partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  13/08/2022 - 23:48

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


King Kong
Regia di Peter Jackson
Cast: Naomi Watts, Jack Black, Adrien Brody, Andy Serkis, Jamie Bell; fant./avvent./dramm.; U.S.A./Nuova Zel.; 2005; C.

 




                     di Paolo Boschi


Creature del cielo
Anteprima de La compagnia dell'anello
Recensione de La compagnia dell'anello
Anteprima de Le due torri
Recensione de Le due torri
Anteprima de Il ritorno del re
Recensione de Il ritorno del re
Il romanzo di John R.R. Tolkien
Lo Hobbit di John R.R. Tolkien
King Kong
Amabili resti


Fin da bambino Peter Jackson sognava di girare un remake del mitico King Kong diretto a quattro mani da Merian C. Cooper ed Ernest B. Schoedsack  nel lontano 1933: dopo il successo planetario e la progressiva pioggia di Oscar caduta sulla trilogia del Signore degli anelli, il regista neozelandese si è potuto permettere un gadget da duecento milioni di dollari ed un cast di stelle di prima grandezza. Il risultato è una rivisitazione filologicamente corretta del mito di Kong, qua resuscitato in modo assai più efficace rispetto al sequel diretto da John Guillermin nel 1976, che pure si aggiudicò la statuetta per gli effetti speciali grazie allo scimmione meccanico realizzato da Carlo Rambaldi. La storia prende avvio a New York durante la Grande Depressione: la bella attrice disoccupata Ann Darrow viene ingaggiata sul filo di lana dallo sgangherato cineasta Carl Denham come protagonista di un’esotica storia d’avventura e tosto imbarcata alla volta di un’isola misteriosa fuori da ogni cartina geografica, insieme al resto della troupe, compreso lo sceneggiatore Jack Driscoll, promettente drammaturgo con cui Ann ha sempre sognato di lavorare. Il battello noleggiato giunge fortunosamente alla meta, che si rivela popolata da barbari selvaggi che catturano l’attrice e la offrono come vittima sacrificale al mastodontico gorilla che terrorizza l’isola, Kong. Diversamente dalla proprie abitudini, il gigantesco scimmione non pasteggia con la bella preda, ma se ne innamora e successivamente la difende dall’appetito di non uno (come nell’originale) ma ben quattro tirannosauri affamati. La fine è nota: catturato dall’equipaggio al soldo di Denham, mesi dopo Kong diventa la principale attrazione di Broadway, ma riesce a scappare, ritrova Ann e con lei scala l’Empire State Building, dove sarà abbattuto da una flotta aerea in un finale carico di pathos. Rispetto alla fonte filmica questa moderna rilettura della favola della bella e la bestia convince di meno, anche per le tante incongruenze narrative che emergono qua e là, ma anche il King Kong jacksoniano si fa guardare, soprattutto in virtù dell’immensa grazia della protagonista femminile e per merito della rielaborazione digitale del colossale gorilla, straordinariamente espressivo grazie al lavoro preliminare dell’attore Andy Serkis – la stessa tecnica già adottata con successo per il viscido Gollum del Signore degli anelli –. Da segnalare l’epica sequenza conclusiva e la roboante cavalcata dei dinosauri nella parte centrale. Il grande neo della pellicola resta comunque la durata, davvero eccessiva.

King Kong, regia di Peter Jackson, con Naomi Watts, Jack Black, Adrien Brody, Andy Serkis, Jamie Bell; fant./avvent./dramm.; U.S.A./Nuova Zel.; 2005; C.; dur. 3h

Voto 6/7 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner