partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Francesco Guccini
Cittanòva blues
Miroslav Krleža
Il ritorno di Filip Latinovicz
Vanni Santoni
Gli interessi in comune
Kurt Vonnegut
Un pezzo da galera
Caro Vecchio Neon
Dedicato a David Foster Wallace
Luciano Ligabue
La neve se ne frega
Francesco Sapone
E di sorpresa abbiamo 40 anni (Ora solo io ora)
Piero Galletti e Maurizio Fabretti
Più colla compagni. Una storia degli anni '70
J. R. R. Tolkien
Lo Hobbit
Juan Manuel De Prada
La tempesta

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  12/11/2019 - 09:42

 

  home>libri > cult

Scanner - libri
 


Luciano Ligabue
La neve se ne frega
Il romanzo d'esordio di un narratore rock
Milano, Feltrinelli, 2004; pp. 237

 




                     di Paolo Boschi


Dopo quattordici anni di rock cantautorale - che è un bell'accostamento già di per sé ed evoca il nume di Springsteen -, una raccolta di racconti di gran successo come Fuori e dentro il borgo, due film come Da zero a dieci e la pellicola d'esordio Radiofreccia (già un cult movie), a Luciano Ligabue da Correggio, classe 1960, non restava che giocare la carta del romanzo con La neve se ne frega. E, dato che al Liga (come lo chiamano i suoi fan) piace spiazzare il gentil pubblico, il suo romanzo d'esordio è lontanissimo dal cliché el romanzo di formazione invalso negli ultimi dieci anni di letteratura italiana. Al contrario La neve se ne frega è un romanzo d'amore ambientato in un futuro prossimo e venturo, fantascienza sentimentale sulla falsa riga di Codice 46 di Michael Winterbottom, per intenderci, con meno roba hi-tech di contorno ed un pizzico di poesia in più, che in una storia d'amore non guasta mai. Ligabue ci conduce con un balzo neppure troppo spiazzante nei dintorni del 2095: il mondo finalmente pare aver trovato il modo di funzionare, è pulito, l'ambiente è rispettato e, quel che più importa, tutti sono felici, in ossequio ai diritti e doveri stabiliti senza eccessivo rigore dal Piano Vidor, il progetto che assicura il migliore dei mondi possibili per qualunque persona, purtroppo a fronte di un controllo pressoché totale del sistema sul singolo individuo. Unico dettaglio dell'operazione: si nasce vecchi ed a tempo determinato, ognuno ha diritto ad una compagna prefissata (o ad un compagno) fino al preasilo ed all'inevitabile morte (prestabilita dal sistema, ovviamente), ma anche ad una casa, ad un lavoro, ad un'automobile e ad un aereo. Un sistema sociale estremamente sicuro: si sa come si nasce, c'è la certezza di un compagno di vita e di un costante miglioramento fisico, si è consapevoli del momento della fine. E nonostante tutto permane nel mondo un'infinitesimale smagliatura percentuale di persone che si ostinano a suicidarsi in barba all'equità ed alla perfezione assicurate dal sistema. I due protagonisti de La neve se ne frega si chiamano DiFo e Natura, ringiovaniscono e lavorano, imparano ad amarsi sul serio, nonostante gli adulteri programmati che il Piano Vidor impone a ciascuno per preservare l'integrità della coppia: sono felici secondo programma, insomma. A DiFo e Natura succede però, apparentemente per caso, d'imbattersi nel mistero della gravidanza 'tradizionale' durante il loro amore che dura per tutto l'arco della vita: il mistero sarà prontamente decodificato dal sistema come disfunzionale ormonale, ma per strade tortuose condurrà la coppia a contatto con un'antica tradizione genetica tramandata oralmente per generazioni, ovviamente inaccettabile per il Piano Vidor. Un romanzo essenziale, provocatorio e generoso: Ligabue utilizza la fantascienza come cartina di tornasole dell'amore e del mistero della vita, spiazzandoci con una prospettiva anomala sul mondo come abbiamo imparato a conoscerlo: uno sguardo intrigante ed al tempo stesso inquietante su un futuro prossimo e venturo, avvolto costantemente in un'atmosfera di sfumata nostalgia. Vi pare un ossimoro? In effetti è proprio così...

Luciano Ligabue, La neve se ne frega, Milano, Feltrinelli, 2004; pp. 237

Voto 8 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner