partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesco Guccini
Cittanòva blues
Miroslav Krleža
Il ritorno di Filip Latinovicz
Vanni Santoni
Gli interessi in comune
Kurt Vonnegut
Un pezzo da galera
Caro Vecchio Neon
Dedicato a David Foster Wallace
Luciano Ligabue
La neve se ne frega
Francesco Sapone
E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)
Piero Galletti e Maurizio Fabretti
Più colla compagni. Una storia degli anni '70
J. R. R. Tolkien
Lo Hobbit
Juan Manuel De Prada
La tempesta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  13/08/2022 - 23:18

 

  home>libri > cult

Scanner - libri
 


Il Signore degli Anelli
di J.R.R.Tolkien
Rusconi Editore
1989

 




                     di Duccio Magnelli


Creature del cielo
Anteprima de La compagnia dell'anello
Recensione de La compagnia dell'anello
Anteprima de Le due torri
Recensione de Le due torri
Anteprima de Il ritorno del re
Recensione de Il ritorno del re
Il romanzo di John R.R. Tolkien
Lo Hobbit di John R.R. Tolkien
King Kong
Amabili resti


Un consiglio, prima di tutto: non considerate questo libro sorpassato. Anzi, consideratelo una novità assoluta, un oggetto da mettere in prima fila negli scaffali della vostra libreria. Poi, non lasciatevi impaurire dalle oltre 1300 pagine scritte a caratteri piccoli. Quando avrete finito vi resterà l’amara delusione di non potere più andare avanti. E ancora, se non l’avete fatto, leggete queste righe e poi correte in libreria a comprare questo mito della letteratura e lasciatevi cullare dalle vicende dell’Anello dall’immenso potere conteso fra il terribile stregone Saruman, re di Mordor la Terra Nera, e gli amici della Compagnia dell’Anello, Hobbit, Nani Elfi e Uomini, il cui compito è quello di fonderlo nella Montagna di Fuoco per riportare la pace nella Terra di Mezzo.
Il Signore degli Anelli è un romanzo fuori dal tempo e dal mondo. Porta il lettore oltre i limiti della fantasia e del sogno, offre avventure in luoghi inaccessibili e ignoti, racconta di alberi che camminano e parlano, di città d’argento e di diamante, di mostri tentacolari e di segreti spaventosi.
Ma questo mondo, immaginario e fantastico, diventa reale nel momento in cui l’autore,Tolkien, riesce a dargli una sua dignità, una sua storia. Ed allora i personaggi che popolano il mondo della Terra di Mezzo diventano improvvisamente vivi e la leggenda e la fiaba si mescolano con la realtà. È l’eterna lotta del bene contro il male, quella che Tolkien racconta con abilità e maestria. La storia dell’Anello conteso, simbolo del potere, diventa il pretesto per una rivisitazione, attraverso miti antichi, della parabola amara dell’uomo moderno, diviso tra pace e guerra, veri motori della storia.
L’avventura di Frodo il buono, e dei suoi amici, nel viaggio attraverso la Terra di Mezzo, s’identifica con il cammino quotidiano dell’uomo, con i suoi dubbi, le sue paure e le sue tentazioni.
Una visione un po’ troppo profonda del libro? Forse, ma la lettura può fermarsi anche più in superficie. Può limitarsi al senso estetico del romanzo, alle descrizioni strepitose di luoghi e personaggi. Può considerare questo libro solo una fiaba, senza dargli significati che potrebbe anche non avere.
Uscito nel 1954,la trilogia del Signore degli Anelli, sono infatti 3 i libri che lo compongono, divise immediatamente i critici ed i lettori. Considerato da molti, per ragioni mai chiarite, un libro di “destra”, divenne un vero e proprio “cult”. Pubblicato in Italia oltre 20 anni più tardi, ritrova, oggi, nuova vita, grazie soprattutto al film, presto in uscita anche da noi.
Il rischio, con il grande schermo, è sempre quello di dare corpo e volto a vicende e personaggi che esistono soltanto nella nostra fantasia. Ma ,il successo di Harry Potter spinge a credere che molti andranno a vedere il film.
Forse, sarebbe stato meglio lasciare ,il Signore degli Anelli dov’era, tra Mordor ed Eriador, tra le Montagne Nebbiose ed il Gran Burrone, ma sempre dentro gli spazi sconfinati della nostra immaginazione. Ma questa è solo una provocazione da un lettore che ha scoperto, molto tardi, un capolavoro.

Voto 7 + 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner