partner di Yahoo! Italia

Fizz - Idee e risorse per il marketing culturale !

Scanner - Cultura Opinioni Online
links redazione pubblicità info redazione@scanner.it


   


Full Time
Regia di Eric Gravel
A white white day
Un film di Hlynur Pàlmason
Minari
Di Lee Isaac Chung
Tutti pazzi per Yves
Regia di Benoît Forgeard
Lacci
Regia di Daniele Lucchetti
Roubaix, une lumière
Regia di Arnaud Desplechin
Parasite
Di Bong Joon-Ho
Il lago delle oche selvatiche
di Yi’nan Diao
Memories of Murder
Regia di Bob Joon-Ho
1917
Regia di Sam Mendes

 


Ricerca avanzata

 

 

Arte Musica Libri Cinema Live Interviste Home Vignette Gallery Hi-Tech Strips Opinioni Gusto Ospiti TV

  14/08/2022 - 00:28

 

  home>cinema > film

Scanner - cinema
 


Radiofreccia
Regia di Luciano Ligabue
Cast: Stefano Accorsi, Luciano Federico, Alessio Modica, Enrico Salimbeni, Roberto Zibetti, Francesco Guccini; commedia; Italia; 1998; C

 




                     di Riccardo Ventrella


Ligabue Quasi Acustico Tour 2011, concerto alla Pergola di Firenze
Ligabue Tour 2010, concerto allo Stadio Artemio Franchi di Firenze
Luciano Ligabue, Arrivederci mostro, Warner Music 2010
Ligabue Live in Florence 2006
Ligabue da Guinness
Il concerto al campovolo 2005
Ligabue tour 2003, In Teatro
Fuori come va?
Fuori come va? Altra recensione
Dazeroadieci
Miss Mondo
Radiofreccia


Possiamo essere eroi, anche solo per un giorno, cantava David Bowie. Il sogno di Bruno è quello di cavalcare le onde dell’etere, con un piccolo trasmettitore da pochi watt e tutta la forza della musica. La sua soffitta diventa la base operativa di un gruppo di amici, che a Radio Raptus dedicano tutte le loro energie mentali. Sono i diabolici anni settanta, con i fantasmi della droga, i saggi consigli di un barista, una favola di libertà che corre per la bassa padana. “Radiofreccia” è così, indistinguibile dall’anima sincera del suo estemporaneo creatore, Luciano Ligabue, rocker dalla schitarrata facile, prestato prima alla penna poi alla macchina da presa (mossa sotto la supervisione attenta di Antonello Grimaldi). Racconta una ballata semplice, di una forza così evidente da non poter neppure essere sottolineata. La storia di una provincia piccola, quasi da romanzo americano, pronta ad affidare alla fantasia il compito di dare un senso alla vita, con tutte le contrarietà, i fallimenti, le tragedie che da questo possono venire. Racconta un piccolo pezzo di storia italiana, il ponte che porta fino agli anni novanta, il cumulo di sogni infranti ed illusioni di una generazione che alle parole dei cantanti ha creduto fino in fondo. Così Freccia, in bilico tra l’amore e l’eroina, è l’eroe vitale che strilla nel microfono, l’eroe anche solo per un giorno che vola dritto verso il suo destino. Non sarà denso di intriganti invenzioni visive, “Radiofreccia”, ma si fa apprezzare perché si tramuta in storia quasi senza parere, perché come una grande vera band riunisce un gruppo di giovani attori (capitanato da Stefano Accorsi, già nei “Piccoli maestri”) per le parti soliste, ed affida i controcanti ad Adolfo, gestore del bar Laika, rifugio di Radio Raptus, ovvero alla sagacia ed ai motti di Francesco Guccini, non a caso anche lui un cantante, coro filosofico, spirito allegro, burbero censore senza età, col bicchiere di vino sempre pronto. C’è la perdita della giovinezza, e insieme dell’innocenza, la paura del grande salto verso il futuro, le inevitabili delusioni che si provano per i sogni non realizzati. Come in “American Graffiti”, c’è il senso di un’attesa e di una mancanza, la grande porta da superare per entrare nel mondo dei “grandi”: il tempo, nessuno lo riporterà indietro, neppure noi. Ampio spazio è riservato ad una colonna sonora curatissima, in puro stile anni settanta come si conviene, che spazia dai Roxy Music ai Doobie Brothers; non semplice commento, ma ragione di vita, miraggio da inseguire. Lo stesso miraggio che ha spinto Luciano Ligabue su e giù da una palco, ad affittare a quattro accordi di chitarra elettrica i suoi sogni, e adesso a condensarli in due ore di immagini. ”Radio, live transimission”, cantavano i Joy Division, in una delle canzoni che ha trasformato gli anni settanta, e invitavano a ballare sulle onde radio. Perché chi balla, come Freccia, può sfuggire a qualsiasi cosa. Quando il mito corre per le strade soleggiate della pianura padana.

Radiofreccia, regia di Luciano Ligabue, con Stefano Accorsi, Luciano Federico, Alessio Modica, Enrico Salimbeni, Roberto Zibetti, Francesco Guccini; commedia; Italia; 1998; C

Voto 7+ 

        Invia Ad Un Amico

© Copyright 1995 - 2010 Scanner