di azione e pensiero ma mancante della polvere di stelle, del friabile del quale è composta l’esistenza, dell’astratto, a tratti inconcepibile e assurdo, che compone una vita, che esistere è soltanto un lontano parente del vivere, poiché proprio thanatos dona quell’“epilogo senza il quale niente avrebbe senso”. E il giovane scienziato Victor ne capisce il fallimento totale trovandosi di fronte alla sua opera ultima. Non ci si può sostituire al divino, alla Natura, sono un fallimento l’accanimento terapeutico (invocato da Massini anche nella sua “Gabbia III”), è una mattanza la clonazione, la resurrezione lasciamola alla Pasqua. Un appunto: perché il corpo esanime sul lettino da anatomia assomiglia incredibilmente all’alieno ritrovato nell’Area 51? Prova di sostanza di Daniele Bonaiuti, “caravaggesco”, impetuoso e solido, rispondono “presente” anche Amerigo Fontani e Luisa Cattaneo. Il manipolo d’attori è ben affiatato, coeso e teso in un unico respiro.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner