partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesco Guccini
Cittanòva blues
Miroslav Krleža
Il ritorno di Filip Latinovicz
Vanni Santoni
Gli interessi in comune
Kurt Vonnegut
Un pezzo da galera
Caro Vecchio Neon
Dedicato a David Foster Wallace
Luciano Ligabue
La neve se ne frega
Francesco Sapone
E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)
Piero Galletti e Maurizio Fabretti
Più colla compagni. Una storia degli anni '70
J. R. R. Tolkien
Lo Hobbit
Juan Manuel De Prada
La tempesta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  17/09/2019 - 02:31

 

  home>libri > cult

Scanner - libri
 


Francesco Sapone
E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)
Come un romanzo generazionale, la carriera dei Casino Royale
Round Robin Editrice, 2006, Collana Fari, 8 euro, pp.120, ISBN 88-901480-6-3, con intro di Alioscia e postfazione di Andrea Mi

 




                     di Giovanni Ballerini


Ognuno ha la sua colonna sonora. Non importa tenere l’ipod eternamente attaccato alle orecchie, spesso la vita va comunque a tempo di musica. Lo dimostra in maniera convincente “  E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)”, l’avvincente e singolare biografia – romanzo in cui Francesco Sapone passa in rassegna per la Round Robin Editrice la storia musicale dei Casino Royale e quella di una generazione che aveva venti anni alla fine degli anni Ottanta. Per loro fa da testimonial l’autore Francesco Sapone, per gli altri un gruppo che dal 1987 non ha mai smesso di sperimentare. I Casino Royale hanno infatti suonato (con successo) lo ska prima di tutti in Italia, poi hanno fatto da apripista per l’hip hop e il rocksteady nazionale, per l’elettronica, sono stati un ingranaggio perfetto per il suono della scuola di Bristol, per la drum’n’bass e infine per la club culture tricolore.

Soul of Ska (Vox Pop, 1988), Jungle Jubilee (Kono Records, 1990), Ten Golden Guns (Unicorn, 1990), Dainamaita (Black Out, 1993), Sempre più vicini (Black Out, 1995), 1996: Adesso! (Live - Black Out, 1996), CRX (Black Out, 1997), poi una pausa, un momento sin troppo lungo (per noi fan da sempre della band) di riflessione, che ha coinciso con il cambio di casa discografica, l’esplorazione delle potenzialità del web, progetti diversi, come i Royalize (Aliosha alla voce e Pardo alla programmazione) e finalmente a fine 2006, “Reale” (V2 Records, 2006) con cui la band, ormai da tempo orfana di Giuliano Palma (che ha fondato the Blubeaters), torna a specchiarsi alla grande nella contemporaneità con una musica talmente avanti da essere “Reale” e allo stesso tempo innovativa.

Detto questo, è impossibile non notare che nei libri che parlano di musica, nelle biografie dedicate a un artista o a un gruppo, di solito ci si limita a una dissertazione sui fatti e le note, al limite sui generi o sui movimenti del periodo. La genialità di Sapone sta invece nell’aver allestito una storia musicale che si intreccia alla storia personale dell’autore. Ne deriva un libro che descrive (assolutamente da dentro) i contesti e le passioni in cui è nata questa musica, che abbina amori e disillusioni a momenti musicali, la carriera dei Casino a quella di Sapone che da studente fuori sede a Firenze, si ritrova avvocato nella natia Calabria. Per fortuna che c’erano gli amici Royale a tenergli compagnia: è la musica del gruppo milanese a dare senso e motivazione ai tanti dubbi di un professionista atipico, è l’amicizia con i componenti della band a far volare la fantasia e l’umore. Non era facile condensare tante emozioni quotidiane in 120 pagine. E invece, alla fine questo piccolo grande libro mantiene quello che promette: un viaggio emozionale fra l’adolescenza e la maturità, senza false enfasi, ma con tante argomentazioni (assolutamente condivisibili) per descrivere il quotidiano. Il libro, che vanta anche l’introduzione del vocalist Alioscia Bisceglie e la postfazione del poliedrico Andrea Mi (apprezzato speaker e Dj di Controradio e direttore artistico del Festival del minuto) riesce insomma a narrare meglio di tanti saggi, accanto alla storia dei Casino Royale, la transizione creativa dalla fine degli anni Ottanta ai giorni nostri, la vita (anzi le vite) da musicista, ma anche quella di tanti fan, non per forza fanatici, ma anzi ben calati nella realtà, che vivono ogni giorno guardandosi intorno, con la musica per amico e tanti pensieri in testa.

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner